Jump to content

marco_white

Members
  • Content count

    4,427
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

marco_white last won the day on December 16 2018

marco_white had the most liked content!

Community Reputation

362 Excellent

3 Followers

About marco_white

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 04/11/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Montefalco e Spoleto (PG)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. marco_white

    Progetto MJT Strat Disagiata

    Ieri sera anche io mi sono messo a suonare la mia e non riuscivo a metterla giù. Ha un equilibrio che non avevo mai avvertito su una tele, è schioccante e viva ma al tempo stesso grassa e potente al ponte. Pensavo fosse grazie al pickup, che è bellissimo, ma anche da spenta suona così.
  2. marco_white

    piccola cassa/ampli per studiare

    Scusate, ignoranza mia. Ma a cosa serve una cassa amplificata per studiare con l’acustica?
  3. marco_white

    Nuovi boss intermedi serie 200

    Come dimensioni / prezzo / funzioni / ergonomia mi sembrano proprio azzeccati. Il dd500 l’ho venduto perché era un po’ troppo di tutto, questo mi attira non poco. Su musicradar danno un prezzo di €250, non ho capito se è il listino o lo street
  4. https://www.boss.info/global/categories/stompboxes/200_series/
  5. marco_white

    accordatore a clip

    Ne ho uno per chitarra. Mi piace quello minuscolo della Planet waves o della D’addario, boh. Ma anche quello più grande della D’Addario funziona bene
  6. Hx Stomp arrivato. Da lunedì chi vuole può chiedermi se vendo. Due giorni glieli concedo dai. 

    1. Show previous comments  2 more
    2. Uilliman Coscine Terzo

      Uilliman Coscine Terzo

      Come l'hai fatta che non me lo ricordo?

    3. marco_white

      marco_white

      Manico roasted con profilo tipo Les Paul, radius contour e tastiera palissandro. Corpo alder, candy apple red scuro

    4. A wild Manni

      A wild Manni

      Se me la rateizzi la prendo direttamente 😂

  7. marco_white

    Pedali Foxgear: opinioni

    Non ho capito cosa mi vuoi dire. Che in Italia non si parli un buon inglese è purtroppo ovvio. Ma scrivendo i testi solo in inglese si fa una decisa scelta di campo, che approvo, e che necessariamente deve poggiare su un approccio professionale alla cosa. Qui non si sta parlando di Italia, ma di un'azienda che implicitamente dichiara di voler creare una rete commerciale votata all'export. E quindi devi pagare un professionista che faccia le traduzioni. Non dico un copy editor, ma almeno qualcuno che asciughi tanto, ma tanto, i testi. L'India ha fatto parte dell'impero britannico e l'inglese ne è stata quindi lingua ufficiale degli apparati. Ovvio che parlino inglese, pronunciando la P al posto della F, ma lo parlano. Non mi interessa quello che si studia a scuola. Se decidi di scrivere i testi in inglese devi assumere un professionista che scriva i testi in inglese. Non te lo puoi permettere? Trova una soluzione che di gente in gamba ne abbiamo anche in Italia.
  8. marco_white

    Effetti / DI box su chitarra acustica

    Non la uso. Talmente tanto bello che mi sono detto “non lo venderei mai”, ma di fatto sono due anni che giace nella sua scatola. Ha anche il grande vantaggio di essere un due canali, quindi gestisce un eventuale doppia sorgente.
  9. marco_white

    Pedali Foxgear: opinioni

    Sto vedendo il sito, giuro che non li comprerei già solo per come sono scritti i testi in inglese. Ci facciamo proprio ridere dietro cazzo.
  10. marco_white

    Effetti / DI box su chitarra acustica

    potrei pensare di vendere un headway edb-2. Ti fai solo il pre, ma di pregio.
  11. è vero, i dischi post Yield non sono all'altezza dei primi cinque. Yield lo inserisco nella serie. Lo hanno sempre detto anche loro, è da quel periodo lì che iniziano a separarsi e a fare le proprie vite. Non vivono nemmeno più tutti a Seattle, e da allora non hanno più registrato un album chiudendosi qualche settimana in studio, chiaro che quello che ne è venuto fuori non abbia la coesione dei precedenti lavori. Sono session, pochi giorni di registrazioni, ognuno porta i suoi riff/pezzi finiti e ci lavorano poco. Di perle ce ne sono, ma album con un suono e un'intenzione omogenee purtroppo no. Qualcuno di loro dice che se non avessero fatto così si sarebbero sciolti. Aggiungici scelte strane sui produttori, soprattutto per Binaural e Rioct Act. Ma Brendan O'Brien è tornato (VS, Vitalogy, No Code e Yield, ma anche Superunknown, Ratm, Black Crowes ecc), e gli ultimi due album sono dei dischi niente male. Vi invito a vedere qualche live degli ultimi anni, non hanno mai avuto un sound così bello.
  12. Ma si, ovvio che esagero. E' che da ex consumatore compulsivo di musica buona, sono deluso da ormai tanti anni di ricerca di qualcosa che mi possa piacere. Ora ho scoperto gli Alabama Shakes, e sto sentendo i primi vinili di Bob Dylan, che era uno dei classici che in passato avevo saltato. Non si deve dire che il rock è morto perché passerei per un vecchio reazionario coi paraocchi, però cazzo mi devo proprio accontentare e ormai da 20 anni.
  13. No, è finita nel 72. Poi nel 91 e 94 c'è stato un piccolo rigurgito.
  14. è la verità, e dice che le nuove canzoni siano identiche a quelle di 10'000 days. Aenema è stato un altro di quei dischi che mi ha cambiato l'adolescenza. Ancora lo ricordo quando comprai il cd.
  15. ci sto ripensando, e chi allora? Prendiamo il 1991 come spartiacque. Escono Nevermind, Temple of the Dog, Dirt, Ten e Badmotorfinger. Muore Freddie Mercury. Gli U2 cambiano strada con Achtung Baby. Esce Blood Sugar Sex Magic. Screamadelica. I Gun's si infighettiscono con Use Your Illusion dopo un esordio allucinante. Out of Time dei REM. Da allora cosa? Gli album del, sempre sia lodato, 1994? I Tool? Con un album ogni 15 anni e gli ultimi due identici? I QOTSA? Ma chiaramente ora in molti mi diranno i Radiohead. Che adoro anche io capiamoci, ma quel potenziale da gruppo rivoluzionario che avrebbe dovuto portarli ad essere i nuovi Pink Floyd lo hanno perso. Non c'è nessuno come i Pearl Jam. Sono stai punk, coerenti, un po' santoni, politicizzati il giusto, hanno sostenuto cause più o meno a ragione. Neil Young li ha voluti al proprio fianco per anni (basterebbe questo). E soprattutto coerenti con un certo modo di intendere il rock senza cadere nel cliché.
×