Vai al contenuto

Enrì

Members
  • Numero contenuti

    1525
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    20

Enrì last won the day on February 20 2016

Enrì had the most liked content!

Reputazione Forum

253 Excellent

2 Seguaci

Su Enrì

  • Rank
    Ultrà della Strato Rossa Belgrado
  • Compleanno 01/07/1966

Profile Information

  • Gender
    Not Telling

Visite recenti

5065 visite nel profilo
  1. Blue Sky e riverberazzi vari

    Niente da dire.. segnalo solo che non ha detto che è azzurro (il nome Blue Sky potrebbe trarre in inganno).
  2. Pensavo si fosse capito che stavo scherzando, piuttosto che comprare il tremolo Boss mi farei strappare le unghie dei piedi.. comunque grazie per la risposta seria.
  3. Mi associo ai complimenti di chi mi ha preceduto e apprezzo molto la scelta di pubblicare il lunedì così da regalarci una nota lieta in una giornata notoriamente sempre un po' difficile da affrontare. Se mi è concesso inoltre vorrei approfittare della tua disponibilità per chiederti di recensire il Boss Tremolo per primo dal momento che in futuro dovrei acquistare proprio un Tremolo e non vorrei commettere errori.. grazie!
  4. Complimenti, veramente un bel video dal titolo azzeccatissimo.
  5. Il suo più grosso difetto è che ha un convertitore AD/DA al suo interno. (anche io ho avuto botte di volume pazzesche provando il pitch fuzz... fastidiose a tal punto che me l'hanno fatto odiare.)
  6. John Mayer con i Dead

    Scusate ma credo che vi stiate confondendo: uno switch per canzone non regge neanche come logica visto che presupporrebbe un solo suono utilizzato per ogni song in scaletta. L'organizzazione non può che essere quella tradizionale come è sempre stato in passato ovvero un bank per ogni song con le (credo 5) varianti intro/chorus/solo/special etc. oltre al controllo on/off dei singoli effetti per ogni memoria richiamata.
  7. John Mayer con i Dead

    E' oltre l'essere bravo.. ha influenzato una intera generazione di chitarristi che hanno scoperto molti dei grandi del passato attraverso di lui. Suona l'acustica come pochi, ha vinto Grammy Awards per le sue composizioni, per gli album e addirittura per la voce. Si è cimentato e si cimenta con successo nei generi più svariati: blues, country e ora pop. Io apprezzo molto la sua scelta di rinnovarsi continuamente senza rimanere imbrigliato nell'immagine del chitarrista-fenomeno quale è stato fin da ragazzino. Ma la cosa che apprezzo di più è la sua chiarezza di idee su come muoversi per raggiungere i suoi obiettivi. Dopo avere iniziato a suonare relativamente tardi andò alla Berklee lasciandola dopo solo un anno perché aveva capito che non aveva bisogno di ulteriore istruzione ma era giunto il momento di entrare in azione... ed a soli 19 anni aveva già vinto il suo primo Grammy.
  8. Credo che ormai abbiamo capito tutti che per molti dei chitarristi top è sufficiente scegliere oculatamente normalissima strumentazione stock per ottenere senza problemi il proprio sound anche nel caso in cui la loro strumentazione "ufficiale" sia roba ultra-boutique. E per smentire invece un luogo comune ci tengo a dire che nel 2010 ho fatto il sound check per Larry Carlton e con la sua strumentazione avevo esattamente il suo suono.
  9. 1) Nella mia esperienza il sample con gli IR si stacca nettamente per qualità rispetto a tutti gli altri. 2) Feeling, dinamica e armoniche dell'ampli vero sono chiaramente avvertibili nell'esecuzione. 3) Non è necessario ricostruire in ambito virtuale l'effettistica dal momento che si usano i propri pedali. 4) Gli IR se usati a livello di plug-in sono modificabili anche dopo la registrazione. Per quanto riguarda il mettere a punto diversi suoni non è detto che si debba sempre cambiare il tipo di cassa impiegata.. in fondo con ampli e cassa reali è molto raro che si faccia così no? Mi riservo comunque di provare anche i plug-in di Universal Audio dei quali sento sempre parlare un gran bene e che come concetto potrebbero sulla carta reggere il confronto (certo che non te li regalano..)
  10. Sono abbastanza d'accordo con la tua affermazione anche se credo che per tanti motivi questa rimanga la strada giusta da seguire per l'home recording se non altro anche per i risultati incoraggianti che ho ottenuto alla primissima esperienza dopo soli 10 minuti di prove. Rimane il fatto che in seguito ho avuto difficoltà a ripetere quei risultati (anche se con elementi diversi e poco tempo a disposizione) ma a breve ci voglio riprovare seriamente. Metto qui il link al brano (e al thread) in questione che risale ormai a più di un anno fa:
  11. L'abilità di gestire il processo di registrazione con gli IR's supera di gran lunga il peso delle differenze attribuibili ai vari produttori presenti sul mercato dunque pagelle a parte sarà migliore l'IR che ci consente di avvicinarci di più al risultato che abbiamo in mente con i mezzi a nostra disposizione. Detto questo trovo questo sample abbastanza deludente dal punto di vista sonoro in quanto a prescindere dal suono plexi o non plexi non mi trasmette alcuna sensazione armonica e/o dinamica che sia riconducibile ad un ampli valvolare di qualità (tra l'altro esecuzione breve e meccanica di certo non aiuta).
  12. A volte ritornano... buonsalve.

    1. Mostra commenti precedenti  %s di più
    2. Fra

      Fra

      Daje Enrí

       

    3. Pearl

      Pearl

      Ciao Enrico..tutto ok? Bentornato

    4. Enrì

      Enrì

      Ciao! Grazie!

  13. Strymon Riverside

    ed ecco che finalmente affiorano i difetti
  14. Suhr Reactive Load

    Non a caso non l'abbiamo citato. Il CabClone è distante anni luce da una LoadBox + IR sia come concetto sia come risultati ottenibili.
  15. Suhr Reactive Load

    Si esatto, dal momento che circolano abbastanza facilmente e se ne parla moltissimo ho voluto provarli ma credo che tornerò presto sui miei passi.
×