Jump to content

Mlex

Members
  • Content count

    627
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

86 Excellent

About Mlex

  • Rank
    Member

Recent Profile Visitors

1,754 profile views
  1. @Louisguitar mi fido mi fido! Quindi rimane il dilemma pedaliera, devo capire se c'è un manuale online con le dimensioni per gli alimentatori da mettere sotto e se eventualmente si possono posizionare 2 alimentatori...
  2. @BarbaBarba ti ringrazio, ma sono interessato prevalentemente alle rockboard per il discorso modulabilità... @Louisguitar grazie del feedback della one control... che poi tra parentesi assorbe pure pochi mA rispetto ad altri grandi switcher tipo boss... Comunque ho notato una cosa veramente strana... hanno aggiornato nel 2019 le varie pedaliere inserendo anche la versione con case in abs (che a quanto leggo pesa quanto il fligh case), e vedendo le immagini su thomann della 5.3 ho notato che la 2018 ha un alloggiamento per i moduli dietro, la versione con il case in abs ne ha 2!!!! ma 350 euro per una pedalboard di alluminio e plastica mi sa un pò tantino, infatti punterei su quella con la borsa morbida (a meno che sul sito eko non vendano solo il case in abs a 60 euro come ho visto per la 5.4). Comunque vorrei capire quali sono le dimensioni tollerabili per gli alimentatori che si possono inserire sotto e se si possono inserire 2 alimentatori tramite gli adattatori in vendita separatamente (the tray)... qualcuno ha notizia di cio?
  3. @StratoBobbb sui palmer si, e di dimensioni non generosissime... ad esempio mi sa che l'alimentatore strymon quello grande non ci va... Per questo ho deciso di cambiare anche pedalboard, perchè voglio qualcosa di più grande da poter inserire sotto.... Per la control one nessuno le ha provate?
  4. @Lefty grazie lefty, effettivamente dei cioks ho sempre sentito parlare bene... secondo me comunque il problema del rumore nella mia pedaliera è dovuto al fatto che ho sdoppiato l'uscita sui pedali di gain... @Fedex si, ha i banchi, ma sinceramente siccome spesso uso più di 4 suoni a canzone, devo comunque premere 2 volte per cambiare banco e preset, e poi tornare indietro... quando potrei avere almeno 6 pulsanti che mi semplificano la vita....
  5. Buon pomeriggio a tutti voi! Come da titolo, sto pensando di rifarmi la pedaliera, più grande, più di qualità e con meno tip tap durante il playing... I problemi della mia attuale sono sostanzialmente 4: - l'alimentatore è sottodimensionato come numero di uscite, purtroppo il carl martin è uno splendido alimentatore, ma quando ho sdoppiato l'uscita della sezione drive è iniziato il casino (humm ovunque) - la pedalboard della palmer è carina, ma si incominciano a vedere i motivi per cui mi è costata solo 60 euro - l'indecisione su cambiare il fat sandwitch come overdrive leggero è sempre dietro l'angolo, ma quando mi convinco poi mi piace di nuovo -il looper harley benton funziona bene, ma ha solo 4 maledetti switch per cambiare patch, per cui mi devo inventare combinazioni di pedali accesi e spenti ed è un casino perchè alla fine il tip tap lo faccio lo stesso. Ora, so che sarà un salasso, perchè dovrò cambiare le cose più costose, e appunto farò un passo alla volta, e una volta finito aggiungerò o sostituirò dei pedali per completare quello che ho sempre desiderato fare. Partiamo dalla pedalboard, secondo me la più gettonata per praticità e passaggio cavi è questa: https://www.thomann.de/it/rockboard_cinque_5.3_b.htm costa tanto, è vero, però ha un modulo dietro che mi faciliterebbe il cablaggio e ha l'alloggiamento per l'alimentatore sotto montandolo solo con una vite... per voi è un buon acquisto? Passiamo al looper, ovvero la parte dolente (economicamente,ovvio!) di tutta la sitiuescion... Il sogno sarebbe il boss, fa pure il caffè, si possono personalizzare gli switch e assegnare qualsiasi tipo di funzione MA... siamo sicuri che mi serva tutto quel pòpò di roba? A parte che non uso pedali midi, per cui posso tranquillamente farne a meno però in teoria potrei dall'uscita del rubberneck entrare in uno degli ingressi dedicati e usare uno switch sulla boss come tap tempo, cosa molto comoda... Poi mi sono imbattuto in questo: https://www.thomann.de/it/one_control_crocodile_tail_loop.htm relativamente piccolo e semplice, facile da programmare, pulsante dedicato al tuner, midi possibile ma soprattutto 10 loop, di cui 7 seriali e 3 separati,che mi consentirebbero di usare nel loop effetti dell'ampli delay e rev... non so se gli switch sono assegnabili, ma vabbè costa quasi 300 carte meno del boss e soprattutto è meno esoso di corrente... Qualcuno che ha avuto esperienza con i looper one control? Infine parte sempre importante, quella dell'alimentazione. Ho bisogno di un alimentatore che non costi 8.000 euri che abbia tipo 12 uscite isolate di un certo amperaggio... qui potete iniziare col televoto! anche se girando su thomann, ho visto questo qui: https://www.thomann.de/it/mooer_macro_power_s12.htm so che non è un marchio blasonato, ma secondo me non dovrebbe essere male. non ho capito solo se tutte le uscite sono isolate o sono a gruppi. E in ogni caso, ovemai dovesse servirmi un'ulteriore uscita, potrei alimentare il pitchblack a 500 mA e usare l'uscita di alimentazione su quest'ultimo per un pedale tipo overdrive.... a voi la parola ora!
  6. provai il vfe alpha dog ma niente... un pedale, non so se quello che avevo io, totalmente ingolfato. Rispetto al rat che ebbi in prestito qualche anno fa non c'azzeccava esattamente nulla... a parte il fatto che il gain sul rat originale era proprio "diverso", più compatto anche se di tipo vintage e fuzzoso su alcune frequenze. Il vfe sembrava uno di quei amplificatori economici con il canale overdrive totalmente gonfio e ingolfato, e i livelli di gain non erano assolutamente quelli di un rat.... sarei curioso di provare il walrus ironhorse....
  7. Mlex

    Corpo strato

    body in mogano con top in koa!
  8. MA scusate, voi ancora credete che dietro il prezzo di una les paul standard di 2 mila e rotti euro gibson ci ricavi solo 2-300 euro? se negli anni passati hanno fatto cagate non possono rompere le scatole a ditte che comunque fanno cose relativamente diverse... A questo punto jackson e charvel dovrebbero fare causa a gibson per aver fatto quello schifo di aborto anni 80' che riprende appunto le forme stratiformi di queste case produttrici... se prima poco poco ero intenzionato a prendere una sg usata, adesso andrò di lawsuit... tutta la vita!!!
  9. Mlex

    Chitarra da “lavoro”?

    C'era il chitarrista della cover di Vasco Rossi ufficiale che qualche anno fa lo sentii, aveva una charvel ed un suono da paura... Che poi sia diventato il proprietario della saletta dove suono, che ci abbia registrato il disco e abbia venduto quella chitarra è un altro discorso!
  10. Mlex

    Info Wiring stratocaster

    grazie a tutti per le risposte! 😄 Allora partiamo dalle messe nere, non siamo satanisti anche se la mia mail parrebbe dire il contrario Per il resto, potenziometri cinesi da 500k e wiring abbastanza scadente... secondo me si è dissaldato qualcosa o qualche collegamento sballato... Perchè direte voi? perchè ho avuto una stratocaster su una mesa dual, e ricordo tranquillamente che il calo di gain è normale ma non così esasperato... comunque il mio amico fissato mi ha fatto ordinare dei pot japan con l'albero da 8mm di diametro e si rifà lui il wiring in maniera decente... speriamo di trarne giovamento!
  11. Mlex

    Info Wiring stratocaster

    partiamo con ordine... mi sono dimenticato di dire che la chitarra l'ho provata con il mio setup base, ovvero chitarra cavo ampli, un laney vh100... Con la schecter con l'hb al manico comunque il gain si sente eccome... con questa strato è come se ci fosse un crunch leggero. Comunque oggi giornata casino... in pratica abbiamo montato un pot cts anche se il mio amico ha voluto mantenere il circuito dei toni (implementato in maniera diversa rispetto ai soliti schemi che si trovano on line, due toni e 2 caps)... abbiamo scoperto che la mascherina montata ha i fori per i potenziometri da 6 mm contro i 9,5 mm del potenziometro cts... quindi siccome il mio amico è proprio fissato male, devo vedere di risolvere sta situazione senza fresargli gli scassi dei pot... sapete se standard le mascherine hanno i fori da 6 o da 9.5 mm? Comunque tornando al discorso suono... effettivamente il pickup al ponte suona molto affilato, ma sempre senza gain... quello al manico invece suona grossi si, ma molto spompo e troppo "dinamico" diciamo... il sospetto è che con il wiring che gli ha fatto il fantomatico liutaio gli abbia portato il circuito del tono "doppio" che lavora maggiormente sul pickup al manico, oppure come diceva dado c'è qualche saldatura ammerda! 😂
  12. Mlex

    Info Wiring stratocaster

    ok thanks manni, presumo sia il cavo di collegamento al jack, perchè era posizionato in maniera assurda e penso faccia contatto con uno dei pin del volume....a questo punto dato che dovrei avere un pò di cavo telato sostituiamo tutto e amen... ma quei cosi giganteschi non si possono proprio vedere! 😂 ma non è che magari i due cap si possano sommare l'uno con l'altro?
  13. Salve Siori, volevo chiedere info in merito al wiring della stratocaster del chitarrista del mio gruppo. Siccome il potenziometro del volume era ormai andato (gracchia inesorabilmente) ho deciso di acquistargli un potenziometro logaritmico da 250 k ohm logaritmico, e fin qui ci siamo, dato che lui monta 3 single coils. Detto questo io ho sempre avuto qualcosa da ridire sul suo suono, perchè a parte il fatto che suona in maniera atipica per il genere che facciamo, hard rock / stoner, e lui in pratica usa un overdrive e sempre il pickup al manico, la chitarra comunque mi è sempre sembrata suonare strana, cupa. Ora la sua è una misera squier made in korea, e tempo fa lui gli cambiò i pickup portandoli da un certo ragazzo di Saronno che faceva il liutaio, montandogli non so quali pickups e rifacendogli tutta l'elettronica e il setup. Ora la mia sorpresa è stata enorme nel vedere il wiring oggi, dopo averla smontata. Di solito io sapevo che nelle stratocaster i 2 potenziometri dei toni condividevano un solo condensatore. Il punto è che oggi ne ho trovati 2, uno per ogni potenziometro. E non è finita qui, perchè questo potrebbe essere normale. La cosa anomala è che come condensatori aveva montato degli orange drop da 600v 473j di quelli enormi utilizzati per gli amplificatori valvolari . E non è finita qui... perchè a completare il tutto era il fatto che i 3 potenziometri fossero da 500 kohm... Ora secondo voi questi 3 fattori combinati insieme possono essere la risultante del fatto che il suono di questa chitarra sia praticamente "tappato"? In pratica non sembra solo che il suono sia sempre con il tono un pò chiuso e strabordante di bassi, ma anche che la chitarra anche su un amplificatore da metal con il gain a cannone renda con un suono da bluesettino leggerissimo.... Secondo voi conviene rifare totalmente il wiring? Perchè a questo punto io gli prenderei gli altri 2 pot da 250, un orange drop da 0.22 (o è meglio 0.47 non saprei) e il selettore e amen, ma lui si è fissato che sto tizio che gli ha messo mano alla chitarra sia un guru.... mah PS: i pickup non hanno marca sotto, però hanno una caratteristica particolare ovvero i cavi. tutte le messe sono nere e il positivo cambia di colore in base alla posizione del pickup... secondo voi che marca potrebbe essere?
  14. Mlex

    Pedali Foxgear: opinioni

    vi dico solo una cosa.... gli opeth dei tempi d'oro, suonavano con le boss gt8 che entravano nel finale delle laney vh100.... ed avevano un suono mostruoso! *per tempi d'oro intendo blackwater park e deliverance
  15. io ho un clone del jhs andy timmons... ora fanno la versione con il boost in un pedale di dimensioni del boss... secondo me è un gran bel pedale, a volte estremo (lo uso per farci hard rock/stoner) e l'eq lavora molto bene!
×