Jump to content
teo.o70

Effetti in... parallelo??

Recommended Posts

Ciao a tutti!

 

Vi propongo una discussione su effetti in serie e in parallelo.

Da tempo sto cercando di creare un mio rig in parallelo e dopo aver comprato dei pedali stereo per le modulazioni, riverberi e delay, molto fighi (cioè per me sono molto fighi) mi sono reso conto che per metterli in parallelo avrei dovuto comprare almeno altri 2 pedali: uno splitter e un mixer.

Quindi volevo chiedere la vostra opinione di persone molto più experienced e skilled di me sui vantaggi e svantaggi del routing in parallelo.

 

A pensarci bene questa cosa può valere anche con le distorsioni. Cioè io ho un fuzz in serie con un distorsore, ma nulla vieta di metterli in parallelo: ha senso, non ha senso? è un'idea scema? è una genialata?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Certamente...

La domanda sul parallelo non cambia, però... Poi che il rig sia mono o stereo aggiunge solo un grado di complessità ulteriore: cioè trovare uno splitter e un mixer stereo invece che mono o usarne 2 coppie mono...

Sbaglio?

Share this post


Link to post
Share on other sites

In parallelo, significa avere il segnale dry e wet separati. Alcuni effetti hanno già il kill-dry per questo utilizzo, altrimenti non si possono usare in parallelo.

Poi serve un mixer, o nel caso di send-return, un loop progettato per l'utilizzo in parallelo. La mia Musicmlab V ha 2 loop che possono essere utilizzati in parallelo, in uno utilizzo il delay Rubberneck che ha la funzione di kill-dry. Non serve un mixer in questo caso, anche perché posso regolare l'intensità dell'effetto al volo.

Solitamente i mixer si usano con i rack per comodità di utilizzo.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

La tua Musicalab V è una cosa di questo tipo: https://reverb.com/item/29426703-musicom-lab-efx-me ?

Il wet dry mi è chiaro, credo...
Quello che mi chiedevo è se era possibile, e soprattutto sensato, mettere in parallelo gli effetti proprio. Ovvero arriva il mio segnale  in uno splitter che lo "divide" in 4:

  1. dry
  2. una che va al delay;
  3. una che va al flanger\phaser;
  4. una che va al riverbero;

poi tutti quanti insieme li facciamo entrare in un bel mixer sottoforma di pedalino e ne esce un bel segnale unico, stereo o mono che sia, che ha tutte queste componenti, però non sommate in serie l'una all'altra per cui il dry diventa delayato che diventa flangerato che diventa riverberato, ma ogni effetto agisce su un segnale dry e poi li mettiamo tutti insieme.

 

Ho usato 3 effetti per fare un esempio ma mettiamoci un tremolo, un vibrato, qualsiasi cosa...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

In parallelo si usano gli effetti di ambiante, per avere il proprio suono inalterato e processare solo le ribattute. Poi tutto è lecito per sperimentare.

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

https://www.ehx.com/products/tri-parallel-mixer/

 

io uso questo con molta soddisfazione

 

nel routing in parallelo però si annida sempre il problema phase: a seconda di quali effetti accendi/spegni e dei settaggi, potresti trovarti a raddoppiare il volume quando non vuoi o al contrario a suonare come un citofono. Il tri parallel mixer di cui sopra ha un controllo di phase su ogni loop, è un aiuto ma non risolverà mai al 100% il problema

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minutes ago, Nick-O-Sound said:

https://www.ehx.com/products/tri-parallel-mixer/ 

 

io uso questo con molta soddisfazione

 

nel routing in parallelo però si annida sempre il problema phase: a seconda di quali effetti accendi/spegni e dei settaggi, potresti trovarti a raddoppiare il volume quando non vuoi o al contrario a suonare come un citofono. Il tri parallel mixer di cui sopra ha un controllo di phase su ogni loop, è un aiuto ma non risolverà mai al 100% il problema

Esatto, questo perchè esistono pedali che hanno uscita invertente e pedali che invece mantengono la stessa fase d'ingresso.

Mixandone due non hai problemi a selezionare lo switch di fase per evitare cancellazioni, mentre con una combinazione di tre, può diventare impossibile che tutte le combinazioni possano essere in fase tra di loro.

Per capirci: se due pedali in parallelo sono in opposizione di fase senti un volume generale più basso e spariscono le medie frequenze.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 hours ago, Nick-O-Sound said:

https://www.ehx.com/products/tri-parallel-mixer/

 

io uso questo con molta soddisfazione

Sì l'avevo visto ma ha un difetto per quello che cerco io: è mono. Quindi o ne prendo 2 e processo L e R ciascuno in uno di questi oppure faccio il downgrade al mono...

 

3 hours ago, Nick-O-Sound said:

nel routing in parallelo però si annida sempre il problema phase

 

3 hours ago, Dado said:

Esatto, questo perchè esistono pedali che hanno uscita invertente e pedali che invece mantengono la stessa fase d'ingresso.

Ecco vedi che si imparano sempre cose nuove?!? Il discorso della fase non l'avevo nemmeno lontanamente preso in considerazione, grazie a entrambi!

Il concetto mi è chiaro, ma la domanda è: come imparo qual è la fase dei miei pedali?

Inoltre quali sono i possibili valori di fase? Cioè posso avere solo 0 e 180 o esistono anche delle fasi a 90? Sparo da ignorante, eh!

Share this post


Link to post
Share on other sites
35 minutes ago, teo.o70 said:

Sì l'avevo visto ma ha un difetto per quello che cerco io: è mono. Quindi o ne prendo 2 e processo L e R ciascuno in uno di questi oppure faccio il downgrade al mono...

 

 

Ecco vedi che si imparano sempre cose nuove?!? Il discorso della fase non l'avevo nemmeno lontanamente preso in considerazione, grazie a entrambi!

Il concetto mi è chiaro, ma la domanda è: come imparo qual è la fase dei miei pedali?

Inoltre quali sono i possibili valori di fase? Cioè posso avere solo 0 e 180 o esistono anche delle fasi a 90? Sparo da ignorante, eh!

 

Di solito con i pedali si parla di inversione di 180 gradi.

 

Tecnicamente la puoi puoi testare in due modi:

1. con un programma di registrazione che ti visualizza graficamente la forma d'onda registri un suono con pedale spento e lo stesso suono con pedale acceso, avvicini le due forme d'onda che devono essere sullo stesso piano temporale e visivamente controlli tutti i picchi positivi e negativi. Se corrisondono, i due segnali sono in fase se invece sono invertiti, i segnali sono sfasati di 180 gradi.

 

2. puoi utilizzare l'scilloscopio con un generatore di segnali

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Wow non uso un'oscilloscopio dai tempi dell'università, purtroppo!

 

Come programma per registrarmi uso Cakewalk, si può fare questa cosa che mi consigli che tu sappia?
Se no sai consigliarmi un software che fa questa cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 minutes ago, teo.o70 said:

Wow non uso un'oscilloscopio dai tempi dell'università, purtroppo!

 

Come programma per registrarmi uso Cakewalk, si può fare questa cosa che mi consigli che tu sappia?
Se no sai consigliarmi un software che fa questa cosa?

non conosco quel programma ma secondo me lo potrebbe fare, io utilizzo Reaper che è ottimo e scaricabile gratuitamente

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

@teo.o70 3 topic appena entrato e tutti molto interessanti! 😁

 

Domandina analoga... io avrei in mente di mettere in parallelo il jhs at e il bae hot fuzz (non mi prendete per pazzo, adoro il bae ed il jhs, ma vorrei inserire il fuzz nel contesto del mio gruppo, ed usarlo liscio per il suono che abbiamo lo vedo troppo sgranato sulle basse).

Secondo voi converrebbe prendere un pedale tipo questo?

https://www.thomann.de/it/kma_audio_machines_tyler_deluxe_freq._splitter.htm

 

secondo me potrebbe uscire qualcosa di interessante....

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 hours ago, Mlex said:

@teo.o70 3 topic appena entrato e tutti molto interessanti! 😁

 

Domandina analoga... io avrei in mente di mettere in parallelo il jhs at e il bae hot fuzz (non mi prendete per pazzo, adoro il bae ed il jhs, ma vorrei inserire il fuzz nel contesto del mio gruppo, ed usarlo liscio per il suono che abbiamo lo vedo troppo sgranato sulle basse).

Secondo voi converrebbe prendere un pedale tipo questo?

https://www.thomann.de/it/kma_audio_machines_tyler_deluxe_freq._splitter.htm

 

secondo me potrebbe uscire qualcosa di interessante....

 

Se ti può interessare faccio il Morphing che è un doppio looper dove puoi inserire i due pedali sia in parallelo che in serie, ovviamente quando sono in parallelo il loop A ha uno switch per l'inversione della polarità. Al posto del potenziometro del Mix o Blend come volete, si può inserire un pedale volume per blendare con il piede in real time, alcune foto (vecchie e orrende)...

51674306504_2c1f6457fd_b.jpgMorphing 04 by Davide Borra, su Flickr

 

51672830732_921f9cfbaa_b.jpgMorphing 03 by Davide Borra, su Flickr

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×