Jump to content

marco_white

Members
  • Content count

    4,416
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

marco_white last won the day on December 16 2018

marco_white had the most liked content!

Community Reputation

355 Excellent

3 Followers

About marco_white

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 04/11/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Montefalco e Spoleto (PG)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. marco_white

    Effetti / DI box su chitarra acustica

    potrei pensare di vendere un headway edb-2. Ti fai solo il pre, ma di pregio.
  2. è vero, i dischi post Yield non sono all'altezza dei primi cinque. Yield lo inserisco nella serie. Lo hanno sempre detto anche loro, è da quel periodo lì che iniziano a separarsi e a fare le proprie vite. Non vivono nemmeno più tutti a Seattle, e da allora non hanno più registrato un album chiudendosi qualche settimana in studio, chiaro che quello che ne è venuto fuori non abbia la coesione dei precedenti lavori. Sono session, pochi giorni di registrazioni, ognuno porta i suoi riff/pezzi finiti e ci lavorano poco. Di perle ce ne sono, ma album con un suono e un'intenzione omogenee purtroppo no. Qualcuno di loro dice che se non avessero fatto così si sarebbero sciolti. Aggiungici scelte strane sui produttori, soprattutto per Binaural e Rioct Act. Ma Brendan O'Brien è tornato (VS, Vitalogy, No Code e Yield, ma anche Superunknown, Ratm, Black Crowes ecc), e gli ultimi due album sono dei dischi niente male. Vi invito a vedere qualche live degli ultimi anni, non hanno mai avuto un sound così bello.
  3. Ma si, ovvio che esagero. E' che da ex consumatore compulsivo di musica buona, sono deluso da ormai tanti anni di ricerca di qualcosa che mi possa piacere. Ora ho scoperto gli Alabama Shakes, e sto sentendo i primi vinili di Bob Dylan, che era uno dei classici che in passato avevo saltato. Non si deve dire che il rock è morto perché passerei per un vecchio reazionario coi paraocchi, però cazzo mi devo proprio accontentare e ormai da 20 anni.
  4. No, è finita nel 72. Poi nel 91 e 94 c'è stato un piccolo rigurgito.
  5. è la verità, e dice che le nuove canzoni siano identiche a quelle di 10'000 days. Aenema è stato un altro di quei dischi che mi ha cambiato l'adolescenza. Ancora lo ricordo quando comprai il cd.
  6. ci sto ripensando, e chi allora? Prendiamo il 1991 come spartiacque. Escono Nevermind, Temple of the Dog, Dirt, Ten e Badmotorfinger. Muore Freddie Mercury. Gli U2 cambiano strada con Achtung Baby. Esce Blood Sugar Sex Magic. Screamadelica. I Gun's si infighettiscono con Use Your Illusion dopo un esordio allucinante. Out of Time dei REM. Da allora cosa? Gli album del, sempre sia lodato, 1994? I Tool? Con un album ogni 15 anni e gli ultimi due identici? I QOTSA? Ma chiaramente ora in molti mi diranno i Radiohead. Che adoro anche io capiamoci, ma quel potenziale da gruppo rivoluzionario che avrebbe dovuto portarli ad essere i nuovi Pink Floyd lo hanno perso. Non c'è nessuno come i Pearl Jam. Sono stai punk, coerenti, un po' santoni, politicizzati il giusto, hanno sostenuto cause più o meno a ragione. Neil Young li ha voluti al proprio fianco per anni (basterebbe questo). E soprattutto coerenti con un certo modo di intendere il rock senza cadere nel cliché.
  7. Lo sono diventati sulla lunga distanza. Di solito le band storiche scoppiano, o diventano buone solo per qualche rimpatriata simil carnevalesca, o per date in un casino di Las Vegas. Loro sono migliorati. La scorsa estate a Padova non ho visto il loro concerto migliore, hanno sballato i 50 anni, l'età si fa sentire. Ma musicalmente sono addirittura migliorati.
  8. Sono un Fan. Quando uscì Ten avevo 10 anni. Il disco della scoperta in adolescenza per me è Vitalogy, ne avevo 13 di anni. Facevo le medie, mi regalarono il CD. Fu tipo un'epifania, totalmente sconvolto. A me sta bene che io sono molto di parte, ma non avrei mai pensato di leggere tali commenti sui Pearl Jam in un forum di musicisti. Non credo di esagerare dicendo che si tratta della band più importante degli ultimi trentanni di rock. Poi possono piacere più gli Alice in Chains, e li subentra il gusto personale, ma i PJ sono ormai storia. Tra i pochi a essere rimasti coerenti, tra i pochi addirittura a migliorare per certi versi con la vecchiaia. Hanno capito come cambiare per non scimmiottare se stessi e si sono evoluti, nell'attitudine, nei suoni, negli arrangiamenti. Nessun altro ha tenuto come loro. Stones a parte.
  9. marco_white

    On Air Radio

    https://www.youtube.com/watch?v=Le-3MIBxQTw https://www.youtube.com/watch?v=nin-fiNz50M
  10. Ho letto. Alla fine me li ha mandati.
  11. cmq la ruggine può capitare. Mi è successo anche con le Pyramid con la banda verde, quelle più costose (le corde più belle in commercio, a mio gusto). Me ne capitarono alcune, ho scritto in azienda, e mi hanno sostituito le mute intere. Mi è successo solo con quel lotto. Ernie ball super slinky per il rapporto prezzo / qualità / reperibilità vincono, ma durano pochino effettivamente.
  12. io invece ho ripreso dei Voodoo per la MJT che da ben 15 settimane è in lavorazione (mi iniziano un po' girare sinceramente, e non sono le medie). I TE62, ordinati dal sig. Florance in persona, che si era dimenticato di spedirli. E' un altro tipo da prendere con le molle lui, non risponde quasi mai alle mail, gli va fatta una telefonata.
  13. ma al liutaio ne hai parlato? Perché anche come interviene sul manico può cambiare un po' la tensione. E soprattutto, quante chitarre hai? La difficoltà con le 010 la trovi con tutte? Lo stesso modello di chitarra può darti risposte molto diverse, tra marche o modelli diversi non parliamone. Un esempio banale, per avere la stesa tensione che ho su una Gibson con le 010 con PRS vanno montate le 011.
  14. marco_white

    Hb per strato (raw vintage)

    Paraffinare è semplice, l’ho fatto. Il suono boh, secondo me cambiò proprio poco, ma la chitarra non era la mia
  15. marco_white

    Fulltone Fulldrive 2 / 3

    ma non è uguale. La feci una prova comparativa, ma vatti a ricordare nello specifico quali erano, ed erano ben diversi.
×