Jump to content
Alborock

iPad e musica

Recommended Posts

Colgo l'occasione del brano postato da Hivez proponendo questo come spazio per condividere esperienze ed opinioni in merito alla numerose app disponibili per iPad.

Stasera, per esempio, proprio grazie al buon Hivez ho scoperto borderlands, piattaforma di sintesi granulare che, grazie a xynthesizr e al semplice microfono del tablet, mi sta divertendo non poco ✌

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io lo ho usato per un annetto, poi ho mandato a cagare la apple per vari motivi.

Comunque su iOS è nato uno dei migliori amp modelling esistenti (BIAS) e tra l'altro l'app che ha sviluppato quel genio di Adrian Belew è da sbafo. C'è da dire che audiobus è stato molto innovativo e ha contribuito a sviluppare la iOS music, Loopy HD penso sia una delle migliori loopstation in circolazione (forse la migliore).

Tra i synth annovero Nave (Waldorf), un blofeld semplificato ma con un sound più "caldo", Animoog mi ha sempre fatto cagare, Cassini è carino, Sunrizer (clone del Roland jp 8080) è un capolavoro.

 

Dal mio punto di vista:

 

PRO:

-Touch

-Lemur

-App con un prezzo irrisorio, e porting di vst professionali per Win\OSX ad un decimo del prezzo (tra tutte i plug in sugar bytes).

-Sistema abbastanza stabile se si usa come virtual instrument dal vivo.

-Alcune app sono geniali (samplr), altre suonano benissimo tipo gli effetti della serie AUFX e dello sviluppatore di Echopad e costano meno di una birra.

-Composizione e registrazioni rapida ovunque ti trovi.

-Loopy è una figata

 

CONTRO

 

-Apple

-Processori e Ram ridicola in confronto agli standard attuali.

-nonostante la grande diffusione non esistono interfacce audio\midi serie, si passa da giocattolli come irig pro ecc... a strumenti di fascia alta come apogee, abbastanza inutili dato che utilizzando audiobus il campionamento è a 16 bit a 42100 hz.

-Collegare una qualsiasi scheda audio diventa una sorta di incubo dato che non tengono in carica il tablet e sei schiavo della batteria.

-registrare professionalmente su una Daw consuma mezzo processore e quasi tutta la ram e ti tocca congelare tutte le tracce. (mi riferisco ad Auria)

-Non c'è Kontakt

-Non ci sono i riverberi Valhallha (lo sviluppatore si è rifiutato di sviluppare per iOS)

-Non ci sono i plug in Sound Toys

-Apple

 

Poi è parecchio che non seguo più quel mondo, sono dei veri e propri talebani del tablet, peggio dei vegani.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh con iTrack Dock io mi trovo bene, in più ricarica l'iPad.

Bias è molto bella come app e costa meno che la versione desktop, il problema è che su iPad non so bene come gestire le mie registrazioni (di solito uso GarageBand su computer fissò con interfaccia usb)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Beh con iTrack Dock io mi trovo bene, in più ricarica l'iPad.

Bias è molto bella come app e costa meno che la versione desktop, il problema è che su iPad non so bene come gestire le mie registrazioni (di solito uso GarageBand su computer fissò con interfaccia usb)

 

iTrack Dock è molto buona, alla fine è una focusrite, però manca di connessioni midi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Consiglio fluxfx un multifx sviluppato in collaborazione con Belew.

Lo sto usando con lo stick e c'è da divertirsi :)

Su animoog dissento è una buonissima applicazione

Altra app che i garba non poco è la versione soft di tenori on della yamaha

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende dall'uso che si intende farne; come main machine non la ritengo adatta ma come supporto ad altra strumentazione è notevole.

Ad esempio: gestire le sorgenti tramite l'octatrack e campionarle...

Oggi ho fatto qualche prova e la qualità sonora è veramente notevole. Per macchine di sintesi tradizionale guardo ad altro; la peculiarità del touch screen però, in ambiente digitale, consente manipolazioni del tutto originali.

Nel caso specifico di borderlands è possibile importare file, campionati magari tramite lo stesso tablet (col supporto di una semplicissima scheda audio compatibile, come la ua22 Roland, oppure tramite il microfono integrato) e subito divertirsi con la sintesi granulare... l'app è veramente intuitiva ed immediata, anche per chi è alle prime armi in materia.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dipende dall'uso che si intende farne; come main machine non la ritengo adatta ma come supporto ad altra strumentazione è notevole.

Ad esempio: gestire le sorgenti tramite l'octatrack e campionarle...

Oggi ho fatto qualche prova e la qualità sonora è veramente notevole. Per macchine di sintesi tradizionale guardo ad altro; la peculiarità del touch screen però, in ambiente digitale, consente manipolazioni del tutto originali.

Nel caso specifico di borderlands è possibile importare file, campionati magari tramite lo stesso tablet (col supporto di una semplicissima scheda audio compatibile, come la ua22 Roland, oppure tramite il microfono integrato) e subito divertirsi con la sintesi granulare... l'app è veramente intuitiva ed immediata, anche per chi è alle prime armi in materia.

Concordo su tutta la linea.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×