Jump to content

marco_white

Members
  • Content count

    4,951
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    9

marco_white last won the day on March 22 2021

marco_white had the most liked content!

Community Reputation

590 Excellent

3 Followers

About marco_white

  • Rank
    Senior Member
  • Birthday 04/11/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Montefalco e Spoleto (PG)

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. marco_white

    Ma dimmi, qual è...

    la più bella scoperta che ho fatto negli ultimi anni è stato questo album qui: https://youtu.be/S-s3vuXopS4 che però è già del 2013 quindi non so se vale. E poi Chris Stapleton, ma parliamo di un album, Traveler, del 2015. Poi quasi il nulla.
  2. marco_white

    Game over ... drive?

    guarda che i rockett sono piccoli, molto piccoli. Il Caliber 45 è bellissimo.
  3. marco_white

    Game over ... drive?

    Prendi un Rockett, uno qualsiasi. Sono tutti belli e secondo me esattamente quello che cerchi. Sono anche mezzo tentato di offrirti il Dude, ma credo lo terrò. Invece potrei mettere in vendita uno Xotic Soul Drive. Gran pedale, ma fa quasi la stessa cosa del Dude.
  4. non so se risponde all'esigenza, ma lo Stone Deaf?
  5. marco_white

    nuove chitarre Harmony

    i maggiori produttori di chitarre fino agli anni '70. Economiche, marchio storico per gli americani, che iniziavano a suonare spesso con queste chitarre. Marchio acquisito da poco da una società di Singapore, che ha chiamato qualcuno di bravo a ricreare il brand. Bel sito, bei video, bella confezione in generale. Endorser perfetti per hipster fanatici di instagram https://www.harmony.co/ Chitarre prodotte nella fabbrica Heritage. Cosa che non so fino a che punto possa essere vera, si tratta di strumenti made in USA, rifiniti nitro, con gigbag Mono (!) a €1500. Boh, non mi pare verosimile. Le trovo bellissime.
  6. li ho visti, ma no. Perché poi dopo mi viene il tarlo di come sarebbe suonato usando i condensatori da un euro l'uno invece che quelli da 5 centesimi. E quindi me lo costruisco
  7. e comunque lasciami dire una cosa. Costa fare questi pedali, alla fine 60/70 euro per un pedale li spendi. E se alla fine non ti piace, hai un bel fermaporte. Chi te lo compra? Quindi per tutti i pedali dove trovo l'originale a prezzi onesti, prendo l'originale, tutta la vita. Un Rat da €300 invece lo costruisco. Così come proverò a fare il duellist.
  8. lungi da me dirti che questo kit sia stato semplice da montare. Ci sono state un po' di cazzate (pad della pcb da saldare per uso diversi IC, jack diversi da quelli delle istruzioni, led fuori posto, pad dei cavi veramente troppo piccoli). Però i kit da musikding sono tanto comodi.
  9. Informat di pedalpcb preso da Musikding. Poi ho preso i condensatori extra, per non usare quelli del kit, ma solo Wima. Come al solito sulla box preforata una cazzatina c'è, la posizione del led non corrisponde a quella della pcb.
  10. Ieri sera mi sono costruito un DRV 1981. Non è esteticamente bello come l’originale, ma suona, bene. Gran bel pedale. L’avessi comprato a €300 forse mi direi di tenerlo perché da un tono alla pedaliera che nemmeno il tappeto di Lebowsky, più che per come suona. Più che altro ancora non l’ho capito benissimo perché ha dentro millemila suoni, molti riusciti. Dal drive pettinatissimo al fuzz gated. Gli strumenti che fanno troppe cose mi infastidiscono. Comunque, si interfaccia benissimo con Iridium. Mantiene un’eccellente nitidezza anche a gain molto alti, ed è sempre un muro di suono. Ho usato anche i condensatori fighetti.
  11. Ho provato con la Audient, no, non lo fa. ID14 collegata a un monitor in USB-C, che la alimenta. Non esce nulla. Mi ci hai fatto credere.
  12. stasera ci provo con la Audient. Sul sito Motu riguardo la M2 non specificano la cosa, mi viene da pensare che si tratti di un comportamento normale. Sono solo le Apollo che avendo il dsp interno funzionano anche stand alone con l'ultimo pre che si è caricato che io sappia.
  13. si e no. Mai usato un reverbero, ma ai tempi presi il Flint e tutto cambiò. Pedale che reputo clamoroso. Non uso modulazioni, tranne il tremolo. E l'Harmonic tremolo è il mio preferito. Non volevo spendere €250 su un pedale, quindi mi sono messo a prendere altro. Un Reverbero Byiang, bellino e nulla più. Il Mooer Trelicopter, bellino anche lui. Poi ho preso l'RV6 ed è stata una delusione. In pratica mi sono detto che se devo spendere €100 per un reverbero, e ci esce giusto il Boss o il TC, e €100/150 per un tremolo carino, tanto valeva prendere il Flint e non pensarci più. Ma non mi entusiasma nemmeno lui, quindi provo a cambiare l'ordine dei pedali. Vedremo.
  14. solo a beneficio di inventario, l'uscita cuffie della Audient non pilota un granché le Beyerdynamic, bisogna alzare di tanto il volume. Ipotizzo che le 250 ohm sarebbero appena appena utilizzabili. Con Iridium tengo il volume sotto metà, a metà esatta ti rincoglionisce.
  15. scheda audio stand alone? Non ho capito bene, la Motu può fare questo? Cioè può essere usata senza accendere il computer? Io ho le tue stesse cuffie (versione 80ohm) e come scheda ho la Audient ID14. Preferisco abbastanza nettamente l'uscita cuffie dell'Iridium. Stasera provo, ho preso un Flint e non mi sta entusiasmando come aveva fatto in passato, quando lo usavo davanti alla plexi vera.
×