Jump to content
Zado

Jaguar e Jazzmaster fan cagare.

Recommended Posts

18 ore fa, Zado dice:

Grazie caro 😘 devo però ammettere che la JM mi sta dispiacendo meno di quanto non facesse all'inizio, diciamo che anche grazie al forum ci sto trovando in senso, o almeno dei motivi per provarne una e decidere se è degna della mia gas 😂

Però le bananez, quelle meno di una suora coi baffi. 

 

La Jaguar potrei affondarla per sempre dicendoti che è la chitarra che usava Kurt Cobain dei Nirvana?? 🤣

Share this post


Link to post
Share on other sites
7 ore fa, PinkFlesh dice:

 

La Jaguar potrei affondarla per sempre dicendoti che è la chitarra che usava Kurt Cobain dei Nirvana?? 🤣


Uno che non ha fatto minimamente una canzoncina..o un disco iconico...

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, -Oby- dice:


Uno che non ha fatto minimamente una canzoncina..o un disco iconico...

 

A me lo dici, che ascolto i Nirvana da quando avevo 16 anni? ;)

Ma per certi puristi, i pezzi dei Nirvana fan cagare perchè Cobain non sapeva suonare. Il mio maestro di chitarra al solo nominarli, aveva movimenti peristaltici inconsulti :sorrisone:

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 ore fa, PinkFlesh dice:

 

La Jaguar potrei affondarla per sempre dicendoti che è la chitarra che usava Kurt Cobain dei Nirvana?? 🤣

 

Purtroppo qui sfondi una vulva aperta. Personaggio iconico, dischi generazionali, morte tragica, pure belloccio, tutto quello che ci volete mettere ma mentre tu al liceo lo ascoltavi a me, al liceo, facevano due cojoni tanti con 'sto Kurcobein e complice anche il fatto che è caposaldo di un genere che m'ha in sostanza ammazzato l'Heavy metal (che poi fosse un genere già un pelo in crisi è n'altro discorso) non posso dire che sia la summa del mio amore per la musica, diciamo così.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah!!! Sarà il mio orecchio limitato, ma non credo che il sound di Cobain fosse dipendente più di tanto dalla Jaguar. Tant'è che pur usando altre chitarre, sostanzialmente quello è rimasto.

Share this post


Link to post
Share on other sites
32 minuti fa, The Rover dice:

Tant'è che pur usando altre chitarre, sostanzialmente quello è rimasto.


Eh ma li è la mano fiol, è il tocco.

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Zado dice:


Eh ma li è la mano fiol, è il tocco.

 

Non ho dubbi. Eppure il tocco di Knopfler faceva cantare diversamente tre e più chitarre diverse. Mentre quello di Cobain no. Tutto qui.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutto merito del boss ds2

Share this post


Link to post
Share on other sites
55 minuti fa, Fra dice:

Tutto merito del boss ds2

 

1, prego, con finitura heavy relic :ike:

 

356408_0.jpg?1592536753

 

 

 

 

  • Like 1
  • Confused 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
36 minuti fa, PinkFlesh dice:

 

1, prego, con finitura heavy relic :ike:

 

356408_0.jpg?1592536753

 

 

 

 

 

prego de che ?

usava certamente l'1 ma non solo quello

 

https://guitargearfinder.com/guides/guitar-pedals-used-by-kurt-cobain-explained/

https://spinditty.com/instruments-gear/kurts-settings

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 22/10/2020 at 14:16, Avark dice:

Dipende dal contesto...

Qui mi piace 😋

 

Questa te la passo per le Larkin. Ma no per il suonaggio, pur essendo tipologia che gradisco, mi necessita proprio di mojo puzzaculo inside sennò fa subito menello. Ma se facessimo un'uscita a 4, col tuo permesso e col suo, io tacchinerei volentieri la cantante suonatrice di Jazzpruster, flister, mister, o come si chiama...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 27/10/2020 at 18:52, Vale dice:

Le ho sempre viste come chitarre con "poche balle",

Non lo so se riesco ad interpretare la cosa come un pregio.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

stavo ascoltando questa canzone e ho pensato a questo 3D...

a me viene voglia di jazzmaster se la sento!!

chris é un grande!!!

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, Marc dice:

stavo ascoltando questa canzone e ho pensato a questo 3D...

a me viene voglia di jazzmaster se la sento!!

chris é un grande!!!

 

 

Bellissimo video, esibizione clamorosa e suono azzeccatissimo. Tanta roba, sentita così son d'accordo che la voglia di una JM quasi quasi ti viene.. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 26/10/2020 at 08:58, Zado dice:

 

Purtroppo qui sfondi una vulva aperta. Personaggio iconico, dischi generazionali, morte tragica, pure belloccio, tutto quello che ci volete mettere ma mentre tu al liceo lo ascoltavi a me, al liceo, facevano due cojoni tanti con 'sto Kurcobein e complice anche il fatto che è caposaldo di un genere che m'ha in sostanza ammazzato l'Heavy metal (che poi fosse un genere già un pelo in crisi è n'altro discorso) non posso dire che sia la summa del mio amore per la musica, diciamo così.

Ho una marea di cose da dire e non so da dove iniziare... dunque:

1- l'heavy di quegli anni era evidentemente in crisi e ci voleva qualcosa che si contrapponesse ad esso per rimpiazzarlo nei grandi numeri. Anni prima il prog aveve subito la stessa sorte con il punk. Se ci fai caso sempre utilizzando l'attitudine contro la tecnica strumentale.

2- l'etichetta "grunge" è stata un'invenzione dei giornalisti dell'epoca. Dimmi cosa hanno in comune le sonorità dei primi Soundgarden/Nirvana/Melvis e Pearl Jam (per dire...)

3- sempre la stampa (e le ragazzine) cercavano il nuovo bello e dannato del rock. Cobain s'è trovato al posto giusto al momento giusto. Anche io alle superiori ce lo avevo a noia e devo dire che musicalmente l'ho rivalutato in seguito al netto di tutte le stronzate extra musica che me lo avevano fatto quasi odiare

4- Le offset guitars (e qui torno in topic) ai tempi erano fra le meno gettonate fra le Fender vecchie e vintage. Cobain, famoso già agli inizi per sfasciare tutto a fine concerto riprendendo la scia degli Who, cercava strumenti a poco anche per questo motivo. Difatti fra le prime chitarre troviamo una (anzi 3 o più) Univox Hi-Flier phase 3, una copia della Mustang della Greco, una Hagstrom II F-200, una Washburn Force 3, una Epiphone ET270 e una Aria Pro II CS-350... Le Fender offset "belle" sono arrivate dopo...

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, evol dice:

Ho una marea di cose da dire e non so da dove iniziare... dunque:

1- l'heavy di quegli anni era evidentemente in crisi e ci voleva qualcosa che si contrapponesse ad esso per rimpiazzarlo nei grandi numeri. Anni prima il prog aveve subito la stessa sorte con il punk. Se ci fai caso sempre utilizzando l'attitudine contro la tecnica strumentale.

2- l'etichetta "grunge" è stata un'invenzione dei giornalisti dell'epoca. Dimmi cosa hanno in comune le sonorità dei primi Soundgarden/Nirvana/Melvis e Pearl Jam (per dire...)

3- sempre la stampa (e le ragazzine) cercavano il nuovo bello e dannato del rock. Cobain s'è trovato al posto giusto al momento giusto. Anche io alle superiori ce lo avevo a noia e devo dire che musicalmente l'ho rivalutato in seguito al netto di tutte le stronzate extra musica che me lo avevano fatto quasi odiare

4- Le offset guitars (e qui torno in topic) ai tempi erano fra le meno gettonate fra le Fender vecchie e vintage. Cobain, famoso già agli inizi per sfasciare tutto a fine concerto riprendendo la scia degli Who, cercava strumenti a poco anche per questo motivo. Difatti fra le prime chitarre troviamo una (anzi 3 o più) Univox Hi-Flier phase 3, una copia della Mustang della Greco, una Hagstrom II F-200, una Washburn Force 3, una Epiphone ET270 e una Aria Pro II CS-350... Le Fender offset "belle" sono arrivate dopo...

 

Ma guarda evol io posso anche essere d'accordo con tutto quello che hai detto, probabilmente lo sono anche, il mio problema è proprio a pelle. Non ho nessun dubbio che se approfondissi i gruppi che mi hai nominato, insieme ad altri facenti parte del medesimo "movimento culturale" (così evitiamo le etichette) troverei anche qualcosa che apprezzo, anzi sono il primo a dire che i Pearl Jam sono un gruppone e Eddie Vedder è una delle voci più belle mai viste nella musica Rock...è forse l'attitude dei musicisti, così diversa dai miei generi di riferimento, o forse semplicemente sono prevenuto 😁 

Che poi anche qui sul forum in passato mi è capitato di chiedere consigli su qualche album da ascoltare, ma quando mi scappa la possibilità di mettere su un po' di musica (sempre più di rado ultimamente), fra i consigliati e i Judas Priest non ho dubbi su chi scegliere 🤣

 

Però sulle chitarre giuro sto facendo uno sforzino!

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, evol dice:

Ho una marea di cose da dire e non so da dove iniziare... dunque:

1- l'heavy di quegli anni era evidentemente in crisi e ci voleva qualcosa che si contrapponesse ad esso per rimpiazzarlo nei grandi numeri. Anni prima il prog aveve subito la stessa sorte con il punk. Se ci fai caso sempre utilizzando l'attitudine contro la tecnica strumentale.

2- l'etichetta "grunge" è stata un'invenzione dei giornalisti dell'epoca. Dimmi cosa hanno in comune le sonorità dei primi Soundgarden/Nirvana/Melvis e Pearl Jam (per dire...)

3- sempre la stampa (e le ragazzine) cercavano il nuovo bello e dannato del rock. Cobain s'è trovato al posto giusto al momento giusto. Anche io alle superiori ce lo avevo a noia e devo dire che musicalmente l'ho rivalutato in seguito al netto di tutte le stronzate extra musica che me lo avevano fatto quasi odiare

4- Le offset guitars (e qui torno in topic) ai tempi erano fra le meno gettonate fra le Fender vecchie e vintage. Cobain, famoso già agli inizi per sfasciare tutto a fine concerto riprendendo la scia degli Who, cercava strumenti a poco anche per questo motivo. Difatti fra le prime chitarre troviamo una (anzi 3 o più) Univox Hi-Flier phase 3, una copia della Mustang della Greco, una Hagstrom II F-200, una Washburn Force 3, una Epiphone ET270 e una Aria Pro II CS-350... Le Fender offset "belle" sono arrivate dopo...

 

Tutti punti interessanti, mi intrufolo perche' anche a me non piacciono le offset, anche se trovo stimolante l'idea di provarne qualcuna per esplorare nuove sonorita', da poco mi sono avvicinato alle semiacustiche e devo dire che anche li, pur essendo lontani dai miei canoni, Strato e LP, si riesce a tirare fuori tanta roba interessante.

Il problema per cui a Zado non piacciono le offset e' praticamente lo stesso per me; sono associate al calderone "grunge", che anche a me non e' mai piaciuto e non mi ha mai affascinato, quindi automaticamente le chitarre da loro usate fanno cagare.

Il nodo della questione lo hai descritto al punto 1, "attitudine" contro "tecnica strumentale": ovvio, ragazzetto ignorante e disagiato, e' piu facile saltare sul palco e spaccare una chitarra che non studiare e suonare seriamente. Sono due mondi completamente diversi che necessitano di strumenti completamente diversi.

Detto cio a distanza di anni anche io ho rivalutato alcune sonorita' dell'era grunge, per cui cerco di lasciare alle spalle (seppur con difficolta) l'equazione offset = grunge, e provo a valutare lo strumento per quello che e' e che puo offrire e non per quelloa  cui e' associato.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, Zado dice:

 

Ma guarda evol io posso anche essere d'accordo con tutto quello che hai detto, probabilmente lo sono anche, il mio problema è proprio a pelle. Non ho nessun dubbio che se approfondissi i gruppi che mi hai nominato, insieme ad altri facenti parte del medesimo "movimento culturale" (così evitiamo le etichette) troverei anche qualcosa che apprezzo, anzi sono il primo a dire che i Pearl Jam sono un gruppone e Eddie Vedder è una delle voci più belle mai viste nella musica Rock...è forse l'attitude dei musicisti, così diversa dai miei generi di riferimento, o forse semplicemente sono prevenuto 😁 

Che poi anche qui sul forum in passato mi è capitato di chiedere consigli su qualche album da ascoltare, ma quando mi scappa la possibilità di mettere su un po' di musica (sempre più di rado ultimamente), fra i consigliati e i Judas Priest non ho dubbi su chi scegliere 🤣

 

Però sulle chitarre giuro sto facendo uno sforzino!

Judast Priest tanta roba (per me British Steel è uno dei migliori dischi del periodo).

Però a naso secondo me ti potrebbero piacere i Melvins (e non poco, prova OZMA, Stoner Witch e anche e soprattutto Lysol).

Per parlare la stessa lingua prova ad analizzare i primi due dischi degli Iron Maiden: sono praticamente progressive misto al punk. Poi magari a te piace Dickinson ma io trovo i dischi con Di Anno i loro miglior lavori. Di fatto anche loro volevano fare "piazza pulita del prog" a modo loro (e poi hai visto che ci sono riusciti eccome).

Che poi punk (per restare in U.K.) sono i Sex Pistols ma anche i Clash. E sono due mondi diversi. Stessa cosa il grunge.

A me Vedder e soci non sono mai piaciuti più di tanto. Ho trovato più nelle mie corde i Soundgarden. I Nirvana li ho apprezzati alla fine dell'era grunge con "In Utero". La produzione di Steve Albini secondo me si sente eccome. Se trovi l'album della consacrazione - Nevermind - "plasticoso" è perché c'era la mano di Butch Vig (che poi è diventato famoso coi Garbage nei '00 e se ci fai caso usavano quasi ogni loro singolo per fare gli spot pubblicitari).

Le offset ripeto che secondo me sono state un ripiego per i musicisti grunge. Come progetto i loro "difetti" (il ponte e il tremolo in primis) sono evidenti ma sono diventati anche la caratteristica peculiare di quei modelli. 

Non dico di provare a fartelo mettere in culo che magari ti gusta... dico più che altro "prova una tipa esotica" che magari ti può piacere...

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, gius80 dice:

Il nodo della questione lo hai descritto al punto 1, "attitudine" contro "tecnica strumentale": ovvio, ragazzetto ignorante e disagiato, e' piu facile saltare sul palco e spaccare una chitarra che non studiare e suonare seriamente. Sono due mondi completamente diversi che necessitano di strumenti completamente diversi.

La musica rock è arte al pari di altre espressioni come l'arte figurativa, il cinema, ecc... L'equazione studio=tecnica=lavoro ineccepibile e interessante non funziona sempre così. Se provi a capire per esempio per gli Who negli anni'60 che significato aveva spaccare una chitarra sul palco a fine di una performance puoi capire perché questa cosa è stata ripresa dai Nirvana e perché è stata fatta proprio fra la fine degli anni'80 e i primi anni'90.

La società era cambiata ancora e ancora erano mutate le dinamiche familiari e personali. Rifletti sulla famiglia e la società a metà anni'60 in U.K. ad esempio. Pensa poi a com'era il corrispettivo nella provincia U.S.A. negli anni'80 (Cobain non viveva a Los Angelese e nemmeno a New York).

Al netto di ragazzine urlanti (e anche qui si potrebbe fare un parallelismo coi Beatles nei primi '60 ma non andiamo oltre) la risposta è questa qui.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×