Jump to content
Louisguitar

Iovinella guitars?

Recommended Posts

48 minuti fa, AlbertoDP dice:

Eh va be', facciamogli cambiare cognome allora...

 

What? Non è una legge biblica mettere per forza il proprio cognome eh. Credo anche di essere libero dire che un nome cosi sulla paletta non lo voglio. 

 

Era chiarissimo già prima l'intento dei nostri commenti, evitiamo commenti da flame grazie

 

Pace

Share this post


Link to post
Share on other sites

Figurati se non sei libero di dire come debba essere una tua chitarra e cosa ci debba essere nella paletta. Come io lo sono di dire che questa cosa di prendersela ogni volta con i nomi dei marchi italiani, che poi spesso sono i cognomi dei produttori (come lo sono Fender, Lollar, Fralin e mille altri...), mi sembra abbastanza sciocca.

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, AlbertoDP dice:

Figurati se non sei libero di dire come debba essere una tua chitarra e cosa ci debba essere nella paletta. Come io lo sono di dire che questa cosa di prendersela ogni volta con i nomi dei marchi italiani, che poi spesso sono i cognomi dei produttori (come lo sono Fender, Lollar, Fralin e mille altri...), mi sembra abbastanza sciocca.

 

Beh guarda, son sincero. A mio avviso tra gli artigiani musicali italiani ve ne sono pochissimi che prestano attenzione anche al nome scelto ed io semplicemente non apprezzo (Cornerstone di contro fa pedali ben suonanti e molto fighi a livello estetico e di particolari). Non so dove hai dedotto che io critico solo gli italiani, sbagliatissimo, G&L per sempio mi fa cacare come nome e come font, anche se di GREG&leo (😂cit.). Su queste Iovinella guitar hanno aperto un tread (giustissimo) che però non fornisce link, immagini, foto o info, solo il nome, e di questo abbiam parlato. Mi spiace che ci consideri sciocchi ma va bene lo stesso😊

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me non dispiace il logo (fosse dritto magari)

 

iovinella-suhr-4.jpg

 

Però quando non trovo un sito professionale, e trovo riscontro solo sui soliti social, mi passa subito la curiosità.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Gluca dice:

A me non dispiace il logo (fosse dritto magari)

 

iovinella-suhr-4.jpg

 

Però quando non trovo un sito professionale, e trovo riscontro solo sui soliti social, mi passa subito la curiosità.

Concordo sia sul logo che sul sito

Però siamo sinceri, come se fa a consegnare una chitarra con il logo storto (sempre che non sia voluto) 

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, Davide79 dice:

 

Beh guarda, son sincero. A mio avviso tra gli artigiani musicali italiani ve ne sono pochissimi che prestano attenzione anche al nome scelto ed io semplicemente non apprezzo (Cornerstone di contro fa pedali ben suonanti e molto fighi a livello estetico e di particolari). Non so dove hai dedotto che io critico solo gli italiani, sbagliatissimo, G&L per sempio mi fa cacare come nome e come font, anche se di GREG&leo (😂cit.). Su queste Iovinella guitar hanno aperto un tread (giustissimo) che però non fornisce link, immagini, foto o info, solo il nome, e di questo abbiam parlato. Mi spiace che ci consideri sciocchi ma va bene lo stesso😊

Premetto che io Iovinella non so chi sia, è la prima volta che lo sento nominare! Non è la prima volta, invece, che vedo commenti sul marchi italiani che, a mio avviso, lasciano il tempo che trovano, anche perché spesso sono cognomi. Come spesso lo sono quelli stranieri che però, probabilmente suonando esotici, ci danno meno fastidio. D'altronde, sono convinto che se tale Iovinella fosse stato un liutaio anni '50, precursore di chissà quale trovata elettroacustica, sarebbe un mito invece che un nome sbagliato 🙂

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tatebbboni che un brutto cognome é sempre meglio de na sigla. Orcammona quanto piace agli italiani metter le sigle. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, AlbertoDP dice:

D'altronde, sono convinto che se tale Iovinella fosse stato un liutaio anni '50, precursore di chissà quale trovata elettroacustica, sarebbe un mito invece che un nome sbagliato 🙂

 

Peccato che non lo sia.

 

Non comprendo sinceramente questa alzata di scudi per gli artigiani italiani. Io dico quello che penso, che siano stranieri o nazionali, e la tua supponenza mi lascia perplesso in quanto sto criticando e maledicendo Spaceman che non tira fuori un delay e ho 7k di suoi pedali, figuriamoci se non lo faccio per Iovinella Guitars

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 minuti fa, Zado dice:

Tatebbboni che un brutto cognome é sempre meglio de na sigla. Orcammona quanto piace agli italiani metter le sigle. 

Vero. Molte impronunciabili. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minutes ago, Davide79 said:

Concordo sia sul logo che sul sito

Però siamo sinceri, come se fa a consegnare una chitarra con il logo storto (sempre che non sia voluto) 

 

Non credo che sia voluto, perché con la decal gli viene dritto 😄

 

 

A me il nome e logo non dispiace. Mi fa piacere che ci siano così tante nuove aziende italiane. Poi chi è bravo si farà strada.

 

ClYaFotUYAAp61_.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Gluca dice:

 

Non credo che sia voluto, perché con la decal gli viene dritto 😄

 

 

A me il nome e logo non dispiace. Mi fa piacere che ci siano così tante nuove aziende italiane. Poi chi è bravo si farà strada.

 

ClYaFotUYAAp61_.jpg

 

La paletta mi piace invece

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me che sia italiano o meno interessa poco, semplicemente mi pare brutta la parola "Iovinella" sulla paletta, a differenza magari di un "Rufini", che ha un cognome secondo me più usabile come marchio.

Uno può tranquillamente inventarsi un marchio diverso dal cognome, nessuno ti obbliga a metterci quello sulla paletta; poi oh, magari a qualcuno piace vederci scritto Iovinella, de gustibus.

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Davide79 dice:

Vero. Molte impronunciabili. 

 

Ma al di là dell'essere impronunciabile o meno, cazzo se sei un artigiano ti auguri che il tuo marchio resti impresso in testa a chi lo prova/lo vede/lo vuol cercare. 

"eh poi sai ho visto Luca Piccione alla clinic con quella tipo strato artigianale(perché solo quelle fanno eh) con manico roasted figurato come il culo di un macaco in amore che suonava come mai sentito" 

"dai? E che chitarra era??" 

"eh il logo diceva TSQ... MNK... FWeilcoloregiallo.... Non mi ricordo. Beh comunque come sta tua sorella?" 

 

Cioè dove vai se la gente non si ricorda chi cazzo sei? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
27 minuti fa, Davide79 dice:

 

Peccato che non lo sia.

 

Non comprendo sinceramente questa alzata di scudi per gli artigiani italiani. Io dico quello che penso, che siano stranieri o nazionali, e la tua supponenza mi lascia perplesso in quanto sto criticando e maledicendo Spaceman che non tira fuori un delay e ho 7k di suoi pedali, figuriamoci se non lo faccio per Iovinella Guitars

Macché alzata di scudi, cosa vuoi che me ne importi... Mi pare sciocco e, come te, dico quello che penso. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
28 minuti fa, Avark dice:

Non mi toccate Sergio che sto cercando di fare la pedalboard monomarca...

 

Ah esiste pure? Pensa che ho computato a caso. 

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Zado dice:

 

Ah esiste pure? Pensa che ho computato a caso. 

 

Zadoooooo... Non dire castronerie. Non te lo ricordi ma hai scritto due marche che hai letto qui, MNK e BRBS. Memoria di ferro eh😂🤦‍♂️

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×