Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 08/22/2021 in all areas

  1. 3 points
    EDIT: "recensione" a pag. 4 Il pallino della flying V sono molti anni che me lo porto dietro. Ricordo quando arrivai molto vicino a comprare la hamer vector in korina di Francé (col senno di poi avrei fatto un grandissimo affare visto come sono schizzati i prezzi), ormai più di dieci anni fa penso. L'explorer, che ormai ho da 4 anni, ha cementato la mia ossessione per questo legno e questa incredibile coppia di chitarre che Gibson ha lanciato in commercio nel 1958. Se consideriamo quanto, oggi, siano ancora radicali e aggressive, penso che mi piacerebbe molto assistere a come queste chitarre smascellarono il pubblico che le vide per la prima volta al NAMM del 1957. E dunque, un pò questo tarlo che mi porto dietro da anni, un pò che la V è davvero comodissima da suonare, un pò che ho la fortuna di conoscere un ragazzo davvero bravo a fare repliche Gibson dei tempi d'oro, alla fine gli ho detto "e fammi 'sta Flying V". La chitarra è in lavorazione proprio in questi giorni, quindi ho pensato che poteva essere divertente condividere qualche foto del work in progress. Premetto però che non si tratta di una replica al 100%. Ho preferito fare alcune concessioni al mio gusto personale, perché ho sempre un occhio anche all'aspetto pratico e le mie chitarre voglio suonarle comodamente. La base e le caratteristiche costruttive sono naturalmente fedelissime, dai legni (compreso il palissandro brasiliano per la tastiera) alle colle ed alle vernici. Per le misure e gli scassi sono stati usati i progetti più affidabili reperibili in rete, aggiustati grazie alle misure prese da un flying V del 58 originale. Il legno di body e manico è stagionato 30 anni e il tutto dovrebbe pesare meno di 3 chili. La deviazione si ha nel posizionamento del bottone della tracolla, che sarà dietro il manico anzichè sulla spalletta, nei tasti, avendo optato per un medium jumbo anziché per un fretwire vintage, e per i dot laterali, che sono circa un 20% più grandi del normale perché siano più intelligibili dal vivo. I pickup saranno dei Wolfetone Marshallhead MKII con master volume e master tone, e ho deciso di installare un killswitch dove sarebbe stato il volume del ponte (storicamente ci azzecca zero, ma che me ne frega). Completerà tutto un ABR originale del 64 (purtroppo cromato e non gold, pazienza, quello ho trovato). Per tali ragioni, non ci sarà il logo Gibson sulla paletta (avrebbe avuto ormai poco senso) ma la firma del costruttore: Davide Santucci. Largo alle foto! Incrocio le dita sperando che tutti i pezzi che ho ordinato per completare il lavoro arrivino presto :)
  2. 2 points
    Ma scusa, ci hai visto in faccia? secondo te suoniamo davvero? Siamo una manica di benefattori e basta
  3. 2 points
    nulla, noi facciamo solo girare l'economia.
  4. 1 point
    Avrei detto lo stesso, ovviamente tirando a indovinare
  5. 1 point
    Per me è un vibe/phaser.
  6. 1 point
    La classic T è stata la mia seconda Suhr in ordine cronologico. Ottima, sicuramente, magari un po' diversa dalle classiche tele (ne ho avute tre / quattro, tra CS '63, MJT e altre). Venduta per fare spazio alla mia Suhr Alt T pro. La Tele è un'ottima scelta sicuramente ...... non sapendo che cosa suoni ti direi che, nonostante l'avversione alle strato, un giro su una SSH potresti provare a fartelo. Vieni da una PRS molto moderna e versatile, una SSH potrebbe avvicinarsi a quella versatilità. Senza nulla togliere alla tele, chitarra stupenda
  7. 1 point
    Per testarne la resa come clean boost , l'ho usato in abbinamento al Wampler Clarksdale, pedale che ho messo in vendita, in quanto in questo momento sono in una fase di idiosincrasia verso gli screamer. Rispetto ai classici Ibanez, il Clarksdale è già meno nasale sulle medie; con il Linedrive davanti, oltre all'incremento di botta e di gain, si attenua ulteriormente quella sorta di marcio che caratterizza questa tipologia di overdrive. Ora voglio provarlo anche prima del canale drive del The AT+ per vedere la differenza di resa con l'eccellente boost integrato del JHS.
×