Jump to content

Recommended Posts

Bei suoni Juanka, e anche ben suonata. Non conosco l'originale ma mi piacciono i suoni che hai usato

Share this post


Link to post
Share on other sites

Uno dei punti più alti di acthung baby , disco che per me é saldamente fisso nei preferiti di sempre

grandissima scelta e molto ben suonata Gianca , mi piace . Trovo invece il suono un po’ troppo carico per i miei gusti, però conta poco, sono solo i miei gusti. Il pezzo e l’interpretazione rimangono 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bella interpretazione. Grande pezzo e stupendo album. Concordo con @Fra sul suono, un po’ troppo carico. Però forse è solo la percezione. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Uno dei punti più alti di acthung baby , disco che per me é saldamente fisso nei preferiti di sempre
grandissima scelta e molto ben suonata Gianca , mi piace . Trovo invece il suono un po’ troppo carico per i miei gusti, però conta poco, sono solo i miei gusti. Il pezzo e l’interpretazione rimangono 
 

Achtung Baby è saldamente nella mia personale top ten da quando è uscito, esattamente un giorno prima che compissi 13 anni, nel lontano 91. Un capolavoro immortale con un The Edge monumentale, credo che lì abbia raggiunto il suo apice. Sul suono mi sono basato più sul Live del 2018 che sul disco, dove effettivamente c’è meno gain: live mi è parso bello carico e il pezzo mi è piaciuto più ancora che sul disco, quindi mi sono basato su quello
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah, per la cronaca, ho usato:

- Dr Z Maz 38, ingressi high;
- Origin FX Cali 76;
- Tumnus Deluxe.

Effetti tutti in post.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bell'interpretazione e bei suoni, anche se come ti hanno fatto notare, un po' troppo gain. Ma è una cover, non un tributo, quindi ci sta un tocco di personale nei suoni.

 

Azzardo: Fryette e DSR Celestion?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Bell'interpretazione e bei suoni, anche se come ti hanno fatto notare, un po' troppo gain. Ma è una cover, non un tributo, quindi ci sta un tocco di personale nei suoni.
 
Azzardo: Fryette e DSR Celestion?

Azzardi male

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi è la Grossmann?

Ho detto Fryette perchè se dicevo Grossman e poi scoprivo che era la Fryette era un casino....🤣 voleva dire fare dietro front e tornare a loadbox e cab sim

Share this post


Link to post
Share on other sites
Quindi è la Grossmann?
Ho detto Fryette perchè se dicevo Grossman e poi scoprivo che era la Fryette era un casino.... voleva dire fare dietro front e tornare a loadbox e cab sim

Già, sono le Grossmann

Share this post


Link to post
Share on other sites

Condivido l'apprezzamento per AB, album fondamentale non solo per gli U2 ma per la musica in generale, che ha l'unico difetto di One un po' come lo era With or without you su TJT.

Il suono anche a mio avviso è distorto in modo eccessivo, ma ammetto di avere nelle orecchie solo la versione album non quella live.
Bella esecuzione comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Condivido l'apprezzamento per AB, album fondamentale non solo per gli U2 ma per la musica in generale, che ha l'unico difetto di One un po' come lo era With or without you su TJT.



Vabè insomma, ce ne fossero di ballatone come quelle.
Per me tutto quello che hanno fatto dalla fine degli anni ‘70 all’inizio dei ‘90 è oro, con le vette assolute del periodo 87-91. Poi purtroppo la magia si è un po’ esaurita: hanno fatto qualche bel pezzo anche dopo ma nel complesso nulla di paragonabile. Non gliene faccio neanche una colpa: non mi viene in mente nessuna band che abbia mantenuto altissima la qualità della propria produzione per più di 10/12 anni. Anche un’altra delle mie band preferite di sempre, i Cure, hanno avuto un percorso similare.

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, *juanka78* dice:

 


Vabè insomma, ce ne fossero di ballatone come quelle.
Per me tutto quello che hanno fatto dalla fine degli anni ‘70 all’inizio dei ‘90 è oro, con le vette assolute del periodo 87-91. Poi purtroppo la magia si è un po’ esaurita: hanno fatto qualche bel pezzo anche dopo ma nel complesso nulla di paragonabile. Non gliene faccio neanche una colpa: non mi viene in mente nessuna band che abbia mantenuto altissima la qualità della propria produzione per più di 10/12 anni. Anche un’altra delle mie band preferite di sempre, i Cure, hanno avuto un percorso similare.

 

 

secondo me POP è un altro disco meraviglioso, non certo ai livelli di AB, ma è stupendo

Share this post


Link to post
Share on other sites
 
secondo me POP è un altro disco meraviglioso, non certo ai livelli di AB, ma è stupendo

Per carità, qualche bel pezzo c’è anche lì...ma rispetto al periodo precedente per me non c’è paragone. Per me il vero motore del gruppo, quello che ancora oggi li tiene a galla, è lui: David Evans, in arte The Edge. Se devo pensare ad un chitarrista ritmico altrettanto efficace e funzionale alla musica del gruppo di appartenenza faccio fatica, così su 2 piedi mi viene in mente solo Johnny Marr.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Solo io ascolto con piacere anche War e qualcosa di Boy?

Anche io. Perché, October no? E vogliamo parlare di The Unforgettable Fire? Per me TUTTO quello che hanno fatto fino ad Achtung Baby è oro.

Share this post


Link to post
Share on other sites
48 minuti fa, *juanka78* dice:

Se devo pensare ad un chitarrista ritmico altrettanto efficace e funzionale alla musica del gruppo di appartenenza faccio fatica, così su 2 piedi mi viene in mente solo Johnny Marr.

 

A me viene in mente Hetfield per i Metallica.

 

Non sono gli unici comunque ad avere perso il tiro dei primi album con l'arrivo dei 90-2000. E' un fenomeno che ha investito trasversalmente tutti i mostri sacri del rock, complice anche l'attenzione del pubblico che in quegli anni si è spostata su generi più ballabili. In certi casi si sono inseriti elementi elettronici come synth, loop, campioni audio, in altri casi si è strizzato l'occhio al pop e alle ballate lente, ma in entrambi i casi rimane la sensazione di incompiuto. Di un rock imbastardito che cerca di adattarsi ai tempi per sopravvivere, ma che ha perso la sua identità. O forse più semplicemente, l'ispirazione.

Share this post


Link to post
Share on other sites
 
A me viene in mente Hetfield per i Metallica.
 
Non sono gli unici comunque ad avere perso il tiro dei primi album con l'arrivo dei 90-2000. E' un fenomeno che ha investito trasversalmente tutti i mostri sacri del rock, complice anche l'attenzione del pubblico che in quegli anni si è spostata su generi più ballabili. In certi casi si sono inseriti elementi elettronici come synth, loop, campioni audio, in altri casi si è strizzato l'occhio al pop e alle ballate lente, ma in entrambi i casi rimane la sensazione di incompiuto. Di un rock (e di un metal) imbastardito che cerca di adattarsi ai tempi per sopravvivere, ma che ha perso la sua identità. O forse più semplicemente, l'ispirazione.

Sì ecco, un altro è sicuramente Hetfield.

Share this post


Link to post
Share on other sites

E il povero Malcolm non se lo fila nessuno?

 

Cmq fino a Achtung Baby concordo, la qualità è altissima. Non disdegno neanche la produzione successiva, Zooropa è molto bello e pop una grande sfida dichiarata. Tuttavia iniziano ad essere album che non ho mai apprezzato nella totalità. Il pezzone ci scappa sempre, ma gli altri erano uno spettacolo dalla prima all'ultima canzone.

Share this post


Link to post
Share on other sites
E il povero Malcolm non se lo fila nessuno?
 
Cmq fino a Achtung Baby concordo, la qualità è altissima. Non disdegno neanche la produzione successiva, Zooropa è molto bello e pop una grande sfida dichiarata. Tuttavia iniziano ad essere album che non ho mai apprezzato nella totalità. Il pezzone ci scappa sempre, ma gli altri erano uno spettacolo dalla prima all'ultima canzone.

Concordo su tutto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

io invece sapete che da un po' di anni a questa parte faccio fatica ad ascoltare la prima parte della produzione degli u2

intendiamoci, tanti anni fa ho ascoltato allo sfinimento i primi tre, ma oggi non riesco più, mi sembrano datatissimi, continuo invece a trovare sempre estremamente attuale la “trilogia” degli anni 90  , quelli dopo invece ...bruttarolli o poco più, a parte qualche caso qua e là

 

discorso diverso per joshua tree, ma li vabbè, verso quel disco è una storia lunghissima stracarica di ricordi molto personali

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×