Jump to content

marco_white

Members
  • Content count

    4,507
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

marco_white last won the day on January 9

marco_white had the most liked content!

Community Reputation

397 Excellent

3 Followers

About marco_white

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 04/11/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Montefalco e Spoleto (PG)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. marco_white

    confronto DD7 vs DD20 modalità analog

    Questo problema ce l’ho da sempre, ed è la ragione per cui l’integrazione dell’ampli valvolare nel sistema digitale non mi ha convinto. Che fosse risaputo però non lo sapevo, anzi, mi chiedevo il perché nessuno se ne lamentasse. Questa cosa ha fatto pure emergere il bisogno di un ampli nuovo, perché già con la plexi normalmente ho un pelo più di gain di quanto vorrei, ma con la dinamica risolvo, almeno in parte. Coi load invece non solo aumenta il gain, ma diminuisce pure la dinamica. Quindi mi servirebbe un altro ampli, e allora mi dico che non ha senso. E guardo le quotazioni attuali del kemper
  2. marco_white

    confronto DD7 vs DD20 modalità analog

    dai? Pensa che a me piace molto. Perché non va? Meglio che con la Suhr Reactive Load e la plexi. Ho provato ad usare lo stesso Ir. Non riesco a cavarci fuori un suono pulito, stessa cosa con tutti i carichi reattivi provati (e ora a parte l'OX ho provato TUTTO). Mi danno l'impressione di far suonare la testata con più gain di quanto ne avrebbe allo stesso volume sul mio solito cabinet. Dico "impressione" perché so che non dovrebbe essere così, ma la sento così, senza alcun dubbio. Il vero problema è che al momento non ho un secondo ampli da affiancare alla plexi, vorrei una base molto più pulita, come già ti dissi. Il tuo tedesco d'annata ad esempio.
  3. marco_white

    confronto DD7 vs DD20 modalità analog

    ho provato a registrare anche con la plexi e lo Suhr Reactive Load, ma anche lì non sento grosse differenze. Forse all'attivazione del DD20 si perde una quota infinitesimale di segnale, ma veramente ininfluente a mio avviso. Nessuno commenta il suono liscio dell'HX Stomp?
  4. Ho (ri)preso anche il DD7 e ho provato a fare un confronto col DD20. Suono male, vado fuori tempo, sono macchinoso, perdonatemi, ma il tempo di suonare è quello che è. E' l' R8, tranne gli ultimi 3 sample, a partire dal riff iniziale di Josephine dei Black Crowes che sono fatti con la Gibson Les Paul Special. HX Stomp con ampli JTM45 e IR Celestion di un G12M. Il crunch è il Caliber 45 di Rockett, per il lead aggiungo un Klone fatto da me. Fatto usando il Ditto looper, quindi sentite sempre esattamente lo stesso riff. I turni sono sempre niente delay, DD7, poi DD20. Garageband, non ho regolato nulla, c'è un po' di clipping a tratti e rumore di fondo, ma è veramente tutto fatto plug 'n play. Verdetto? Boh, per me suonano uguali. Forse un pelo più aperto il DD7. Il tono del DD20 è tenuto a ore 12. https://soundcloud.com/marco-baldovin/boss-dd-7-vs-dd-20
  5. marco_white

    NAMM 2020

    L’ampli Suhr è meraviglioso Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro
  6. Ne ho presa una un paio di settimane fa, usata come nuova. Tempo di far foto non ce ne è, fidatevi delle foto che si trovano in rete, anche se non è così gialla come su molte foto, è più tenue e trasparente il giallo. Ho qui con me anche un'altra special del 2010 in prestito, e quella aveva una finitura proprio coprente e opaca, questa è lucida, sembra molto fina e lascia intravedere abbastanza bene la trama del mogano. E' molto bella la finitura. Sul manico ne avevo lette tante, qualcuno si lamentava che fosse più slim di quanto non dichiarato dalla Gibson, ed effettivamente non siamo in territori custom shop 57/58, ma è sicuramente un manicozzo importante, e devo dire estremamente comodo. E' una C equilibrata. La tastiera è dichiarata in palissandro, e può starci, è scura, ma potrebbe essere tinta, ma avrebbe potuto essere un pelo carteggiata meglio. Non che sia ruvida alla superficie, ma sicuramente non ci hanno perso il sonno per farla perfetta. Ha il binding, semplice. Avrei preferito non ci fosse, ma stupisce per quanto sia ben arrotondato. E' molto comoda la tastiera, tasti posati bene. Le meccaniche hanno un aspetto cromato un po' finto, di poco valore, ma tengono bene l'accordatura. Stoptail e studs sono cromati pure loro, a miei occhi devo dire purtroppo, e lo stoptail si appoggia in modo storto sugli studs, visto il montaggio corde col wraparound. Il ponte a voler far davvero bene andrebbe cambiato con un Faber e relativi studs a incastro. Questo "difetto" so esserci anche sulla special del Custom Shop, non preclude l'intonazione delle ottave e rende la suonabilità comoda. Ma prima o poi lo sostituisco. L'elettronica è normale, senza pcb o altre cagate. Funziona tutto, è semplice, è come deve essere. I P90 Gibson, che ho avuto in passato, li ricordo sempre molto belli. Lo sono anche questi, la chitarra mi piace tanto come suona, però sento il vago bisogno di provarci dei Lollar o dei Wolfetone. Non sono convintissimo che questi siano i soliti, li avevo su una tribute del 2012 ed erano proprio bellissimi, con quegli attuali non userei il superlativo. C'è la custodia marrone!! Senza il lenzuolino fucsia, ma la custodia è davvero bella e classica, agli occhi di chi usa Gibson da anni. Ti danno pure la tracolla in pelle nera, molto semplice e qualche attrezzo. Il corredo è molto bello, la custodia è più bella di quelle historic. Suona bene, molto. Volevo una Junior, poi complice questa apparsa usata in un raggio di km fattibile e la prova di quella in prestito che mi ha fatto capire che il pickup al manico poteva avere un senso, non ho esitato. E' sulla rastrelliera con una R8, e non sfigura nemmeno un po', ma proprio zero, anzi la suono proprio con piacere. Meccaniche e ponte sono l'unico punto leggermente a sfavore, gli bastava un ultimo sforzo e avrebbero fatto un prodotto davvero perfetto alla Gibson USA. Mogano + P90 è tra i migliori matrimoni di tutta la liuteria elettrica, c'è poco da fare. Sembra una chitarra povera, nasce così di fatto, ma in realtà è uno strumento con una versatilità clamorosa. Dolce e definita sui puliti, grossa, ringhiosa e compatta con gain.
  7. marco_white

    NAMM 2020

    più che altro lo spostamento della produzione, più di concetto che semplicemente logistico. La SLO100 da amplificatore impossibile da replicare davvero per via di componenti custom o non più reperibili, e il conseguente status di amplificatore davvero boutique come pochi altri, diventa improvvisamente fatto in serie dall'azienda di Friedman. Ma il prezzo non diventa quello di un ampli industriale. Chissà, magari le nuove suoneranno pure meglio, ma a questo punto diventa ancora più sensata la domanda se non abbia senso prendersi una Hot Rod (e a me la HR100XL già ai tempi piacque più della SLO, ma so di essere in minoranza)
  8. marco_white

    NAMM 2020

    Si ma è SSL, non pizza e fichi. Si ipotizzano pre progettati a modo. Ne ho avute tante di schede, dei numerini sul manuale te ne fai poco se poi i pre non suonano.
  9. marco_white

    NAMM 2020

    fighissima la scheda SSL. Costa pure poco, strano.
  10. L’ Amplifirebox l’ho avuto, l’ Iridium l’ho provato. L’atomic suona un gran bene ma è diametralmente opposto ad Iridium in quanto a facilità d’uso. L’Iridium è plug and play, l’atomic va regolato di fino, e bisogna sapere come farlo. Per me a livello di suono per quello che vuoi fare te va strabene, e regge il confronto con macchine molto più costose. Chiaramente a patto che si usino Ir esterni di qualità
  11. L’ Amplifirebox l’ho avuto, l’ Iridium l’ho provato. L’atomic suona un gran bene ma è diametralmente opposto ad Iridium in quanto a facilità d’uso. L’Iridium è plug and play, l’atomic va regolato di fino, e bisogna sapere come farlo. Per me a livello di suono per quello che vuoi fare te va strabene, e regge il confronto con macchine molto più costose. Chiaramente a patto che si usino Ir esterni di qualità
  12. oddio, sono d’accordo con te un po’ su tutto, però dai, hai provato un Kemper rotto. In cuffia è di gran lunga il miglior device esistente, e ho provato tutto tranne Fractal. beyerdynamic Dt770 Ho l’Hx Stomp, non ne sono iper soddisfatto, ho avuto il Kemper, lo considero una macchina fantastica, ma non versatile con l’HX. Due giorni fa mi è arrivato il Suhr Reactive Load. Ero gasatissimo di poter riaccendere la plexi. È ancora peggio. Perché a quel punto il suono che senti è ancora più freddamente il suono microfonato.
  13. marco_white

    Ramble FX "Marvel Drive" Marshall-In-A-Box

    E ai 100 e qualcosa euro a cui si trovano adesso è davvero un pedale eccezionale.
  14. marco_white

    Les Paul lawsuit - Burny custom

    E' rimasta sul forum, fatto un pacchetto MJT + Tokai. Fatta una cazzata. Al momento ho preso una Eastman T-486 RD. La scusa è che la Tokai suonava poco da 335 "cartonata" e più da solid body, quindi la sentivo molto vicina alla Les Paul. La Eastman è diversa. Più brillante, con il manico in acero e la tastiera in ebano. Ma soprattutto più "semiacustica". Devo dire che mi piace molto, o meglio, è sicuramente una gran bella chitarra. Ma scatta poco il feeling, è nuova, tutta sbrilluccicosa, è troppo rifinita.
  15. marco_white

    Les Paul lawsuit - Burny custom

    Te che dici? Ne vale la pena?
×