Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 04/24/2024 in all areas

  1. 9 points
    Eccomi, scusate la latitanza... avevo letto stamane, ma sono giorni intensi e sempre con poco tempo. Per rispondere a @Dado: non ho ancora avuto la fortuna di provare quella burst specifica (forse a Padova a metà maggio, vediamo), ma in generale ho provato quasi una decina di burst, più alcune svariate decine di Gibson anni '50 e primi '60. Quello che posso dire è che non tutte le burst - e, più in generale, non tutte le chitarre vintage - sono uguali per la mia esperienza. Legni delle stesse essenze, ma comunque diversi, manici con profili e spessori diversi... queste variabili incidono sul peso, sulla risonanza ecc. Se poi aggiungiamo anche che non tutti i PAF sono identici, o i pots più o meno driftati ecc, si può capire facilmente anche a logica come ci possa essere variabilità. Ci sono però dei caratteri comuni, che personalmente ho riscontrato nella gran parte delle Gibson anni '50, sia da spente che da accese: l'attacco è aperto, snappy, ma mai fastidioso come in alcune LP moderne; anche quelle molto bright hanno uno spessore delle note sui cantini che difficilmente si ritrova in strumenti moderni. E in generale hanno meno bassi delle custom shop moderne: hanno punch sulle medio-basse, più che dei veri e propri bassi, che sono meno profondi come frequenze per capirci. I PAF di base, sia che si becchi un set più vicino ai 7k che quelli con valori più alti da 8,5-9k in A5, sono comunque pickup molto trasparenti, diventano quasi dei singoli molto fighi quando suoni piano o abbassi il volume. Non coprono il suono dello strumento, non lo stravolgono, e hanno quasi sempre questo attacco brillante e veloce anche sulle corde basse, con una dinamica che difficilmente ho sentito anche nelle migliori (e costose) repliche PAF moderne... sono d'accordo con @Giorgio V. che ogni produttore moderno riesce a replicare più o meno bene UN aspetto dei PAF, ma finora nessuno è riuscito a metterli tutti insieme: i PAF veri hanno sempre uno scampanellio tipico, una grandissima dinamica e tanta definizione, ma c'è anche una sorta di amalgama, un piacevole accavallarsi di armoniche che rende questa definizione sempre dolce, musicale, amalgamata in modo perfetto. Giusto per fare un esempio, spesso gli amici che provano le mie due Gold si stupiscono di quanto la '52 coi P90 possa suonare simile all'altra Gold coi PAF... ecco, lì vedi proprio il carattere comune: nonostante pickup diversi, elettroniche diverse (da un lato pots IRC e caps Grey Tiger, dall'altro Centralab e Bumblebees, oltretutto coi pots di valori abbastanza diversi tra le due), ponte diverso, senti che la matrice è proprio la stessa. Un altro esempio... nei giorni scorsi avevo a casa cinque ES-335, '66-67-68-68, più una moderna Murphy con upgrade di elettronica e picappi fighi. Le 4 vintage sono diverse tra loro, pesi sensibilmente differenti, manici MOLTO differenti, una (la mia '66) ha anche un early pat. nickel al bridge, che è diverso dai T-Top delle altre. Ma sentendole suonare a giro da diversi amici, con suoni, mani e stili completamente diversi, potevi riconoscere la moderna (comunque bellissima) dalle altre 4 facilmente e pure stando nella stanza a fianco... anzi in questo caso la differenza secondo me è anche più marcata che con le Les Paul. Comuque per me il bello di questi strumenti non sta tanto nel suono in sé, o nel fascino del vintage in quanto "antico", vissuto ecc... io mi sono letteralmente innamorato di come ti fanno suonare, del feeling: il loro essere così dinamiche, aperte, anche stronze in certi casi, permette di trovare facilmente sfumature che con strumenti moderni sono pressoché impossibili. Ed è un po' il motivo per cui ormai quasi tutte le chitarre che ho sono vintage: piano piano, in alcuni anni, ho convertito tutto l'arsenale... e svuotato permanentemente il conto
  2. 8 points
    Era da tanto che non aprivo un Topic qui su RC e non posso non condividere con voi quanto successo ieri pomeriggio. Ieri ero con i miei prodotti in esposizione al Soave Guitar Festival ed il carissimo Mattia Tedesco, amico di lunga data e musicista sopraffino, mi porta nello spazio espositivo di Balossino con il quale collabora e mi fa provare un pò di stratocaster nate tra gli anni '60 e '70, tutte in buono/ottimo stato e decisamente ben suonanti, alcune veri affari perchè parecchio deprezzate a causa di interventi visibili su mascherine, ponti, tasti e altre cose. Si sa che il valore di questo tipo di strumenti non segue la bontà sonora ma si mantiene a livelli alti solo se completamente originali. Non avevo coraggio di chiedere sinceramente ma, durante la prova delle strato, vedevo in bella mostra una Les Paul 1959 completamente originale con un relic naturale pazzesco, chiedo informazioni a Mattia e me la fa provare. 😲 Boh, in vita mia non ho mai provato una Les Paul che mi piacesse fino in fondo, anche diverse tra Tom Doyle e Murphy Aged ma niente, c'è sempre qualcosa di troppo poco malleabile, non so spiegare bene ma non riesco mai a farle suonare come voglio, probabilmente non è la MIA chitarra..ma forse non ne avevo provata una vera. Questa '59 ha una headroom pazzesca, quando suoni piano il pick up al ponte sembra un single coil, quando pesti forte ritorna humbuker, ha una dinamica paurosa e una tavolozza di suoni molto ampia, non c'entra niente con nessuna delle Les Paul che abbia provato in vita mia, mi ha restituito una sensazione totalmente positiva senza storture o lati negativi, è la prima Les Paul di quegli anni che ho il piacere di provare non so se siano tutte cosi, magari @guitarGlory mi sa rispondere, sicuramente non mi aspettavo una risposta tonale cosi diversa rispetto a tutto quello che viene prodotto ai nostri giorni! Per la cronaca, il precedente possessore di questo gioiello aveva precedentemente montato un Bigsby sotto al quale la vernice non si è scolorita come sul resto della chitarra quindi, ora che il Bigsby non c'è più, è rimasta una leggera macchia sfumata di colore più acceso che la rende secondo me ancora più sexi. Eccola. Screenshot 2024-04-29 at 17-03-41 Burnfx (@burnfxpedals) • Foto e video di Instagram by Davide Borra, su Flickr
  3. 7 points
    Sinceramente son curioso anche io di provare lo Strymon perché tutti parlano di una cosa eclatante. Poi guardo il centinaio di pedali stipati nella vetrinetta, attacco lo Spark e suono sulle basi con un bel suono di merda (in onore al mio playing)
  4. 7 points
    Metto qualche fotina della nuova arrivata. Era un po’ che ci giravo attorno, ne cercavo una post 2019 per la nuova vernice a base nitro e per il trattamento TCI (che da quell’anno fanno su tutti i loro pickup)…questa quando l’ho vista non ci potevo credere: l’avessi ordinata nuova l’avrei ordinata esattamente così, sembrava fatto apposta. Vabè, bando alle ciance, ve la presento: Custom 24 del 2021, 10 top in finitura charcoal col retro natural, hybrid hardware e, dulcis in fundo, manico pattern regular, rarissimo sulle CU24.
  5. 7 points
    Ma c'è stata la fusione tra Auro e Gioggetto?
  6. 5 points
    Chi ha avuto l'idea di quella chitarra dovrebbe esser processato al tribunale penale dell'Aia.
  7. 4 points
    Li ho a casa entrambi al momento e ho pensato potesse essere interessante confrontarli usando lo stesso identico settaggio per entrambi. Io nell’HR ci sento (ovviamente) un pelo di gain in più ma ci sento soprattutto una EQ diversa. Giudicate voi:
  8. 4 points
    Secondo me oggi con meno soldi di 10-20 anni fa puoi aver delle cose molto valide con cui divertirti. Mi pare che invece che suonare, comporre, divertirsi ecc. si provi a far la collezione di figurine, a pensar a ipotetiche situazioni in cui servono i ‘muletti’, gli ampli di scorta i pedali ridondanti ecc… e quindi servano molti soldi che in realtà non servono.
  9. 3 points
  10. 3 points
    In prestito anche questo, devo dire non male. Secondo me alcune modalità sono venute meglio di altre, la PI e la Ram’s Head su tutte. Trovo invece che i controlli non siano tarati benissimo: il Volume è impostato troppo basso (per pareggiare va messo a 3/4) e il Tone è utilizzabile solo da ore 9 a ore 13. Per sintetizzare, pedale divertente, ottimo per chi non sa scegliere e per chi vuole farsi un’idea della storia del Muff. Qua l’ho usato con un Origin Halcyon Gold davanti a boostare leggermente.
  11. 3 points
    dito in culo senza soffocone però
  12. 3 points
  13. 3 points
  14. 2 points
    Gli ampli? Cala cala, pensa ai cavi.
  15. 2 points
    Daje Giancà, recupera un revivaltrem/deluxe61, ti manca solo quello!
  16. 2 points
    Se vuole metterlo ad inizio catena non basta accontentarsi ed usar il pot del volume a sto punto? Altrimenti concordo con chi ha detto di prender una pedaliera un pelo piu' grande o metter il volume fuori (wah e volumi per me son sempre piu' comodi fuori)
  17. 2 points
  18. 2 points
    Aurellone al giorno d'oggi dimmi te cosa c'è che suona male: a meno di non trovare un articolo fallato alla nascita poi bene o male suonan tutti bene. Certo ci son quelli che suonano meglio e quelli che suonano peggio, ma siamo comunque sempre ben oltre il 7.
  19. 2 points
    Io dico GFI Specuar Tempus Magari anche nella versione “Percular”
  20. 2 points
    secondo me ti devi fare un basico analog delay giapponese anni 80. con un bel buffer sempre acceso che a fine catena fa solo bene va che bello, in purezza, come un barolo sapido e minerale, spigoloso. pare uscito da 2001 odissea nello spazio per te❤️
  21. 2 points
    Nel senso di provare sia i wolfetone che i paf sulla stessa chitarra? No. Non ho mai avuto p.a.f. miei, ho solo avuto a disposizione chitarre con p.a.f. di un amico, quindi senza libertà di spippare a piacimento. Quello che ho fatto è stato suonare chitarre diverse equipaggiate con repliche e paf veri back to back. Alla fine al di là del timbro sonoro - che poi dipende dal resto della chitarra, legni, hardware, etc - la cosa bella dei paf è la chiarezza e (anche per effetto della prima) la dinamica, che è molto evidente sia quando suoni il pickup aperto a 10 sia quanto abbassi il volume. Ci sono alcuni pickup moderni che replicano davvero bene il comportamento di un paf a 10 (tipo stephens design), ci sono altri che replicano ottimamente il modo in cui un paf si pulisce quando abbassi il volume (tipo wizz), ma non conosco nessun pickup moderno che replica al 100% tutto quello che fa un paf vero. Nonostante questo, per me non vale la pena spendere 8k o più per un set di p.a.f., trattandosi di sfumature che non arriveranno mai a chi ti ascolta, nemmeno se fosse un invasato come noi. Personalmente mi sono acclimatato con i wolfetone. Mi piace il prezzo, mi piace come suonano a 10, mi piace come si puliscono e mi piace la disponibilità di chi li fabbrica nel rispondere, consigliare e fare modifiche senza chiedere un soldo in più. Sulla les paul ho al ponte un marshallhead con il magnete in alnico 2 e un legend al manico, il marshallhead è IL suono rock, e quando abbassi il volume resta cazzuto come un p90, mentre il legend è molto aperto e bello sui lead alla gheri mur e musica da ascensore varia. Sulla flying V ho un set di marshallhead mkII e sono anche questi bellissimi, aperti, definiti e molto vicini ai single coil come caratteristiche, con basse molto ferme senza risultare spompi. Poi abbassi il volume e sembra di suonare una fender (parole non mie). Se dovessi cambiare i pickup ad altre chitarre prenderei sicuramente altri wolfetone.
  22. 2 points
  23. 2 points
    Evviva l'Italia liberata!!!
  24. 2 points
    18-24v a polarità invertita…un dito in culo praticamente.
  25. 2 points
    Questo me pare el mostro dea laguna de venessia, chel vive nei bacari e ga pi vin che sangue
×