Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 08/17/2019 in all areas

  1. 5 points
    Il prezzo è di 599 €uro. Vado a mente ma potete verificare su www.cicognani.eu Beh cosa di differente? Partirei col dire per semplificare che sono 4 LTD sincronizzati in una unica scatola. Si in realtà al fine di avvicinarsi sempre più alle emozioni del vecchio caro binson le quattro testine sono realizzate mediante quattro unità di ritardo calibrate nei medesimi tempi le quali possono essere richiamate singolarmente o in abbinamenti tramite il commutatore SWITCH. Gli abbinamenti dei vari ritardi garantiscono una perfetta sincronizzazione dei tempi sull'ottavo, l'ottavo puntato e il sedicesimo. Pompeii PE603 rappresenta il massimo dello sviluppo dei progetti da me realizzati che partono da Echosex 2 > Echosex LTD > Echosex T7E > Echofet Baby e che nel mondo sono stati così apprezzati e premiati. Echosex LTD ha celebrato in serie limitata il 20th anniversario mentre Pompeii celebrerà il 25th della Cicognani Engineering. Il suono: E' un echo che offre una creatività musicale elevata, facile all'uso e con dinamica sorprendente. Il design: vede finalmente una maggior cura nei dettagli grazie a Andrea Cicognani che disegna e produce internamente in azienda i particolari estetici in PMMA. Tra le maggiori funzionalità rispetto all'LTD: Echo con singola o multipla ripetizione, Swell: quattro testine in contemporanea per creare la modalità Slap-back. Varispeed: allunga i tempi di ritardo mantenendo sincronizzati i tempi base delle testine. Input Control: il segnale di ingresso regolabile da ultra clean a edge. Wet Out: uscita dedicata tutto effetto e autonoma utile sui banchi di registrazione. Valvola doppio triodo 12AU7 (ECC82) con maggiore linearità e volendo sostituibile con le Vintage JAN5814 che amo in particolare modo....... Spero di non aver tralasciato altro..... ma non garantisco!!!! Ruoooccckkk!
  2. 5 points
    Tipo Ferrari, Martini... 😁
  3. 5 points
    Ciao a tutti, non saprei bene cosa aggiungere che non sia già nel mio sito. Nella sezione "about" è spiegato perché i prezzi siano relativamente bassi per un prodotto artigianale: vendo solo direttamente al cliente finale, risparmiando circa un 40% di intermediazione, e non offro gadgets, belle scatoline e adesivi cangianti. Nelle pagine dei prodotti ci sono le informazioni sui singoli pickup, a cui cerco di abbinare samples "in divenire" (di fatto, li registro a tempo perso, quando riesco a trovare il momento adatto). Sono fermamente convinto che non esista un pickup migliore "in sé", ma vada tutto rapportato a chi lo deve suonare e cosa ci deve suonare. Anche per questo, faccio tutto su ordinazione, qualsiasi variazione (nel limite del possibile) ai modelli standard è possibile e concordabile e richieste di consigli sulla migliore configurazione da scegliere sono più che ben accetti. A parte alcuni modelli (es. le repliche vintage PAF, che non sono ancora nel sito) tutti gli avvolgimenti sono scatterwound. Mi fermo a queste info essenziali, ovvio che un mio intervento più specifico sui miei pickup non potrebbe che essere poco obbiettivo...
  4. 4 points
    Siamo tornati merdeeee https://www.youtube.com/watch?v=41sYPpX-3Eo
  5. 4 points
    A casa tramite sonos, in cuffia con delle normalissime wireless, e in auto dal cellulare buttato nel bluetooth dell’impianto La diversa qualità dei file audio non mi cambia granché la percezione dell’ascolto, mi da molto più fastidio la musica demmmerda ah ogni tanto compro pure dei vinili, ma non ho il giradischi
  6. 4 points
    un rapido affaccio per ringraziare evol per la citazione.... è sempre molto appagante sapere di aver lasciato un segno positivo..... i pickup, si sa, si montano si smontano si vendono si cambiano.... ma una buona impressione nata dalla competenza attribuitami e dalla disponibilità dimostrata rimane.... e queste sono soddisfazioni grazie
  7. 4 points
    Ma l'è brutta come un parente d'Arezzo!
  8. 4 points
  9. 4 points
    Molto interessante nonostante l'assenza del tap tempo
  10. 3 points
    Quest'estate alla sagra del paesino di montagna dove vado in ferie ha suonato una band di vecchi leoni che riproponevano classici anni '60 e 70. Il chitarrista aveva un suono bellissimo e suonava con una GT-6, quindi non stento a credere che suoni bene questa nuova board Boss
  11. 3 points
    Ciao a tutti, non so se questa è la sezione giusta ma non credo il forum ne preveda una apposita, quindi posto qua, nel caso spostatelo pure. Volevo parlare un po' di musica dall'altro lato della barricata, non da "produttori" (e qui, almeno nel mio caso, di virgolette ce ne vorrebbero 20) ma da fruitori: in sostanza, al di là delle preferenze individuali, voi la musica come la ascoltate? Io, visto il tempo che manca sempre (credo sia un problema comune), ormai da anni riesco ad ascoltare musica solo in macchina, solitamente nel tragitto casa-lavoro. Ho un discreto impianto stereo, assolutamente nulla di esoterico ma non mi posso lamentare. Un tempo usavo i cd ma ormai da qualche anno sono passati di moda, si trovano a fatica e soprattutto per me che sono un disordinato cronico sono abbastanza scomodi, quindi seguendo il corso ineluttabile della storia mi sono affidato pure io allo streaming tramite cellulare. Inizialmente ho usato Amazon per poi passare ad Apple Music...risultati deludenti in entrambi i casi: tantissima roba a disposizione ma qualità audio ai minimi termini. Ovviamente la colpa non è tutta della (bassa) qualità audio dei 2 servizi in questione, pure la DAC interna del telefonino in genere non aiuta. Sono andati avanti così per un paio d'anni, rassegnato al fatto che nell'era della "musica liquida" la qualità interessa a pochi. Recentemente scopro che esistono 2 nuovi provider (Tidal e Quboz) che offrono un vasto catalogo sia in streaming che in download in qualità audio fino a 24bit - 96khz, quindi sulla carta ben al di sopra della qualità audio di un CD: Tidal usa un nuovo formato chiamato MQA, di cui si parla molto bene, mentre Quboz usa il più conosciuto FLAC. Mi informo un po' e dopo varie riflessioni decido di provare Tidal che, a differenza di Quboz, include nell'abbonamento il download (su Quboz si paga a parte). Si sa, da cosa nasce cosa, quindi inizio ad interessarmi al mondo dell'hi-fi, ai vari formati, alle DAC esterne portatili e a tutto ciò che sulla carta potrebbe migliorare i miei ascolti in auto. Morale della favola: oggi mi è arrivato un bel cavetto nuovo della Audioquest e una Dragonfly Cobalt: quest'ultima è una DAC esterna portatile fatta apposta per telefonini e PC, in sostanza permette di bypassare la DAC interna dell'apparecchio usato per occuparsi in via esclusiva della conversione da digitale in analogico. Vado in macchina, accendo: UN ABISSO. Realmente, una differenza rispetto a prima talmente eclatante che la sentirebbe anche un sordo. Mi è sembrato di rinascere. Il fatto che esista tutto un mondo di "audiofili" non più relegati ai margini tipo nerds di una sottospecie differente mi rincuora sul futuro della musica in generale.
  12. 3 points
    Mi sono ricordato di aver dimenticato...... credo che esistono due filosofie altrettanto valide per la progettazione di un prodotto: 1) la perfezione e prestazione pura 2) la musicalità Io non produco elettroniche "perfette" sebbene reputo necessarie per coloro che hanno la necessità di perfezione su tempi, ripetizioni, sincronizzazioni in BPM e tap tempo. La musicalità o meglio un'oggetto che incentiva la creatività musicale è totalmente pensato e realizzato in modo differente e nasce proprio per offrire quella discutibile particolarità sonora che lo rende vivo, amico, creativo, che non ti fa accorgere che è tardi e stai suonando di cazzeggio da ore..... Io amo questo, ho preso da tempo questa strada che mi ha portato a capire che forse queste sensazioni erano un po' andate perse. Purtroppo a parole è difficile spiegarle per cui servirebbe un sistema, che non ho ancora trovato, per far si di farle provare nella totale e assoluta libertà di scelta. Tra l'altro non ho il potenziale e ne tantomeno il desiderio di produzioni da migliaia e migliaia di pezzi e prima di essere infilate in una scatola..... LE VOGLIO TESTARE IO!!!!
  13. 3 points
    E mi son comprato la terza HB,nonché l'ennesima che ho fatto prendere ad amici e allievi,e devo dire che è la migliore tra tutte quelle provate anzi la seconda dopo la cld 41 se wn,che avevo già postato. Si tratta di una copia della Martin 000 15 m a parte i paragoni le specifiche sono di tutto rispetto: top mogano massello,capotasto in osso e pre fishmann presys II. La chitarra esteticamente e bellissima non ho trovato difetti,ho solo dovuto abbassare l'action,cambio corde con Martin bronze 0.11 ed il risultato è una chitarra con un suono che stupisce per calore e profondità,tendenzialmente mediosa,credo per via del mogano,ma comunque equilibrata. Già testata dal vivo,il fishmann si comporta egregiamente.
  14. 3 points
    Qualcosa avevo letto/sentito dire,ma - lo ammetto - non avevo visto/sentito mai niente.
  15. 3 points
    A me piace molto questo pedale. E' cugino del Distortion+ MXR (cambiano solo alcuni componenti) rispetto al quale ha meno distorsione (e anche più basse e più volume). E' un pedale, secondo me, da mettere di fronte ad un ampli già un pochino imballato di suo (come suggeriva anche BarbaBarba) ma rispetto al D+ lo vedo più "rythm" che "lead" come eq (il D+ ha una prevalenza di medioalte e buca più il mix). Usa dei diodi al silicio (1N4148) invece di quelli al germanio (1N270) del Distorion+ script logo (i nuovi "block" logo dovrebbero anche loro montare diodi al silicio). Tutti e due (nella loro verisone originale) utilizzano lo stesso opamp ovvero il famoso 741. In particolare il DOD 250 usa l'LM741 nella versione vintage e sempre un single opamp della famiglia 741 nella sua ultima reissue (quella color giallo glitter). La versione precedente in giallo normale e la signature Malmsteen usano invece un dual opamp (il 1458) ma tanti DIYers fanno una modifica per configuararlo come single opamp. https://www.ultimate-guitar.com/forum/showthread.php?t=1235819
  16. 2 points
    Roger sempre sul pezzo http://www.ansa.it/sito/videogallery/spettacolo/2019/09/06/venezia-waters-su-salvini-grazie-a-dio-se-ne-andato_74f7359a-7e57-4059-aeb2-b9983a07c6ab.html
  17. 2 points
  18. 2 points
    POMPEI PE603 FOUR HEAD SONIC ECHO 25th Anniversary CICOGNANI ENGINEERING The History Series Siamo lieti di annunciare POMPEII PE603 (Four Head Sonic Echo). Come promesso sarà disponibile a partire da Settembre con lo speciale prezzo di 499,00 €uro. Sulla nostra pagina Facebook è uscito il video promo del prodotto, cliccando QUI Grazie a tutti i collaboratori e le aziende italiane che hanno contribuito con dedizione a questo progetto. Un ringraziamento speciale a Sauro Cicola, amico e collaboratore. POMPEII PE603 is designed and hand-builted in Italy with the top quality components.
  19. 2 points
    quando voglio ascoltare musica seriamente accendo il giradischi e mi sbatto sul divano
  20. 2 points
    Ah no, la mia era una semplice battuta su nomi poco catchy italiani, mi riferivo agli originali! Non sapevo nemmeno che ci fosse un Ferrari dei pickup... Sarà per chitarristi superveloci.
  21. 2 points
    Stasera in chat non so se ho apprezzato di più le storie di tetteculi in spiaggia del prof oppure la diatriba sui pedali bouticchè non più di moda.
  22. 2 points
    Notevolissimo il Dr.House
  23. 2 points
    Smetti di cercare pedali del cazzo e prendi un Origin effects Cali 76 compact deluxe.
  24. 2 points
    Recording King. Qualcuno dirà Sigma, ma rispondo che ne ho provata qualcuna e non vedo motivi per non preferire Recording King. La mia non sfigura di fianco alla D28. Amplificare è la vera valle di lacrime. Pensaci più in là se davvero ti serve.
  25. 2 points
    Ti dò una risposta balneare. L'unico chorus buono è un chorus spento. comprane uno qualsiasi e tienilo spento
×