Jump to content
delay

Drum Machine

Recommended Posts

Darione non è peregrina nemmeno la nuova tr8, l'interfaccia è la copia in pratica delle vecchie tr, il sequencer è molto semplice hai la sequenza di 16 step per strumento, cassa, charlie ecc.. e puoi decidere quando farla suonare nel range di 16 step, più semplice di così :)

Allora sono io che sono un novellino, l'altro giorno ne ho provata una (per scarsi 5 minuti) e non c'ho capito un cazzo :facepalm:

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh in 5 minuti manco lo shogun mitsou kunimito riuscirebbe a far qualcosa senza leggere manuali o avere esperienze pregresse :D

quel genere di step sequencer sono in assoulto i più semplici da usare

Share this post


Link to post
Share on other sites

ok allora mi tranquillizzo, si in effetti anche io ho pensato che un minimo è da leggere il manuale!

Share this post


Link to post
Share on other sites

cos'è st'affare? non so perché ma mi fa pensare ad una bicicletta :facepalm:

Ascolta Matteo ma riguardo l'Akai MPC a che modello ti riferisci di preciso?

 

io ho l'MPC1000, che è il più diffuso e ci puoi controllare anche tutti i synth via midi.

per quanto riguarda la drum machine, considera che il workflow è diverso rispetto al sequencer roland.

ti carichi i campioni nella memo della macchina. poi ti crei i tuoi kit (program) assegnando (in ciascun program) i campioni ai pad in gomma.

una volta fatto questo sei a posto x sempre. ti fai un program per ogni drum machine che vuoi: 808, 909, Linn, etc...

poi x fare un pezzo, crei una nuova sequenza, decidi i BPM e il numero di battute. ogni sequenza è formata da un certo numero di tracce (strumenti).

assegni uno dei tuoi program ad una traccia, mandi in loop la sequenza e inizi a sentire il click. suoni a tempo i pad (uno alla volta). tipo prima metti giù la cassa, poi il rullo, etc... poi l'MPC te li mette a posto automaticamente se non sei preciso, in base alla quantizzazione che hai precedentemente impostato.

hai fatto la tua sequenza di drum machine. poi puoi registrare via midi una parte di synth su un'altra traccia della stessa sequenza, puoi combinare sequenze diverse x fare una song, etc... e mille altre cose.

una volta imparato il workflow, l'MPC è un aggeggio devastante.

Share this post


Link to post
Share on other sites

minchia se l'akai è hip hop, su youtube la maggior parte dei video sono con il cappellino :sorrisone:

Share this post


Link to post
Share on other sites

io volevo prendere una MPC2000...

Poi ho scoperto la Maschine MKII... sì lo so che c'è di mezzo il pc, ma è tanta tanta roba, ci controllo anche Massive, Kontakt, Reaktor.... CIAONE.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non ci capisco un cazzo ma mi diverto troppo a leggere i vari pro e contro :banana:

Minchia pensavo esattamente la stessa cosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hahahahaha :D

Usa una vecchio campionatore akai il remix 16 senza effetti senza un cazzo solo editing dei samples e basta!

È uno dei fondatori del Punkt festival.

Share this post


Link to post
Share on other sites

appena posso mi documento!
Quindi Mauro anche tu mi appoggi la soluzione Akai MPC ?
Effettivamente mi gasano sti suoni un pò hip hoppari

Share this post


Link to post
Share on other sites

ancora non prendo nulla, è una spesa che senz'altro farò ma non so quando!
Cmq sto cercando di approfondire l'AKAI MPC 1000 per il momento!
Il problema è che ho troppe spese da fare e con il gruzzolo che ho da parte non ci esce tutto :facepalm:

Voglio un Moog Sub 37, un synth polifonico coi controcazzi e sta benedetta drum machine :frantics: 
Non riesco a decidermi da cosa iniziare!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io sto infognato di gas da Machine Studio...

Non conosco l'MPC, ma in molte clinic su youtube dicono proprio che ha velocizzato di ore e la macchinosità dell'AKAI

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non è che la MPC sia macchinosa...

Se la consideriamo come drum machine è molto immediata e consente di creare layer di samples sul singolo beat.

La vera questione riguarda l'approccio alla composizione dei pattern.

Un conto è avere un sequencer a 16 step e un loop che gira, un conto è avere 16 pad da suonare in real time su un loop.

E' tutto quantizzabile, ma bisogna sapere fare un beat!

Share this post


Link to post
Share on other sites

non intendo questo, solo che fare un pattern con dei pad in real time puó essere facile per alcuni ma non per tutti.

ad esempio io mi trovo meglio ad accendere le lucine su 16 tasti i in riga...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

questa non ha il display ma è semplicissima, costa il giusto e funziona benissimo... e poi hai suoni granitici ed full analog che con la tua spaceboard ci cantano :sorrisone:

 

 

4_Schlagzwerg_s.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cavoli mi interessa moltissimo questa discussione.

Stesso problema di Dario però io sono orientato su suoni anni '90, trip hop e drum & bass su tutti come tipologia di suoni

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×