Jump to content
Gluca

Restauro Stratocaster (video)

Recommended Posts

 

Ce ne sono tanti del genere, ma in questo si capisce bene il lavoro e la pazienza per sverniciare tutte le parti, riverniciare "artigianalmente", e montare i tasti come si dovrebbe fare. Risultato, per me, fantastico. Il tizio è giapponese, e un po si capisce come loro fanno tutto con una certa cura e dedizione.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Indubbiamente il liutaio è bravo e paziente. Però anche se la Strato è una CBS tardi '70 con un valore collezionistico relativo io non l'avrei sverniciata e riverniciata. Al massimo avrei riverniciato la tastiera col refret è basta.

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 hours ago, evol said:

Indubbiamente il liutaio è bravo e paziente. Però anche se la Strato è una CBS tardi '70 con un valore collezionistico relativo io non l'avrei sverniciata e riverniciata. Al massimo avrei riverniciato la tastiera col refret è basta.

 

C'è anche chi vive una volta sola e si fa guidare dalla passione :D

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
53 minuti fa, Gluca dice:

 

C'è anche chi vive una volta sola e si fa guidare dalla passione 😄

Vero! Ma allora poteva direttamente prendere un body replacement e mettere da parte l'originale!

Share this post


Link to post
Share on other sites

ha seguito il principio che si usa nel restauro delle auto. Restituire piena funzionalità ed estetica al prodotto restaurato

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minutes ago, ghirmo said:

ha seguito il principio che si usa nel restauro delle auto. Restituire piena funzionalità ed estetica al prodotto restaurato

 

Lavorando nel settore (delle auto), anche li c'è chi mette solo cose nei garage, senza toccarle, nella speranza di farne una speculazione, e chi restaura per usare e godere dell'oggetto. La differenza è la mentalità;  nel primo caso non sono appassionati, e solitamente non hanno le possibilità e la cultura per fare un restauro come andrebbe fatto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusate amici, senza offendere le opinioni di nessuno, ma nel campo delle chitarre vintage (che penso ormai di conoscere abbastanza bene) le cose non funzionano così.

La chitarra in oggetto come dicevo non è una Strato pre-CBS quindi non è un vintage diciamo "di prima categoria". Ad ogni modo un refin, anche se fatto bene, deprezza notevolmente lo strumento così come la sostituzione di una o più parti della chitarra. La mia opinione su tasti e capotasto invece è differente proprio perché preferisco decisamente uno strumento suonabile ad uno con tasti originali ormai arrivati, giustamente, dopo decenni di utilizzo (pensare che nel mercato del vintage di qualche tempo fa si guardava che la chitarra avesse ancora i tasti originali o che la finitura non fosse sbiadita).

Quindi un conto è recuperare una chitarra già sverniciata o con scassi e modifiche fatte chissà quanti anni fa dai precedenti proprietari. Altro è intenzionalmente sverniciare (nel 2022) tutto lo strumento quando bastava rifare solo la tastiera.

Le chitarre non sono auto d'epoca quindi il "restauro" è proprio differente a prescindere.

E poi se il proprietario voleva una Strato bianca late '70 la trovava pure...

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mah diciamo che c'è gente che le compra in queste condizioni NUOVE ovvero super relic stra destroy .....e le paga pure non poco 😂

 

Comunque il tipo mooolto preciso e il video bello mi è piaciuto ....

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, evol dice:

Scusate amici, senza offendere le opinioni di nessuno, ma nel campo delle chitarre vintage (che penso ormai di conoscere abbastanza bene) le cose non funzionano così.

La chitarra in oggetto come dicevo non è una Strato pre-CBS quindi non è un vintage diciamo "di prima categoria". Ad ogni modo un refin, anche se fatto bene, deprezza notevolmente lo strumento così come la sostituzione di una o più parti della chitarra. La mia opinione su tasti e capotasto invece è differente proprio perché preferisco decisamente uno strumento suonabile ad uno con tasti originali ormai arrivati, giustamente, dopo decenni di utilizzo (pensare che nel mercato del vintage di qualche tempo fa si guardava che la chitarra avesse ancora i tasti originali o che la finitura non fosse sbiadita).

Quindi un conto è recuperare una chitarra già sverniciata o con scassi e modifiche fatte chissà quanti anni fa dai precedenti proprietari. Altro è intenzionalmente sverniciare (nel 2022) tutto lo strumento quando bastava rifare solo la tastiera.

Le chitarre non sono auto d'epoca quindi il "restauro" è proprio differente a prescindere.

E poi se il proprietario voleva una Strato bianca late '70 la trovava pure...

Concordo su tutto 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Gibsobsessed dice:

Mah diciamo che c'è gente che le compra in queste condizioni NUOVE ovvero super relic stra destroy .....e le paga pure non poco 😂

 

Comunque il tipo mooolto preciso e il video bello mi è piaciuto ....

Certo. Prendi una qualsiasi chitarra Custom Shop relic e falla riverniciare: se la rivendi ti daranno la metà. Idem se prendi una Custom Shop closet classic e ti fai fare un relic.

Mi dispiace ma questo esempio col mondo del vintage c'entra davvero poco.

Share this post


Link to post
Share on other sites


Son chitarre che mi restitusicono appieno l’idea di essere le strato del peggior periodo fender 

Però che sbatti il tipo, mi sa che il refin costa più della chitarra

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dico la mia:

 

Questo non è un restauro ma un refin totale che deprezza molto lo strumento, ed a giudicare dal video, la chitarra poteva riamanere benissimo come era, a parte il refret, che se fatto a regola d arte, non impone nenache il refin del manico.

 

Nelle auto d epoca, campo in cui ho seguito mio padre fin dall'età di 10 anni, il principio è il medesimo. Ciò che è originale e può rimanere originale, DEVE rimanere originale. Il rifacimento di parti, viene fatto solo dove davvero necessario. Un auto integra priva di ruggine, anche se con vernicie vissuta, va lasciata tale. Un auto sana completamente originale vale molto di più di un auto rifatta scintillante.....nelle auto d epoca addirittura la targa originale fa differenza di valutazione rispetto ad un esemplare ritargato....

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, Vintage Specs dice:

Dico la mia:

 

Questo non è un restauro ma un refin totale che deprezza molto lo strumento, ed a giudicare dal video, la chitarra poteva riamanere benissimo come era, a parte il refret, che se fatto a regola d arte, non impone nenache il refin del manico.

 

Nelle auto d epoca, campo in cui ho seguito mio padre fin dall'età di 10 anni, il principio è il medesimo. Ciò che è originale e può rimanere originale, DEVE rimanere originale. Il rifacimento di parti, viene fatto solo dove davvero necessario. Un auto integra priva di ruggine, anche se con vernicie vissuta, va lasciata tale. Un auto sana completamente originale vale molto di più di un auto rifatta scintillante.....nelle auto d epoca addirittura la targa originale fa differenza di valutazione rispetto ad un esemplare ritargato....

 

mai vista un'auto d'epoca restaurata, alla quale è stata lasciata la ruggine. E certo che ogni parte originale viene salvata, ma non ho mai visto, ripeto, una auto d'epoca ai raduni, con ruggine sulla carrozzeria.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Adesso, ghirmo dice:

 

mai vista un'auto d'epoca restaurata, alla quale è stata lasciata la ruggine. E certo che ogni parte originale viene salvata, ma non ho mai visto, ripeto, una auto d'epoca ai raduni, con ruggine sulla carrozzeria.

 Rileggi bene ciò che ho scritto.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
21 ore fa, Gluca dice:

 

Lavorando nel settore (delle auto), anche li c'è chi mette solo cose nei garage, senza toccarle, nella speranza di farne una speculazione, e chi restaura per usare e godere dell'oggetto. La differenza è la mentalità;  nel primo caso non sono appassionati, e solitamente non hanno le possibilità e la cultura per fare un restauro come andrebbe fatto.

 

è lo stesso principio sulle chitarre per certi versi. Ci sta chi acquista una chitarra vecchia, anni 60 con tasti a zero e impianto elettrico gracchiante e non la tocca, giusto per averla, come fosse un quadro, e chi invece tende a renderla suonabile, non toccando le parti che sono in buono stato, ma sostituendo senza troppi patemi d'animo tasti, e sistemando impianto elettrico

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 minuto fa, Vintage Specs dice:

 Rileggi bene ciò che ho scritto.

"un'auto integra priva di ruggine". Io facevo altro discorso, non necessariamente legato a questa frase, per l'amor di Dio.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, Uilliman Coscine Terzo dice:

Io lo vedo più come un atto di amore nei confronti di una chitarra marrone

 concordo con te.

Share this post


Link to post
Share on other sites
19 minuti fa, ghirmo dice:

 

è lo stesso principio sulle chitarre per certi versi. Ci sta chi acquista una chitarra vecchia, anni 60 con tasti a zero e impianto elettrico gracchiante e non la tocca, giusto per averla, come fosse un quadro, e chi invece tende a renderla suonabile, non toccando le parti che sono in buono stato, ma sostituendo senza troppi patemi d'animo tasti, e sistemando impianto elettrico

Quello che chiami "impianto elettrico" ovvero potenziometri e selettore salvo rari casi si può sempre recuperare con una pulizia e una rigenerazione totale di tutte le parti. Anche in questo caso se prendi una chitarra vintage con potenziometri e selettore sostituiti perdi il pieno valore dello strumento. Fatevi un giro su Ebay, Reverb, ecc... a vedere quanto vendono i potenziometri originali d'epoca (quindi ci sarà un perché, no?)

Sul refret mi sono già espresso a favore e penso che sia d'accordo anche @Vintage Specs

Ragazzi mi dispiace ma queste non sono "opinioni" è solo oggettività e se non conoscete il vintage, il giro degli appassionati e il mercato ad esso legato leggete e portate a casa.

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
16 ore fa, evol dice:

Certo. Prendi una qualsiasi chitarra Custom Shop relic e falla riverniciare: se la rivendi ti daranno la metà. Idem se prendi una Custom Shop closet classic e ti fai fare un relic.

Mi dispiace ma questo esempio col mondo del vintage c'entra davvero poco.

 

Non hai capito Evol o forse mi sono spiegato male ...volevo dire che mentre il Japu la rivernicia, ripara graffi e colpi etc.... c'è gente invece che le compra appositamente in quello stato NUOVE pagandole non poco, gli heavy relic della Fender non sono messe meglio di quella del video se non forse per i tasti che saranno nuovi (forse)...

Share this post


Link to post
Share on other sites
25 minuti fa, Gibsobsessed dice:

 

Non hai capito Evol o forse mi sono spiegato male ...volevo dire che mentre il Japu la rivernicia, ripara graffi e colpi etc.... c'è gente invece che le compra appositamente in quello stato NUOVE pagandole non poco, gli heavy relic della Fender non sono messe meglio di quella del video se non forse per i tasti che saranno nuovi (forse)...

Okay ho capito. Ribadisco comunque che sono due mercati seprati e distinti. Chi vuole uno strumento relic del Custom Shop principalmente lo vuole per le caratteristiche di legni, forma manico, pu, ecc... che ripropongono il modello storicamente corretto (il più possibile). L'estetica "relic" è un di più.

Nel vintage invece è più valutato uno strumento "mint" ovvero quasi pari al nuovo o con pochissima usura. A seguire tutti gli altri strumenti più usurati fino alle "player" (di cui avrai sicuramente sentito parlare) che altro non sono che strumenti vintage pesantemente modificati o "restaurati" ma non del tutto originali per finitura e parti.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo voi quella chitarra quanto poteva valere prima e quanto dopo il refin ? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
48 minuti fa, Fra dice:

Secondo voi quella chitarra quanto poteva valere prima e quanto dopo il refin ? 

Prima, con un refret fatto bene, secondo me sui 1700/1900. Ora non saprei. Perché sulla Vintage Guide Price indicano che lo strumento refin deve essere scontato del 50% ma non ho mai visto un deprezzamento tale in tutto il mondo nè dai privati nè dai negozi. Quindi azzardo un 1100? 1200? Sono solo ipotesi.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, evol dice:

Prima, con un refret fatto bene, secondo me sui 1700/1900. Ora non saprei. Perché sulla Vintage Guide Price indicano che lo strumento refin deve essere scontato del 50% ma non ho mai visto un deprezzamento tale in tutto il mondo nè dai privati nè dai negozi. Quindi azzardo un 1100? 1200? Sono solo ipotesi.

Un affarone… il lavoro fatto dal tizio credo superi abbondantemente il valore della chitarra dopo il Redon totale.

Che poi tutto il lavoro fatto non rende nemmeno la chitarra più suonabile di prima salvo i tasti…

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×