Jump to content

Recommended Posts

Se Jovanotti e Luca Bizzarri avessero figliato. Stasera me lo devo guardare.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti i suoi video son da guardare, è veramente ottimo.

E poi in un mondo di gente che si fa la messa in piega, aspetta lo zenith per avere la luce migliore per far risplendere il mi cantino della serie "plutonium cobalt unghie del bambino del Ghana" lui suona e parla di musica. Punto. Bevesse la birra mentre fai i video lo vorrei presidente della repubblica.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per chi ancora non lo conoscesse, vale la pena riuppare il figlio disagiato di Ian Anderson, a suo tempo ottimamente consigliato dal venerabile Uilliman. Veramente ganzo anche a mio parere. Certo, lo collochiamo agli antipodi dello *c*lander stringer profumatissimo, perizomato sotto il jeans di Armani in denim relic, ma qui c'è ciccia interessante purtroppo. Coi maestri ho sempre avuto un rapporto conflittuale, tanto che li ho mollati subito da pischello autodidattico: è chiaro che bisogna farsi il culo e studiare storia, teoria e tecnica se vuoi suonare la musica e non suinare la pentafonica ad minchiam come faccio io, però non puoi neanache vomitarmi addosso il tuo sadismo, godendo mentre, disperato, soffro sulla carta pentagrammata solo per vendicarti degli abusi subiti a tua volta dai tuoi pessimi maestri; nell'80% dei casi riuscirai a farmi odiare la musica e mi farai passare la voglia di capirla e suonarla, tanto che alla fine mi iscriverò al Radiochitarra, mi accatterò un Jan Ray sbavando il gear dei radiochitarristi top più illuminati, sognando di butic, pedaletti e castomscioppi mentre la fig* mi sparirà dai radar in men che non si dica. Ma la musica? Eh gniente, quella è evaporata comunque da quando i Dj hanno cominciato a "suonare". Ormai consideratemi comunque perso: arrotolo sgamini pentafonici senza soluzione di continuità, sempre gli stessi e senza musica dentro, solo per godermi il suono dell'amp, del pedaletto scic e della chitarrina con la castom "V" Chevrolet '50's dietro la paletta, però ogni tanto cercare anche di capire cosa c'è dietro il niente che suono non mi dispiace affatto ecco. Tanto love! 💕

 

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Lo seguo anche io ormai da un annetto e mi ha subito colpito per la sua capacità di parlare in maniera molto naturale senza tagli, effetti luci, audio ritoccato, ecc. Parla di tutto, dai nuovi amati dai ragazzetti, alla patty pravo, alla musica barocca. Fanculo se non ha la chitarra adatta per quello che deve suonare, l'importante è che si suoni.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×