Jump to content
maxvita

ma le chitarre costose?!?!?!?

Recommended Posts

Abbiamo assistito negli ultimi anni ad una impennata assurda dei prezzi delle cs sia fender che gibson...

Ma fino a quanto/quando saliranno ancora?

 

Una Cruz strato si può anche vendere a 12k....

Una Slash first standard  aged sta oltre i 20k....

Le Jason Smith viaggiano sopra i 7k ....

 

Fino a quando sono investimenti e fino a quando la lobby dei negoziandi ci sta inculando?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla tua lista aggiungo le Les Paul Tom Murphy, che viaggiano tra gli 8 e 12K.

 

Che dire...saliranno fino a quando ci saranno sufficienti blues lawyers a cui appiopparle.

E' un po' uno stereotipo d'oltreoceano, il boomer professionista affermato - avvocato, ma anche medico, notaio, ingegnere - che essendo totalmente assorbito dal lavoro non ha il tempo nè di suonare dal vivo, nè di andare a lezione per migliorare tecnicamente. Allora tiene 60.000€ di strumentazione in camera con cui ripete fino alla noia i 5 box della pentatonica e i soliti 2 o 3 classici del rock che suona da una vita. Qui lo hanno chiamato sculander stringer, il concetto è il medesimo. Pareti tappezzate di ampli rigorosamente vintage, Gibson e Fender custom, a tiratura limitata, relic, pedali dai nomi esotici pagati a peso d'oro, un paio di custodie contenenti delle chitarre che non ha mai suonato e probabilmente mai suonerà, ma che tiene là per collezionismo. Giusto per il gusto di possederle.

Ma negli stereotipi c'è sempre un fondo di verità. D'altronde solo un uomo di mezza età professionalmente affermato può permettersi certa roba. E' quello il loro mercato. Il 18enne alla sua prima chitarra che vive con la paghetta della mamma, di sicuro non valuta una Strato John Cruz (anche perchè nemmeno sa della sua esistenza), idem chi lavora ma fa fatica ad arrivare a fine mese. E chi suona molto live non si carica in auto una chitarra da 15.000 euro, con tutti i rischi annessi e connessi.

Che siano delle mezze inculate non ci piove, ma i negozianti fanno il loro lavoro e vige il libero mercato. E nel libero mercato bisogna trarre profitto da qualsiasi situazione economica vantaggiosa, compresi avvocati annoiati che anzichè investire 10K € in lezioni di musica o in un viaggio in Polinesia, preferiscono investirli nel feticcio da appendere a muro.

  • Like 6
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Guardo quasi solo Gibson e i listini sono aumentati tutti, mica solo la roba crastom sciop...

Soprattutto sono i prezzi sul mercato dell' usato che non seguono la minima logica.

E comunque c' ha raggione Davidonzo.

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

finchè mancherà la figa o la stessa sarà ancora di legno si spenderà sempre troppo in chitarre

  • Like 4
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

già detto, secondo me la percezione che abbiamo di prezzi generalmente troppo alti è data dal fatto che gli stipendi della classe media in questo paese sono fermi, o quantomeno non viaggiano a ritmi di quelli di altri paesi.

Il peso di una chitarra lo valuto in qualità di numero di stipendi necessari a prenderla. L'R8 la presi per un mese e una settimana, oggi non basterebbero due mesi. E quindi non me la posso permettere una R6 come mi piacerebbe.

Dato che li aumentano sensibilmente tutti gli anni, ci sarà qualcuno che le compra, no?

Ma non capisco che c'entra la lobby dei negozianti. Non mi riesco a immaginare un negoziante di chitarre a navigar nell'oro francamente.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Alla tua lista aggiungo le Les Paul Tom Murphy, che viaggiano tra gli 8 e 12K.
 
Che dire...saliranno fino a quando ci saranno sufficienti blues lawyers a cui appiopparle.
E' un po' uno stereotipo d'oltreoceano, il boomer professionista affermato - avvocato, ma anche medico, notaio, ingegnere - che essendo totalmente assorbito dal lavoro non ha il tempo nè di suonare dal vivo, nè di andare a lezione per migliorare tecnicamente. Allora tiene 60.000€ di strumentazione in camera con cui ripete fino alla noia i 5 box della pentatonica e i soliti 2 o 3 classici del rock che suona da una vita. Qui lo hanno chiamato sculander stringer, il concetto è il medesimo. Pareti tappezzate di ampli rigorosamente vintage, Gibson e Fender custom, a tiratura limitata, relic, pedali dai nomi esotici pagati a peso d'oro, un paio di custodie contenenti delle chitarre che non ha mai suonato e probabilmente mai suonerà, ma che tiene là per collezionismo. Giusto per il gusto di possederle.
Ma negli stereotipi c'è sempre un fondo di verità. D'altronde solo un uomo di mezza età professionalmente affermato può permettersi certa roba. E' quello il loro mercato. Il 18enne alla sua prima chitarra che vive con la paghetta della mamma, di sicuro non valuta una Strato John Cruz (anche perchè nemmeno sa della sua esistenza), idem chi lavora ma fa fatica ad arrivare a fine mese. E chi suona molto live non si carica in auto una chitarra da 15.000 euro, con tutti i rischi annessi e connessi.
Che siano delle mezze inculate non ci piove, ma i negozianti fanno il loro lavoro e vige il libero mercato. E nel libero mercato bisogna trarre profitto da qualsiasi situazione economica vantaggiosa, compresi avvocati annoiati che anzichè investire 10K € in lezioni di musica o in un viaggio in Polinesia, preferiscono investirli nel feticcio da appendere a muro.

Disamina eccellente.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, marco_white dice:

Dato che li aumentano sensibilmente tutti gli anni, ci sarà qualcuno che le compra, no?

Ma non capisco che c'entra la lobby dei negozianti. Non mi riesco a immaginare un negoziante di chitarre a navigar nell'oro francamente.

 

Ma è ovvio che non è la lobby dei negozianti a tirare su i prezzi delle chitarre.

E' un po' come quelli che se la prendono con Bill Finnegan, colpevole di aver creato il "mitologico" pedale col prezzo più assurdo della storia della musica. La colpa non è di Finnegan che ha creato un OD ingiustificatamente costoso, ma di chi negli anni ha speso migliaia di dollari per quella tavoletta dorata (vedi serigrafia sul KTR). Lo stesso avviene in politica, dove certe istanze xenofobe e populiste sono diffuse tra la popolazione ben prima dell'apparire di mister riportino arancione e del suo galoppino padano. Eppure c'è gente che crede che gli estremismi vengano creati da zero nelle stanze dei bottoni da qualche politico senza scrupoli insieme ai nasoni delle lobby, e poi calati dall'alto. Casomai è il contrario.

Se metto una Cruz a 12.000 euro e tempo poche settimane trovo il "fesso" (in senso buono) che se la compra, la prossima Cruz che mi entra la metterò sempre a 12.000. La colpa non è del negoziante che vuole incularmi a freddo senza vaselina, ma di chi quei 12.000 glieli ha dati.

 

Salendo, entriamo nel mercato delle chitarre d'epoca. Il vintage vero e proprio. Esemplari per collezionisti che passeranno più tempo dentro una teca di vetro che collegati all'ampli.

https://reverb.com/item/33967173-fender-stratocaster-1954-sunburst

https://reverb.com/item/37933350-fender-custom-telecaster-1959

https://reverb.com/item/37358598-gibson-les-paul-1957-goldtop

 

3 ore fa, evol dice:

finchè mancherà la figa o la stessa sarà ancora di legno si spenderà sempre troppo in chitarre

 

Non esistono fighe di legno o donne che non la danno, ma donne che non la danno A TE....o per meglio dire, a noi 🤣

  • Like 2
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Circolano più Les Paul 57/58/59 di quelle prodotte dalla Gibson, non parliamo di Fender che su roba avvitata lo sai che rigirii che possan esser stati fatti?

 

Comprate messicane o asiatiche: non valgano un cazzo prima e nemmeno dopo. La coerenza paga sempre. Meno ma paga.

  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Come disse mio Zio  , pace all'anima sua " Il potere logora chi non c'è l'ha "  sono convinto che qui c'è più di uno che vorrebbe postare la foto di una chitarra da 12 K per sentirsi migliore di altri ... mi ci gioco le palle , tanto un trombo più ! :rotflmao:

Comunque anche io sono una vittima della gas compulsiva ..

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
31 minuti fa, PinkFlesh dice:

 

Ma è ovvio che non è la lobby dei negozianti a tirare su i prezzi delle chitarre.

E' un po' come quelli che se la prendono con Bill Finnegan, colpevole di aver creato il "mitologico" pedale col prezzo più assurdo della storia della musica. La colpa non è di Finnegan che ha creato un OD ingiustificatamente costoso, ma di chi negli anni ha speso migliaia di dollari per quella tavoletta dorata (vedi serigrafia sul KTR). Lo stesso avviene in politica, dove certe istanze xenofobe e populiste sono diffuse tra la popolazione ben prima dell'apparire di mister riportino arancione e del suo galoppino padano. Eppure c'è gente che crede che gli estremismi vengano creati da zero nelle stanze dei bottoni da qualche politico senza scrupoli insieme ai nasoni delle lobby, e poi calati dall'alto. Casomai è il contrario.

Se metto una Cruz a 12.000 euro e tempo poche settimane trovo il "fesso" (in senso buono) che se la compra, la prossima Cruz che mi entra la metterò sempre a 12.000. La colpa non è del negoziante che vuole incularmi a freddo senza vaselina, ma di chi quei 12.000 glieli ha dati.

 

Salendo, entriamo nel mercato delle chitarre d'epoca. Il vintage vero e proprio. Esemplari per collezionisti che passeranno più tempo dentro una teca di vetro che collegati all'ampli.

https://reverb.com/item/33967173-fender-stratocaster-1954-sunburst

https://reverb.com/item/37933350-fender-custom-telecaster-1959

https://reverb.com/item/37358598-gibson-les-paul-1957-goldtop

 

 

Non esistono fighe di legno o donne che non la danno, ma donne che non la danno A TE....o per meglio dire, a noi 🤣

Il termine colpa mi pare un pò esagerato. Se uno ha 12k da 'buttare' per una cruz lasciandola appesa ad un muro cazzi suoi. Andando al sodo ricordiamoci sempre che per avere un buon strumento per suonare anche a livello pro si può spendere infinitamente di meno. E considerando che qua di pro ce ne sono (presumo) pochi non riesco a capire se tutte queste argomentazioni sono dettate da frustrazione o meno. Della serie l'avvocato che suona 1 ora all'anno se la può permettere io che suono 1 ora al mese invece no. Boh.

Poi, e non voglio far polemica, trovo abbastanza risibile il parallelo con la politica.

  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, PinkFlesh dice:

Alla tua lista aggiungo le Les Paul Tom Murphy, che viaggiano tra gli 8 e 12K.

 

Che dire...saliranno fino a quando ci saranno sufficienti blues lawyers a cui appiopparle.

E' un po' uno stereotipo d'oltreoceano, il boomer professionista affermato - avvocato, ma anche medico, notaio, ingegnere - che essendo totalmente assorbito dal lavoro non ha il tempo nè di suonare dal vivo, nè di andare a lezione per migliorare tecnicamente. Allora tiene 60.000€ di strumentazione in camera con cui ripete fino alla noia i 5 box della pentatonica e i soliti 2 o 3 classici del rock che suona da una vita. Qui lo hanno chiamato sculander stringer, il concetto è il medesimo. Pareti tappezzate di ampli rigorosamente vintage, Gibson e Fender custom, a tiratura limitata, relic, pedali dai nomi esotici pagati a peso d'oro, un paio di custodie contenenti delle chitarre che non ha mai suonato e probabilmente mai suonerà, ma che tiene là per collezionismo. Giusto per il gusto di possederle.

Ma negli stereotipi c'è sempre un fondo di verità. D'altronde solo un uomo di mezza età professionalmente affermato può permettersi certa roba. E' quello il loro mercato. Il 18enne alla sua prima chitarra che vive con la paghetta della mamma, di sicuro non valuta una Strato John Cruz (anche perchè nemmeno sa della sua esistenza), idem chi lavora ma fa fatica ad arrivare a fine mese. E chi suona molto live non si carica in auto una chitarra da 15.000 euro, con tutti i rischi annessi e connessi.

Che siano delle mezze inculate non ci piove, ma i negozianti fanno il loro lavoro e vige il libero mercato. E nel libero mercato bisogna trarre profitto da qualsiasi situazione economica vantaggiosa, compresi avvocati annoiati che anzichè investire 10K € in lezioni di musica o in un viaggio in Polinesia, preferiscono investirli nel feticcio da appendere a muro.

 

certo ,..la maggior parte che compra strumentazione da collezione sarà pure gente facoltosa..

Nel mezzo però ci stanno anche tante persone che comprano per passione e che magari fanno sacrifici per avere lo strumento dei propri sogni.

io sinceramente se ne avessi la disponibilità economica,  piuttosto che comprare una  macchina da 50.000€,  spenderei tutto in chitarre.

 

 

 

 

  • Like 3
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, marco_white dice:

 

Il peso di una chitarra lo valuto in qualità di numero di stipendi necessari a prenderla. L'R8 la presi per un mese e una settimana, oggi non basterebbero due mesi. E quindi non me la posso permettere una R6 come mi piacerebbe.

 

 

Intendi R8 nuova o usata?

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, PinkFlesh dice:

Alla tua lista aggiungo le Les Paul Tom Murphy, che viaggiano tra gli 8 e 12K.

 

Che dire...saliranno fino a quando ci saranno sufficienti blues lawyers a cui appiopparle.

E' un po' uno stereotipo d'oltreoceano, il boomer professionista affermato - avvocato, ma anche medico, notaio, ingegnere - che essendo totalmente assorbito dal lavoro non ha il tempo nè di suonare dal vivo, nè di andare a lezione per migliorare tecnicamente. Allora tiene 60.000€ di strumentazione in camera con cui ripete fino alla noia i 5 box della pentatonica e i soliti 2 o 3 classici del rock che suona da una vita. Qui lo hanno chiamato sculander stringer, il concetto è il medesimo. Pareti tappezzate di ampli rigorosamente vintage, Gibson e Fender custom, a tiratura limitata, relic, pedali dai nomi esotici pagati a peso d'oro, un paio di custodie contenenti delle chitarre che non ha mai suonato e probabilmente mai suonerà, ma che tiene là per collezionismo. Giusto per il gusto di possederle.

Ma negli stereotipi c'è sempre un fondo di verità. D'altronde solo un uomo di mezza età professionalmente affermato può permettersi certa roba. E' quello il loro mercato. Il 18enne alla sua prima chitarra che vive con la paghetta della mamma, di sicuro non valuta una Strato John Cruz (anche perchè nemmeno sa della sua esistenza), idem chi lavora ma fa fatica ad arrivare a fine mese. E chi suona molto live non si carica in auto una chitarra da 15.000 euro, con tutti i rischi annessi e connessi.

Che siano delle mezze inculate non ci piove, ma i negozianti fanno il loro lavoro e vige il libero mercato. E nel libero mercato bisogna trarre profitto da qualsiasi situazione economica vantaggiosa, compresi avvocati annoiati che anzichè investire 10K € in lezioni di musica o in un viaggio in Polinesia, preferiscono investirli nel feticcio da appendere a muro.

 

ma anche boh, doppio boh e triplo boh.

Finchè hanno mercato le fanno e le vendono. punto.

Chi ha i soldi da spendere li spende in ciò che lo aggrada.

Avvocati affermati che comprano chitarre da appendere al muro? va bene.

il collezionismo è trasversale a millemila oggetti. Ho un cliente che colleziona tutto. Ho scoperto che ha qualche MIGLIAIO di scatole di penne anni 50..vuote..

Del resto chi colleziona francobolli mica fa per forza il portalettere....  ... perchè un professionista in carriera non può comprarsi la chitarrina per il salotto?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, Fedex dice:

Il termine colpa mi pare un pò esagerato. Se uno ha 12k da 'buttare' per una cruz lasciandola appesa ad un muro cazzi suoi. Andando al sodo ricordiamoci sempre che per avere un buon strumento per suonare anche a livello pro si può spendere infinitamente di meno. E considerando che qua di pro ce ne sono (presumo) pochi non riesco a capire se tutte queste argomentazioni sono dettate da frustrazione o meno. Della serie l'avvocato che suona 1 ora all'anno se la può permettere io che suono 1 ora al mese invece no. Boh.

Poi, e non voglio far polemica, trovo abbastanza risibile il parallelo con la politica.

 

Perchè frustrazione? Stavo solo descrivando un certo settore del mercato e un certo tipo di clientela a cui si rivolge.

Il parallelo con la politica è per far capire che certe istanze partono sempre dal basso, non dall'alto. Se vendessero i peti in barattolo di Leo Fender a 20.000€ cadauno, non li comprerebbe nessuno.

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, marco_white dice:

Un tempo avrei detto usata, oggi costano più usate che nuove

 

esattamente 10 anni fa presi la mia R8 usata (ma perfetta) a 1800 €... oggi a quanto stanno???

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 minuti fa, PinkFlesh dice:

 

Perchè frustrazione? Stavo solo descrivando un certo settore del mercato e un certo tipo di clientela a cui si rivolge.

 

In realtà non stavi "descrivendo"... stavi dipingendo in un'accezione negativa un "certo potenziale" (anche) settore di mercato, anzi di clientela.

Il che ti ha fatto meritare un triplo "boh al post :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 minuti fa, Ric67 dice:

In realtà non stavi "descrivendo"... stavi dipingendo in un'accezione negativa un "certo potenziale" (anche) settore di mercato, anzi di clientela.

Il che ti ha fatto meritare un triplo "boh al post :P

 

Il lato negativo l'hai maliziosamente visto tu :P

Sono il primo a dire che certe cose si comprano per GAS/noia/ricerca sonora, e non perchè si sta andando a registare l'album blockbuster agli Abbey Road Studios. Ma se è vero questo, è altrettanto vero che una stanza piena di John Cruz, Tom Murphy, ecc... se la può permettere solo un uomo maturo con uno stipendio ben sopra la media. Che poi faccia l'avvocato, il chirurgo o il dirigente della Chrysler sono cazzi suoi. Come sono cazzi suoi se poi quella roba la suona 1 ora all'anno o 1 ora al giorno. Il blues lawyer è uno stereotipo americano, come noi abbiamo lo stereotipo del milanese introverso e del napoletano caloroso.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me gli acquirenti facoltosi ci sono sempre stati e sempre ci saranno.

C'è una nuova figura, a mio parere, che è cresciuta di numero rispetto al passato: quella del venditore/esperto/speculatore che compra per rivendere.

Questa, sempre secondo me, è la categoria che ha drogato un po' il mercato attuale

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, SoldOut dice:

Secondo me gli acquirenti facoltosi ci sono sempre stati e sempre ci saranno.

C'è una nuova figura, a mio parere, che è cresciuta di numero rispetto al passato: quella del venditore/esperto/speculatore che compra per rivendere.

Questa, sempre secondo me, è la categoria che ha drogato un po' il mercato attuale

 

 

Si Marco, vero..ma l'esperto speculatore c'era pure 30 anni fa.. ma la richiesta era diversa ..il vintage c'era ma gli interessati al vintage non erano quelli di oggi.. oggi ci sono gli interessati alle repliche fedeli al vintage e ai pezzi da collezione che, nonostante i prezzi comunque alti, sono ben lontani da quelli del vero vintage...

Uniamoci e non compriamo più un cazzo per 2 anni...così il mercato scende... poi si colpisce :P

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Pau dice:

 

certo ,..la maggior parte che compra strumentazione da collezione sarà pure gente facoltosa..

Nel mezzo però ci stanno anche tante persone che comprano per passione e che magari fanno sacrifici per avere lo strumento dei propri sogni.

io sinceramente se ne avessi la disponibilità economica,  piuttosto che comprare una  macchina da 50.000€,  spenderei tutto in chitarre.

 

 

 

 

la stessa cosa che faccio io appena ho 500 euro in tasca

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×