Jump to content

Recommended Posts

Stamattina, mentre giocavo con la nuova Alpha&Omega Classic che sto facendo  (e che prima o poi vi farò vedere :sorrisone:), mi è venuta in mente una domanda de @il postino riguardo alla posizione del delay in front... senza la pretesa di voler essere un tutorial, ho registrato un paio di riff EVH solo per sentire come cambia il suono con e senza echo in front e quanto sia fondamentale per arrivare a un suono più "giusto" per certe cose.

Nel mix le ripetizioni spariscono, e quello che si sente è una specie di alone - più simile a un reverb che a un delay - che arricchisce il suono principale e si fonde con esso, a differenza di quando si utilizza un delay post-gain, dove invece abbiamo ripetizioni precise e ben udibili non solo duranet le pause, ma anche mentre si suona.

 

La catena è Chitarra - Boonar - Alpha&Omega - 4x12, quindi qui l'unica distorsione è quella dell'ampli e il boonar è messo appunto pre-distorsione... il settaggio del Boonar, rispetto a quando lo uso nel loop (o dopo dei pedali di gain, con ampli clean), è moooolto più basso, con ripetizioni più eteree e scure, per evitare che la distorsione impasti tutto.

Buona visione :lol:

 

P.S. Nelle pause del video (non durante le parti suonate) le ripetizioni si sentono molto più che dal vero, per via del microfono dell'iphone che tende a livellare i volumi dei suoni nelle pause.

 

 

  • Like 8
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Interessante questo argomento , avendo anche io un jmp combo mi sono chiesto sempre se nè valeva fare un send e return modificandolo ( anche se  Mr.Dani T-Pedals , mi ha vivamente sconsigliato )

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io ormai lo uso in pre distorsione in quasi tutti i contesti, mi piace di più e mi pare che renda il suono più organico (oltre al fatto che il volume della chitarra lavora meglio con il delay in pre, almeno a mio avviso)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Video caricato ;)

 

Questa del delay in front alla plexi distorta è una cosa con cui avevo combattuto per diversi anni in passato, finché non comprai il primo Echoplex a nastro... ecco, da lì in avanti fu tutto più chiaro: certi delay suonano bene davanti alla distorsione, altri fanno cagare.

E in ogni caso anche quelli che ci suonano bene, vanno regolati in modo appropriato, altrimenti vien fuori un pastone (a meno che ovviamente non si cerchi il pastone, che in certi gemeri ci sta eh!)

 

@osmosi quello del loop sugli ampli che distorcono quasi solo di pre (come la 800) è un discorso a parte: per i delay, ti dà la possibilità di avere le due soluzioni, quello pulito e preciso nel loop e quello sporco in front... ma per me l'utilità maggiore di avere il loop con ampli tipo 800 è il fatto che ci puoi mettere anche un booster per alzare il volume. In questo caso, nella A&O Classic ho implementato un dual master PPIMV compensato, quindi non avevo nessuna necessità del loop (che peraltro su una plexi pura sarebbe meno utile che su una 800, visto che l'ampli distorce per il 60% di finale).

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
6 minuti fa, guitarGlory dice:

....è il fatto che ci puoi mettere anche un booster per alzare il volume. In questo caso, nella A&O Classic ho implementato un dual master PPIMV compensato, quindi non avevo nessuna necessità del loop (che peraltro su una plexi pura sarebbe meno utile che su una 800, visto che l'ampli distorce per il 60% di finale).

 

Nella L' le Bitch, invece, come si conforma questa discorso? ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, il postino dice:

 

Nella L' le Bitch, invece, come si conforma questa discorso? ;-)

 

Nella Bitch puoi usarlo come preferisci: in font hai un risultato simile a quello nel video a inizio thread, mentre usando un delay (in questo caso sempre tipo echo) nel loop della Bitch hai un risultato simile al video sotto.

 

Un'info che avevo dimenticato e che puo essere utile è che, utilizzando il delay nel loop, si ha un volume delle ripetizioni costante: anche abbassando il volume della chitarra per pulire il suono, le ripetizioni mantengono volume e intellegibilità; al contrario, utilizzandolo in front ad un ampli distorto, se si abbassa il volume della chitarra per avere dei clean le ripetizioni spariscono o quasi... nel video sotto è evidente che all'inizio, nonostante il volume della chitarra sia basso (l'ampli è parecchio distorto), il delay è bello presente... se avessi fatto la stessa cosa con un delay in front non ci sarebbero state ripetizioni.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, il postino dice:

Veramente, mi sono spiegato male, mi riferivo al boost nel loop per i solo (casomai ce ne fosse l'opportunità).

 

Il boost nel loop per alzare il volume lo puoi mettere ovviamente, io lo uso sempre lì.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come sempre molto interessante e informativo/formativo. Grazie.

 

Edit: tra l'altro il delay l'ho sempre usato in front anche perchè non ho mai avuto un loop effetti degno sui miei amp. In questo senso il Deep Blue di Mad Professor, che come delay puro magari può non dire molto, ma usato in front mi dava quel suono "giusto" di cui parli. Ammorbidiva le spigolosità dei Fuzz Face sia soli che dentro gli od, garantendo un suono carico, profondo e tridimensionale, con un sustain violinoso rotondo , ottimamente reagente al tocco e ripulendo l'eccesso di sporco fangoso, lasciando tuttavia il carattere aggressivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io però faccio fatica a usare il loop (seriale) per perdita evidente di botta/volume.
Tranne quando l’ampli del momento ha un loop effetti valvolare (e li si gode), ma non è il caso del combo che ho adesso.

Oppure se lo ha parallelo o ancora se ti fa scegliere.

Un pedale bufferizzato aiuta ma non basta.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Come sempre molto interessante e informativo/formativo. Grazie.
 
Edit: tra l'altro il delay l'ho sempre usato in front anche perchè non ho mai avuto un loop effetti degno sui miei amp. In questo senso il Deep Blue di Mad Professor, che come delay puro magari può non dire molto, ma usato in front mi dava quel suono "giusto" di cui parli. Ammorbidiva le spigolosità dei Fuzz Face sia soli che dentro gli od, garantendo un suono carico, profondo e tridimensionale, con un sustain violinoso rotondo , ottimamente reagente al tocco e ripulendo l'eccesso di sporco fangoso, lasciando tuttavia il carattere aggressivo.
Ho avuto la tua stessa esperienza, dopo il deep blue delay uso il delay sempre in front

Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
41 minuti fa, Bananas dice:

Come sempre molto interessante e informativo/formativo. Grazie.

 

Edit: tra l'altro il delay l'ho sempre usato in front anche perchè non ho mai avuto un loop effetti degno sui miei amp. In questo senso il Deep Blue di Mad Professor, che come delay puro magari può non dire molto, ma usato in front mi dava quel suono "giusto" di cui parli. Ammorbidiva le spigolosità dei Fuzz Face sia soli che dentro gli od, garantendo un suono carico, profondo e tridimensionale, con un sustain violinoso rotondo , ottimamente reagente al tocco e ripulendo l'eccesso di sporco fangoso, lasciando tuttavia il carattere aggressivo.

 

Per "in front" intendi che lo usi prima di tutte le distorsioni (anche a pedale)?

Perché sennò non vale :lol: 

 

20 minuti fa, Raffus dice:

Io però faccio fatica a usare il loop (seriale) per perdita evidente di botta/volume.
Tranne quando l’ampli del momento ha un loop effetti valvolare (e li si gode), ma non è il caso del combo che ho adesso.

Oppure se lo ha parallelo o ancora se ti fa scegliere.

Un pedale bufferizzato aiuta ma non basta.

 

Se quando metti un delay nel loop perdi botta e volume, può significare solo tre cose:

- il loop è passivo (tipo i loop dei Dr. Z);

- il loop è progettato male;

- l'impedenza o i livelli di segnale di loop e delay non vanno d'accordo.

 

La Bitch, come molti ampli sul mercato (anche molto costosi, ad esempio Friedman, Metropulos ecc), ha un loop a stato solido: ci ho provato dentro una marea di pedali e rack, misurando i livelli sia con loop che senza e il suono, la botta e il volume sono identici sia che usi il loop, sia che non lo usi.

 

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, allora non vale :sorrisone:. Per in front intendo nell'amp con le sporcherie ammorbidite prima. Ho provato anche con le sporcherie dopo ma siccome non mi ricordo, riprovo... Però l'effetto con le sporcherie prima è quello che descrivevo su. Certo che se consideriamo le sporcherie a pedale come fosse un amp tirato, il discorso mi torna. Come faceveno nei '70 e come fai pure te porcellona te possino.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esatto, se la tua catena è chitarra - OD - delay - ampli clean, è più simile a usare il delay nel loop di un ampli distorto ;) 

Share this post


Link to post
Share on other sites

comunque Lorè parliamo di delay con mix al minimo e 2-3 ripetizioni al massimo, no?

 

EDIT:

ho risentito il delay... che figura ritmica hanno? terzine?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sono le testine 2 e 4 del boonar, regolate più o meno a orecchio: la corta fa lo slapback e la lunga fa la ripetizione vera e propria, poi il resto è l'alone tipico dell'Echorec con la sovrapposizione di ripetizioni corte/lunghe, che lega tutto... il il volume del delay è poco sopra il minimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Seconda parte del thread: e come suona lo stesso delay, cioè il Boonar regolato uguale uguale (a parte il volume delle ripetizioni) messo a valle di tutte le distorsioni, invece che prima?

 

Ho registrato un breve video (l'ampli in questo caso è ancora top-secret :sorrisone:), e l'echo stavolta sta nel loop effetti, quindi dopo tutte le saturazioni sia dell'ampli che di eventuali pedali... lavora in maniera completamente indistorta insomma.

All'inizio lo provo su un arpeggio clean, poi sul canale OD, e infine sul canale OD boostato, e qui c'è veramente una valanga di gain!

Nonostante la registrazione con l'iphone, si sente bene la differenza con il primo video, dove il delay era parte integrante del suono principale, con ripetizioni udibili solo nelle pause; qui invece le ribattute sono sempre intellegibili, a prescindere dal gain che gli si dà in pasto... al minuto 1:23 ho anche fatto un veloce A/B tra clean e distorto, e si sente chiaramente come la ripetizione sia praticamente identica, anche se ovviamente clean in un caso e distorta nell'altro.

 

Per concludere un po': non c'è un posto giusto e sbagliato dove piazzare il delay, sono semplicemente due modi diversi e ugualmente validi di usarlo... basti pensare a The Edge, che dell'uso pre-gain ha fatto il suo marchio di fabbrica.

Personalmente, quando posso mi piace averne due, uno messo all'inizio e uno alla fine della catena (o nel loop), perché anche combinandoli si aprono degli scenari molto interessanti e creativi ;) 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×