Jump to content

marco_white

Members
  • Content count

    5,080
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    11

Everything posted by marco_white

  1. biglietti dei Pearl Jam a Berlino, in prevendita per il fan club, a 175 euro. E io che volevo fare due date.

    1. Show previous comments  13 more
    2. Uilliman Coscine Terzo

      Uilliman Coscine Terzo

      A Madrid ci son stato già 4 o 5 volte, Lisbona solo una sicché tornerei lì giusto per approfondire. Ma andrebbe bene anche Madrid senza i PJ

    3. Fra

      Fra

      che King chsssei

      andiamoci insieme per il match di ritorno al wanda e fanculo i pearl jam

    4. marco_white

      marco_white

      Costa meno la doppietta qotsa a roma e tool a firenze cazzo

  2. La strada della load box e poi IR l'avevo battuta. Ho avuto Suhr Reactive Load, Torpedo Live, il Fryette, il Captor liscio e anche l'OX. Ma l'ho fatto quando non ero soddisfatto al 100% dell'ampli a monte. Ora ho di fatto un nuovo ampli, grazie a @guitarGlory, e ne sono estremamente soddisfatto. Ho messo l'Hot Plate in load, uscito con li line out all'Iridium, e goduto in cuffia di un suono da paura. Le precedenti prove erano state fatte con IR Celestion, non conoscevo ancora York. Non avevo sistemi ben suonanti in cuffia (la sezione di amplificazione per cuffie fa tutta la differenza del mondo, quell'Iridium è fantastica, quella del Torpedo Live per dirne una, era penosa). Non avevo sistemi che dessero spazio al suono come il controllo room dell'Iridium. Entravo in un daw, ma tra ir, reverbero, mille cavi, era tutto troppo macchinoso. Avevo anche un Mooer Radar, ma ne usciva un suono secco in cuffia, ovviamente. C'è un risposta definitiva sul fatto che l'Hot Plate come puro carico resistivo possa essere dannoso alla lunga per il trasformatore d'uscita dell'amplificatore? Dato quanto mi è piaciuto il set che ho in casa è possibile che con un carico reattivo fatto bene il tutto suoni considerevolmente meglio? Il Captor X è meglio riuscito delle precedente generazione come Torpedo Live e Captor normale? Che non sono brutti prodotti, ma la differenza in feel e suono rispetto allo Suhr e, soprattutto, al Fryette era abissale. Potrei prendere lo Suhr liscio, o provare l'IR, che se avesse avuto un controllino di reverbero sarebbe decisamente più appetibile. Costicchia però. L'OX lo escluderei, ho avuto anche tre pedali, suonano meravigliosamente, ma son più le limitazioni dei software che la soddisfazione.
  3. marco_white

    CaptorX vs OX? O basta l'Hot Plate?

    Si, perché anche io non sono mai soddisfatto. Te ne dico un’altra, ma al friedman ir-x ci hai pensato?
  4. marco_white

    CaptorX vs OX? O basta l'Hot Plate?

    1 > 2 > 3 > 4 1. ampli > 2. carico al posto dello speaker > 3. simulazione speaker > 4. output di un qualche tipo Il punto 2 era il focus della mia domanda. Anni di marketing ci hanno portato a pensare che servisse una load box di tipo reattivo, e quindi Suhr Reactive Load, Fryette power station, Two Notes Captor, UA OX perché suonano meglio e perché non arrecano danni all'ampli. Meglio e più sicure di...? Del caro e vecchio THD Hot Plate, tanto vituperato, ma che alla fine il suo lavoro da attenuatore lo ha sempre fatto bene, e che ora esce fuori che fa pure il suo lavoro come carico in sostituzione dello speaker. Ha una posizione dello switch che si chiama LOAD. In soldoni il carico reattivo delle macchine di nuova generazione simula la risposta di uno speaker, che non è lineare. Questo apporterebbe vantaggi sia da un punto di vista sonoro che di sicurezza, perché si fa lavorare l'amplificatore come se avesse uno speaker, come è stato progettato per fare, come li suoniamo da 80 anni. Il THD Hot Plate è un carico resistivo. Dal line out di uno di questi load box, qualsiasi esso sia, esce un segnale orribile che va trattato con gli IR. E siamo al punto 3. Tre dei prodotti menzionati svolgono sia il compito 2 che il 3. L'OX fa tutto, in modo semplice e ottimamente suonante. Nulla da dire, lo usano tutti gli youtuber, ma è veramente semplice, non serve essere Pete Thorn per farlo suonare bene. E' già tutto programmato. Il Captor X è identico, costa meno della metà, ma certo il software e l'interfaccia non sono fighetti come quelli di Universal Audio. E' vero che sono tanti anni che non ho un prodotto Two Notes, magari sono migliorati anni luce, ma un tempo non erano propriamente user friendly. Come scritto sui vecchi prodotti Two Notes le cuffie ci suonavano male. Poi c'è lo Suhr Reactive Load IR. Che è molto minimal, senza interfacce software (per me un vantaggio). Non vorrei rimanere bruciato anche qui da un'uscita. cuffie non ben suonante, altrimenti sarebbe la mia scelta. Ma per fare questo sono entrato nell'Iridium, senza complicazioni, menù o altro. Come dice Lorenzo lo farebbe anche l'HX Stomp questo lavoro, o ancora meglio l'OX pedal sempre di UA. Oppure gli IR loader in formato mini tipo il Mooer Radar e il TC Electronics. O tanti altri pedali. Ma questa è una componente delicata, segnale solo trattato con ir, nudo e crudo, suona secco, sterile, da studio di registrazione. Facile che ti ritrovi con un segnale perfetto per registrare un album, ma che per suonare da solo è invece proprio fastidioso. E siamo al punto 4. Serve un reverbero, uno "spazio", va bagnato un po' quel segnale. L'iridium ce l'ha, la simulazione di room. I pedaletti IR loader no, e allora gli devi mettere un reverbero a valle. Idem per lo Suhr o per Il fryette. Ma nessun reverbero ha l'uscita cuffie, e allora sei da capo. L'OX, e qui forse la sua parte più figa, ti mette a disposizione tre effetti da studio con i preset pronti, essenziale ma bagnamutanda. Tutto 'sto giro perché non voglio usare il computer. Altrimenti dati per scontati il punto 1 e 2, potresti usare una daw per fare il 3 e il 4, quindi a costo quasi zero. Nella traccia della chitarra ci carichi un plugin che legga IR e poi un reverbero e/o delay a piacere, e ti senti in cuffia o sui monitor. Ovvio che è una via meno immediata dell'entrare nell'Iridium, ma magari trovi un suono che ti piace e poi per anni non lo tocchi. Ma se inizi a spippolare coi menù e i settaggi è finita, non suoni più. Se non hai nulla che fa 2 e 3, valuterei OX, e se non riesci a giustificarne la spesa allora è possibile che con il CaptorX ti diverti alla grande lo stesso. Entrambi fanno 2+3+4. I due Suhr credo presuppongano sempre l'uso di un computer. La Reactive Load liscia per forza, fa solo 2. L'ho avuta, devi entrare in Logic, Garage Band o quello che ti pare, aggiungere gli IR e aggiungere il reverbero. Oppure mandare il segnale tipo all'HX Stomp dove carichi ir, rev e magari un compressore. O all'Iridium, svolge il compito della mia attuale Hot Plate. La Reactive Load IR in più ti da 12 mi pare slot per caricarci le tue IR. L'uscita cuffie pare suoni bene, ma mi rimane difficile pensarlo. E quindi per caricare solo gli IR costa troppo di più della versione liscia, 6/700 son tante. L'OX lo si trovava a 800. PS: cosa importante che non ho scritto. Usato così l'Iridium va accesso disabilitando la simulazione di ampli. Te gli stai dando un segnale che è già passato da un amplificatore. Lui di suo fa 1+(2)+3+4, usato a valle di un ampli valvolare con load box vuoi che faccia solo 3+4. Va staccata la spina, e riattaccata tenendo premuto il tasto di accensione, e poi girato il controllo di gain in senso antiorario finché i led non diventano verdi, e confermato col tasto favorite.
  5. marco_white

    CaptorX vs OX? O basta l'Hot Plate?

    grazie a tutti, ho appena risparmiato 5/600 euro. Mai piaciuti i controlli a cannone, nemmeno quando la mia plexi era davvero una plexi. O dimed o cazzi con me non ha mai funzionato. La plexy naughtyzzata riesco a gestirla davvero bene come volume, sono con il post a circa metà, magari un po' di più, e il pre a ore 10/11, ben al di sotto del massimo. Il controllo di gain forse a ore 14 se proprio voglio esagerare. Poi ci suona da dio l'MI Audio Crunch Box v2. E' davvero un bel pedale, il primo che ho (e ne ho avuti davvero tanti) che funziona come distorsione credibile di fronte a un ampli pulito, l'Iridium nello specifico, e si integra perfettamente nel gain dell'ampli vero, senza snaturarlo, anche a parità di settaggi sul pedale.
  6. marco_white

    Maaa una 800 non la fa nessuno?

    come interfaccia è l'antitesi dell'Iridium. Se pur ben pensata, hai dozzine di controlli su ogni elemento. Un buco nero in pratica. Mi sto sentendo sample della Friedman IR-x, e non è caduta la mascella a terra. E c'è sempre l'opzione Boss IR2, che anche lei dai sample non mi entusiasma, ma sulla carta sarebbe per me definitiva e a un prezzo ridicolo rispetto alla concorrenza. Detto ciò vedevo ieri il rig rundown di Jason Isbell. Il chitarrista, molto bravo, ha un Iridium come backup. Per suoni rock leggeri continua a piacermi molto, ancora adesso ogni tanto mi capita di tirarne fuori suoni che sono belli, senza compromessi. Ma non arriva a fare nulla di moderno e/o hi-gain.
  7. marco_white

    Maaa una 800 non la fa nessuno?

    @Ric67 mi sono dimenticato, dicono che l’ultimo aggiornamento di Hx l’abbia portata su un altro livello, e tra le varie cose pare abbiano fatto bingo con la replica dell 2203. ma non so se me la sento di prendere un hx stomp per la terza volta.
  8. marco_white

    Maaa una 800 non la fa nessuno?

    York Audio. Ogni tanto ci riprovo con Celestion, ma a me piacciono gli York. Anche se proprio per suoni più fermi forse dovrei guardare produttori più specializzati, tipo Ownhammer. Poi in ogni cartella York mi sono imposto di limitarmi al mix Royer 121 + Sm57 (è di solito il mix1). A volte il Beyer M160 mi piace più, l’Md421 è interessante, ma se inizi a provare ir rischi di passarci le giornate, e non ho proprio voglia. Ho fatto un ripasso di tanti York la settimana scorsa, e confermo che la scelta 121+57 è al mio orecchio giusta. I più belli di York sono la Mesa 2x12 con i V30 e la Marshall classica coi Greenback. La Orange con i V30 non mi piace, come la Hiwatt ha un suono inscatolato, suona tanto di cassa. Devo ripassare la Friedman con coni misti, ma mi pare di ricordarla con un picco sulle alte. Accentua il “problema” dell’Iridium punch, che anche a alto gain è un plexi moddata con le basse spugnose e il bright cap (che sulle plexi ho sempre tagliato via)
  9. marco_white

    Maaa una 800 non la fa nessuno?

    confermo che anche io sto rivalutando la simulazione plexi dell'Iridium. E' stato fondamentale mettere un ir di V30 invece che di greenback, per fermare un po' i bassi. Tuttavia rimane plexi. Penso di aver capito cosa intendi, ci ho scritto un thread poco tempo fa. E mi viene da rispondere no, non esiste. Tuttavia il recente Friedman non fa proprio questo? Comunque la voglia di Marshall diverso dalla solita plexi mi sta facendo pensare al Kemper Player, e mi sono bloccato proprio (ri)pensando all'OX.
  10. Che Sansui hai? Devi provarle, a me piacciono le Grado, ma ripeto che credo sia una cosa molto personale. Ho anche io le Beyer 770 da 80ohm per il computer. E ho delle Grado per l’hi-fi, che non uso più da anni, ho le sr80, se vuoi te le lascio a poco. Ma sono di fascia più bassa rispetto a quello che cerchi
  11. marco_white

    iniziare con lo slide

    Ho qualche slide, anche se nessuno credo sia davvero giusto come misura. Uno schifo, non riesco a fare una nota, non dico due. Vedendo qualche tutorial ho il dubbio che lo slide debba essere giustissimo come misura, cioè deve calzare stretto senza piegare il dito. Giusto? A parte alieni tipo Warren Haynes che suonano in accordatura standard con la stessa scalatura con cui suonano normali, un po' tutti parlano di action altina e corde grosse. Aiuterebbe molto? Pensavo magari di prendere una Harley Benton da destinare allo scopo. Non voglio fare Dereck Trucks, non potrò mai avvicinarmi. Ma magari qualche lick semplice di David Lindley (come sui primi album di Jackson Browne), o qualche cover dei primi Allman.
  12. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    io mi sa che lo prendo... Sono molto tentato. Quando ho avuto il Kemper non c'era il liquid profiling. Innanzitutto non ho capito quanto sia retroattivo. Perché mbritt non vende i profili "aggiornati"? Mi pare di aver capito che si possono rendere liquid in autonomia quei profili il cui profilo "liquid" sia presente nella macchina, giusto? Quindi ampli iper boutique immagino siano esclusi. E soprattutto, è veramente l'anello mancante tra profiling e modeling? Sulla carta mi pare una figata francamente. Il limite vero del player, l'unico ai miei occhi, è il loop effetti. Proprio ora che mi inizio a divertire con il Timeline.
  13. ho preso l' Mi Audio Super Crunch Box, e iniziamo a ragionare. Gran pedale, tutto a ore 12 e suona da JCM800 grossa e incazzata il giusto. E' la modalità classica, come il vecchio Crunch Box. Uno dei modi aggiuntivi devo sperimentarlo, perché promette bene, ma è più difficile da settare. Continuo ad avere voglia di cambiare pickup, ma intanto il pedale è divertente. Ha molti suoni, ma apprezzo molto che di default sia proprio ben "accordato"
  14. Hard Rock, nemmeno troppo moderno. Diciamo che per high gain intendo Tool, QOTSA e RATM. Non oltre. Con quello che ho non mi diverto a suonarli. R8 + pickup tipo paf (al momento ho degli OX4, ma probabile che rimonterò i Wolfetone). I bassi sono sempre spugnosi, impensabile fare un palm mute, le note non sono a fuoco sul registro basso come vorrei, c'è sempre un po' troppa presenza in alto, e le note non sono "spesse" e precise. Tutto il setup è orientato a suoni di 60/70 anni fa. Les Paul con paf, in arrivo una simil 56. Modeler con suoni vecchi come l'Iridium. Vari pedali di gain, ma tutti od/booster (al momento Caliber.45, Timmy e un fuzz face ben calibrato, più altri simili nell'armadio). Anche l'ampli vero non è più una plexi pura ad è stato naughtyzzato, ma comunque lo suono molto poco. Mi ero concentrato sui pedali, ma non sono sicuro sia quella la strada. I distorsori belli alla fine vanno ad emulare i suoni anni '80, mi dovrei cotonare i capelli e mettere la calzamaglia di spandex. Penso al BE OD, al Revv e altri. Sempre troppo gain, tagliente, e comunque i bassi risultano sempre mosci. Lo stacking di diversi pedali non mi hai mai portato dove vorrei. Dovrei forse prendere un TS o un SD1? E' una vita che non ho un pedale di questo tipo. O pensavo di riprendere un Bogner Blue da boostare con un klon. Forse provare un GE7? Che tra l'altro ho e nemmeno lo ricordavo. Mi sono sentito sample del Soldano a pedale, e mi pare un altro BE OD. Uno dei due pedaloni Diezel potrebbe essere un'alternativa. O il Riverside di Strymon. Mi sembrano molto belli i Fetto, ma non li ho mai provati. O sono suoni troppo distanti dai PAF? Dovrei invece prendere una Epiphone Les Paul Custom e metterci un SH5 al ponte? O una PRS SE Custom 24? Mai suonato l'Iridium con pickup che non si rifanno a progetti anni '50, non saprei che aspettarmi. Non vorrei prendere un'altra chitarra e ritrovarmi sempre allo stesso punto.
  15. marco_white

    MXR Joshua Ambient Echo

    gli MXR è un po' che c'hanno prezzi bouticcari. Il reverbero costa €280, più di Walrus, quasi come un Hydra di Keeley, molto di più dei nuovi piccolini di Universal Audio. Anche sugli od, il Super Badss Dynamic od mi pare bello, ma costa più di Maxon, e di molti Wampler o Earthquacker devices. Ho il Timmy di MXR, che è bello bello. Forse vanno proprio riconsiderati su un'altra fascia.
  16. marco_white

    Setup Stratocaster radius 7.25 e 9.5

    la chitarra l'ho venduta però si, fondamentale molta cura anche sui tasti. Li ha livellati molto bene, manico con quasi niente relief. I bending non strozzavano. Prima avevo fatto il setup io che lo avevo anche fatto benino, però un po' di effetto sitar e i bending che morivano dal XII li avevo, la cura dei tasti è stato il toccasana.
  17. marco_white

    Il Boss ce l'ha più gross!

    Belli i due delay. Ci sto pensando spesso anche io, Dm2w e Dd8. E considera che in questo momento ho sia Timeline che Del Verb in catena ( sto cercando di capire quale tenere)
  18. marco_white

    Setup Stratocaster radius 7.25 e 9.5

    Non ho idea, posso solo dire che la Telecaster Isbell con radius da 7.25 era tutto quello che ho sempre creduto sul radius vintage, poi ci ha messo le mani Matteo Rufini, e avrei potuto tranquillamente pensare che mi aveva cambiato il radius a 12”. Uno bravo la rende comoda (quasi) come un radius più piatto
  19. quanti spunti, grazie a tutti. Scala lunga. Ho appena venduto una bella telecaster. Il manico era un C anni 60, ma comunque troppo fino per me. La prima cosa che ci ho suonato appena arrivata è stata Killing in the name. Si, la scala lunga da più velocità e note più a fuoco. Prenderò una chitarra minimo con scala da 25". @guitarGlory accendo l'ampli una volta al mese ad essere generoso. E i puliti che ottengo dall'ingresso basso, con gain a ore 10/11, con lo switch sulla posizione tranquilla che non mi ricordo come si chiama, sono talmente belli da fermarmi praticamente sempre lì. E' vero che ti avevo chiesto anche altro, ma in cima a tutto c'erano i puliti, che dopo anni e anni di sole plexi non avevo mai avuto così. Inizierò a sperimentare anche il versante più moderno. Già che citi gli AiC, Would la suonavo con un gruppo, ma avevo una JCM900. I suoni dell'album omonimo sono irrealizzabili con quello che ho adesso. l'altra sera mi sono messo a provare IR sull'iridium, non lo facevo da marzo 2022 (a conferma di quanto sia immediato l'Iridium e di quanto non si rischi di perdersi nei mille mila menu). Ora ho tutti York Audio, quasi tutti con SM57 + Royer 121. Slot A con il cabinet dell'ampli in questione (sul Vox ho una 2x12 Matchless), slot B sono finito su cabinet Mesa con V30, e slot C per tutti una 4x12 Marshall coi Greenback normali, che è per me l'IR più bello in assoluto di York. Ho riprovato qualche IR Celestion, ma ormai ho l'orecchio sugli York, che sono meno frizzantini. Una prova la farei volentieri, ma siamo un po' lontani adesso. Mi sono trasferito a Spoleto. è evidente che uso PAF perché tutti dicono che si debbano usare i PAF. Però se penso ai suoni di riferimento in assoluto, dai Pearl Jam in giù in termini di gain, sono sempre Les Paul anni '50 con i pickup originali. La R8 non penso che la stravolgerò. Tuttavia un suono di riferimento di Les Paul che ho è Warren Haynes, che usa la Soldano SLO, ha alcune Les Paul vecchio stile, ma su altre lascia i normalissimi Burstbucker o molto spesso i Lollar Imperial. I Lollar li ho pure avuti sulla R8, non sono paf, o meglio ne hanno solo alcune caratteristiche, ma sui bassi sono decisamente più precisi. Potrebbero essere una via di mezzo che mi piacerebbe riprovare. ecco, questo è uno dei candidati effettivamente. ti scrivo in privato. Per divertirmi me la consigliate una Harley Benton? Pensavo a una Fusion T, prendendo una b-stock si spende meno di €300. Hanno anche manici di sezione generosa, pare perfetta per me. Magari se trovo quella con gli EMG, così non ho nemmeno la ronza davanti al computer.
  20. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    no, il nuovo Ir-2. Fa rabbia che nella metà delle dimensioni, forse anche oltre, e in un terzo del prezzo ci abbiano messo più cose. Poi almeno personalmente ho il limite della puzza sotto il naso perché c’è scritto Boss sopra. (Tendo a dimenticarmi che la pedaliera con cui mi sono divertito di più quest’anno aveva tre boss. Ora ho strymon e ua e sto sempre a smanettare, ma questo è un altro discorso)
  21. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    diciamo che sono tantissimi a dire che in questi aggeggi digitali il loop risulterebbe inutile, dato che andrebbero usati come ampli in studio, mettendo i ritardi dopo. chitarra > od/comp > tonex/kemper > ritardi. Però per me sia creano comunque due problemi, uno a casa e uno live. A casa ti mangi l'uscita cuffie, e rinunci alla feature che hanno alcuni di lavorare come scheda audio. Che è molto comodo. Live sei costretto a rinunciare all'uscita bilanciata e ti tocca usare una DI a valle di tutta la catena. E' una grande cazzata secondo me la mancanza del loop. Con Tonex non hai alternative (ma il suo reverbero plate è bellissimo). Con il Kemper Player puoi farti bastare i ritardi inclusi. Dei piccoletti l'unico che fa tutto è l'Hx Stomp. E il Boss, che per feature batte quasi tutti. Iridium ha dalla sua una eccellente uscita cuffia, ma niente loop e non fa da scheda audio. Kemper per mia esperienza è in assoluto il migliore in cuffia e questo nuovo potrebbe essere davvero stand-alone senza pedali, ma se vuoi suonarci il Timeline ti tocca fare un routing per cui rinunci a qualcosa.
  22. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    Si, ma il kemper l’ho avuto e ho ancora tutte le cartelle dei profili (tanti) organizzate e classificate. Sarebbe quasi plug n play
  23. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    comunque c'è anche chi suona con un ampli, non è che va cambiato suono ad ogni strofa. Io lo prenderò appena si troverà usato, messo un clean dumble, un crunch marshall, una roba hi gain tipo Diezel, e un suono increspato aperto e croccante tipo Magnatone, io sarei tranquillo per fare almeno 4 band diverse. Chi fa cover o pezzi suoi complessi e molto moderni come approccio al suono non lo guarda nemmeno questo Kemper. Non lo vedo castrato, è che è proprio rivolto a un target diverso. Io lascerei un profilo e gli switch per attivare gli effetti, punto.
  24. marco_white

    Donne, è arrivato il Kemperino!!

    basta che la connessione telefono > pedale non sia come quella dei pedali Universal Audio altrimenti le bestemmie si sprecano
  25. marco_white

    perse le ottave della R8

    a me non era mai successo, almeno non in questa misura. La Les Paul mi ha perso l'intonazione solo su alcune corde. Ero solito andare dal liutaio con regolarità, cosa che non ho più fatto come un tempo. Ma l'R8 l'ho sempre portata più per fare due chiacchiere che per necessità, e invece ora la V corda è sotto di tanto al xii, al punto da sentire gli accordi scordati dal v tasto in su. Mi sta bene che potrei regolare la selletta, ma perché è successo? Non avverto problemi che mi facciano pensare a un movimento sostanziale del manico.
×