Jump to content

black_label

Members
  • Content count

    853
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

Everything posted by black_label

  1. black_label

    Golden Age Premier

    Ogni cosa che metti mi piace sempre Vediamo quanto costa
  2. Comunque andrebbe paragonato al torpedo studio per via dei prezzi quasi uguali
  3. black_label

    Scazzo time: EVH con 4 ampli diversi

    Per me sono suoni molto 80s, ci mette solo più gain e ciccia. gli ho visto suonare di tutto da fender a gibson, immagino abbia anche un bel parco di strumenti
  4. black_label

    Scazzo time: EVH con 4 ampli diversi

    A me piace molto la mod che tira fuori questo da qualsiasi marshall
  5. black_label

    Finalmente attivo e operativo!

    Benvenuti a voi!
  6. Sto cercando una buona chitarra 'ignorante' e 'marcia' per sonorità anni 80 con la leva, non ne ho mai avuta una e voglio divertirmi un po'. Niente metal. Mi sto guardando in giro e ci sono troppi modelli diversi legati agli anni di produzione, ho pensato alla Kramer Baretta, solo che quella del periodo buono (fino al 86) costa dai 1000 euro in su e io voglio spendere la metà. Non so se vale la pena prendere la nuova kramer reissue o vintage. Ci sarebbe anche la special ad un prezzo divertente (180€), ma ci andrò a spendere altro per le modifiche. Avete qualche idea?
  7. per curiosità da cosa si nota? ho visto che le koreane hanno il ponte peavey, qui sarà stato sostituito col floyd rose.
  8. Si, è ganza perché replica il top di van halen, ma avrà tante imperfezioni proprio perché è stata aerografata e non verniciata, le più evidenti si vedono già in questa foto. nel caso mi farò inviare altre foto. Mi serve per suonare qualsiasi roba grezza anni '80 tipo ratt whitesnake jake lee lynch e sicuro mi divertirò con i solisti alla satriani maniera, quando vivevano il loro periodo 80s
  9. Sarebbe così, non vorrei prenderla proprio perché non è verniciata e ci ha messo un gibson 57. Poi rimane una japan, ma viene 500 euro. non è che voglio prendere sta chitarra per suonarci van halen..
  10. Ho 2 idee: 1) prendere una kramer baretta fatta dalla ESP a fine anni 80 (il seriale è composto dalla lettera B+5 numeri), solo che ci ha aerografato il body stile EVH; 2) stavo guardando le Wolfgang Peavey, non riesco a capire questa se è USA o Korea, non ha il seriale e ha il floyd rose, voi sapete niente?
  11. Wow! Sorpresa: questa Pacer non è fatta neanche in giappone..riporto quello che mi hanno detto: è una Kramer Pacer Custom del 91 o 92, è stata assemblata nell'ex Cecoslovacchia negli stabilimenti della Jolana, nel periodo in cui la Kramer stava fallendo (infatti non ha neanche il numero di serie). Che storia.
  12. Beh questi della kramer facevano un casino assurdo Non ho ben capito quali fossero le parti ESP made in Japan perché utilizzavano soprattutto hardware Schaller made in Germany per ponte, meccaniche e pickups. Laddove c'era il floyd rose 2 allora era delle zone asiatiche.. Credo che per 'parti made in japan' si intendono proprio i legni, poi spedivano in USA dove venivano assemblate le chitarre. Questo per chitarre dove veniva dichiarato il made in USA, quindi o sulla paletta con la scritta American e/o con il seriale a 4 numeri sulla placca in metallo. Invece nei casi in cui non c'era la scritta American e il seriale era composto da 5 numeri oppure non c'era proprio, erano completamente Japan.
  13. Piccola curiosità: cosa ne dite di questa Kramer ? credo sia una pacer custom 2, ma non ha il seriale, la paletta è a punta senza altre particolari scritte, quindi non è americana, sarà della ESP, non so di che anno. Ha il ponte floyd rose della schaller e sicuramente lo saranno anche i due humbucker. L'adesivo dei cannibal corpse mi fa pensare al peggio.
  14. Come mai vedo molte kramer con la paletta rotta? ahah
  15. Si, Ibanez mi manca, adesso la guardo. Leggevo che ste chitarre in realtà avevano sempre a che fare con la ESP in Giappone, vuoi per l'hardware vuoi per la produzione. Cominciavano ad assemblarle in USA poi si spostavano in Japan e di nuovo così. Quelle Koreane e mexicane poi sono un mercato a parte. Si, zado ci ha preso come stile e sonorità, senza pickup attivi però. L'idea di avere 1 single coil non è neanche male 😄
  16. Vorrei rimanere sui 500€, altrimenti senza pensarci prenderei la Kramer 84 o 85. Sull'estetica no problem, qualsiasi cosa va bene. Sulle strato invece non credo abbiano il suono che sto cercando, potrei prendere qualche Japan, comunque suonano troppo 'classiche' anche quelle con il jb e Floyd rose
  17. Vale la pena spendere 80 euri per il boss ge7 japan? ho sempre avuto il taiwan, poi venduto, aveva un fruscio parecchio alto quando gli aumentavo le frequenze

    1. Show previous comments  1 more
    2. toplop

      toplop

      Lascia perdere

    3. black_label

      black_label

      Ci sarebbero i taiwan già moddati, ma costano quanto il japan, non so quale sia meglio tra i due. 

    4. nova

      nova

      A me piacque. Ma non avevo fruscio né col japan né col taiwan...

  18. C'è qualcuno di Potenza qui? :smile:

  19. black_label

    Home recording (senza svenarsi)

    Se questa rompe il cazzo anche per il suono di una chitarra da spenta, non hai rimedi. L'unico è insonorizzare (se abita sotto puoi fare solo il pavimento), altrimenti compri una di quelle cabine da montare, ma... sono l'anti-estetica per tenerla in casa. Però ne vedo tante su Facebook..
  20. black_label

    Home recording (senza svenarsi)

    Beh se intendi una bella grossa isobox in cui mettere la 2x12 come ce l'ho io o 4x12 (pochi cm in più), sicuramente devi prima capire dove metterla, hai bisogno di spazio, puoi renderla esteticamente bella così da farla sembrare un mobile. Quando iniziai a pensarci, vidi quelle di Matt Sorum nel suo studio ed erano ok. Quello che mi dà fastidio non è il suono che esce dalla isobox, ma il trafo del marshall che risuona e a questo non ero pronto, non avendo mai suonato ad alto volume. Chiesi a lory e mi disse che era normale Così ho allontanato la testata da me, saldando un cavo di potenza di 2 metri e ora va meglio. Per la registrazione non è facile giocare con i microfoni e trovare le posizioni adatte, credo però sei costretto a stare vicino al cono, ho solo 2 sm57 che si usano così, a me piacciono, è questione di gusti. Ho già provato ad allontanarmi di 3 dita, non si sentono echi. Il fatto della mancanza d'aria non l'avevo proprio preventivato, me l'ha detto lory prima e poi scumback (a cui ho spiegato l'uso che ne avrei fatto del suo cono, ah ho preso il BM75 dal tedesco), speriamo vada bene.. sapendo che le isobox sono state usate per registrare dischi e molto spesso ai live, non mi sono posto il problema. La soluzione pratica è la isobox a 1 cono, tanto spenderesti la stessa identica cifra, anzi meno se la compri usata. Ho speso 500 euro per tutti i materiali, però ci metto 2 coni e isola molto di più.
  21. black_label

    Home recording (senza svenarsi)

    Se deve spendere 500 euro per il torpedo, meglio l'isobox, sai come si diverte a sentire il proprio ampli con un cono vero
  22. black_label

    Home recording (senza svenarsi)

    se devi registrare e ascoltare in diretta attraverso i monitor devi avere l'ampli in un'altra stanza, se non puoi devi utilizzare per forza delle cuffie chiuse. ma se devi suonare e microfonare a basso volume è abbastanza inutile, non mi farei pensieri strani tanto dovrai ri-registrare in studio. per come la vedo, lo faresti solo per piacere di sentire il tuo ampli microfonato che per utilità
  23. E dire che il closed mic è il sistema più usato dagli anni 80, cioè da quando hanno inventato apparecchiature che restituivano la spazialità, il suono d'ambiente, senza dover riprendere con il mic il suono nella stanza. A me per esempio il suono closed mic piace tanto, ma ascoltarsi in diretta attraverso monitor piccoli o cuffie invece di avere la cassa dietro, è come se stai solo 'giocando', che poi è la realtà 😁 Alla fine qualsiasi tecnica di registrazione non ti può restituire il suono della cassa cruda perché appunto stai utilizzando i microfoni.
  24. Beh per far quello che dici, solo per registrazioni, ti serve una stanza isolata e trattata acusticamente, insomma una sala di registrazione. Tanti strumenti da lavoro e soprattutto studio, è impensabile.. comunque si, il mic room si miscela con i closed mic. l'altra è affidarsi al digitale e quindi agli impulsi, le loadbox partendo dal torpedo live e finendo all' OX cercano di riprodurre anche il suono del mic lontano dalla cassa, così da avere l'effetto suono nella stanza.
×