Marco white

Members
  • Numero contenuti

    3817
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    11

Marco white last won the day on December 9 2016

Marco white had the most liked content!

Reputazione Forum

184 Excellent

1 Seguace

Su Marco white

  • Rank
    Senior Member
  • Compleanno 11/04/1981

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Montefalco e Spoleto (PG)
  1. delay analogico con tap tempo della DOD, 430$ e mini pedali volume e espressione compressore della Orange e soprattutto il plug-in della Helix
  2. e perché? Valutala da un'altra direzione. I pedali Bogner sono degli overdrive che hanno alzato per sempre l'asticella della qualità. Il Bogner Blue sono due anni che cerco di sostituirlo, e invece non ci si riesce. Ha qualche SMD. Il Friedman BE-OD dai sample suona meglio di tanti amplificatori, continuo a non credere che davvero possa suonare così. E' in parte SMD. I Rockett nuovi mi sembrano spettacolari, li prenderei tutti a scatola chiusa. Sono SMD. Gli ultimi di Skreddy (Skreddy cazzo, al top in quanto a ricerca del risultato sonoro del singolo componente) sono in parte SMD. Ora anche Pettyjohn. ecc. ecc. ecc. Ormai la strada è tracciata. Se nessuno ti avesse detto nulla, li avresti continuati a comprare senza farti pippe.
  3. la fabbrica in questione è questa: https://www.youtube.com/watch?time_continue=365&v=PsV5KC2hGO8 io il video non ce la faccio a vederlo tutto, che odio la stupidità, soprattutto quando manifesta, e il tipo lo prenderei a badilate sulle gengive. Ma almeno ti fai un'idea. La compagnia si chiama "Boutique Amp Distribution". Vedere Friedman la dentro da più l'effetto di una cooperativa tra i migliori costruttori boutique, ma sicuramente sbaglio. Il tizio della Tone King farà i "Bartel Amplifiers", di Tone King gli hanno acquisito tutto.
  4. no, il contrario: la maggior parte dei pedali in commercio era/è costruita normalmente, non con i componenti del Catalinbread, ma comunque normali. Questa degli SMD è una cosa molto recente, introdotta probabilmente dalla fabbrica dove vengono costruiti Bogner, Friedman, Tone King, 65 amps e Wampler. Si, è la stessa fabbrica. (tra l'altro Tone King è un marchio che è stato comprato da questa compagnia, il fondatore esce in primavera con una nuova linea di amplificatori a suo nome). A onor del vero sia i pedali Friedman che i Bogner hanno molti di questi componenti SMD, ma poi montano condensatori buoni (Wima nel caso di Bogner) nei punti cruciali del circuito. Se ti avessi mostrato la foto del lato opposto della PCB del BE-OD avresti avuto un'impressione diversa. Ormai i pedali son diventati complessi per suonare come suonano le ultime generazioni. Poi vogliamo che siano almeno piccoli come un Boss. Poi vogliamo che costino il giusto. E quindi vanno pensati in modi nuovi.
  5. Marco, questi componentini microscopici sono la versione SMD di quei cosi grossi che vedi in questo Catalinbread. Per la cronaca, è un Friedman https://postimg.org/image/g386uz8rx/ Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
  6. il nuovo credo sia semplicemente resistivo, a maggior ragione dato il settaggio singolo
  7. il singolo settaggio dell'attenuatore mi era sfuggito effettivamente. Perché 5 casse come IR? Dicono 16. Ribalto la questione, per uno poco smanettone come me è perfetto per registrarsi in casa. Loadbox reattivo, e ci siamo. Attenuatore -20db, giusto per tenersi lo speaker come spia. Ma anche no. Simulatore di cassa analogico, poteva anche non esserci. Che dovrei farci? (da notare che è lo stesso che hanno messo nei pedali preamplificatori) Software di una semplicità disarmante. L'ho usato un paio di volte e la qualità ottenuta mi è sembrata davvero notevole. Certo, se costa €400 no, ma se ne costasse €250 mi risparmierebbe una marea di sbattimenti.
  8. il Captor questo fa, se si vuole usare un ampli e usando il computer per WOS. Certo non ci puoi attaccare un pre. Se non costa un'eresia lo prendo.
  9. in un'epoca dove ormai tutti i pedali sono costruiti in SMD come dei normali computer (per dirne un paio Friedman BE-OD o i nuovi Rockett), vedere condensatori Orange Drop, Panasonic o CDE e tutte quelle resistenze al carbone fa sperare che ci sia stata una ricerca molto attenta. Per vedere componenti del genere devi scomodare i fuzz culattoni d'oltremanica.
  10. ah, c'è la Avid dietro
  11. ecco, appunto, la Two Notes ha fatto il prodotto che a mio avviso mancava nel loro catalogo: Two Notes Torpedo Captor loadbox reattiva, che funziona anche da attenuatore, che ha comunque una simulazione cassa analogica, ma con la quale danno anche 16 cabinet in licenza sul loro software. Fondamentalmente una Suhr Reactive Load con molte più funzioni. Ma rispetto al Reload che limitazioni ha? Solo il reamp che non può fare perché accetta solo segnali dall'uscita speaker e la DI per pre?
  12. strano il Neunaber. Da una ditta del genere mi aspettavo un IR loader, e invece non lo fa. Non ha il thru, quindi niente segnale dalla speaker out di un ampli. Però ha l'uscita cuffie. Mi sembra più limitato di altri prodotti similari che stanno uscendo, però costa anche molto meno, pur essendo costoso.
  13. Stanno uscendo i primi prodotti dal NAMM 2017 che inizia oggi. Raccogliamo in questo thread le varie novità? Orange ha rifatto il Rocker, a mio avviso ha sbagliato il modo di farlo, ma resta un ampli che voglio provare. Sono due combo, un 15w 1x10" e un 30w 2x10" (niente coni da 12"). Niente EL34, una coppia di EL84 per il 15 e un quartetto per il Rocker 32. Hanno aggiunto un loop stereo. Lo presentano come un ampli pensato per i pedali. link Se lo avessero fatto con le EL34 e 1x12" lo avrei già ordinato, i prezzi sono molto molto buoni. PRS ha fatto l'ampli signature di John Mayer. Parlano di $6000 street. link E una linea di ampli economici chiamati Sonzera, che dai primi sample mi sembrano inascoltabili, ma magari sbaglio link Universal Audio ha fatto la Apollo twin mark II Pedaliere delle Voodoo Lab. link
  14. come suonano Skreddy Top Fuel e Mayo?

    1. Mostra commenti precedenti  1 di più
    2. evol

      evol

      Mayo spettacolare!

    3. th3madcap

      th3madcap

      Molto diversi l'uno dall'altro.
      Il Mayo è compattissimo, in linea di massima è un triangle intonato da Skreddy, è stato il mio primo big muff "serio" e l'ho amato tanto.

      Il Top Fuel è invece originalissimo, ha ben 8 transistor anzichè i classici 4 di tutti i Big Muff classici, una grana più grossolana che lo fa suonare bene anche a gain più basso con una voce che può somigliare anche al Cornish G-2. A gain alto è un Big Muff più moderno, con più medie del Mayo quindi più intellegibile.

       

    4. Marco white

      Marco white

      mi hai messo in difficoltà. Non amo i muff perché troppo cupi e non escono, ma ne ho provati pochi. E amo gli Skreddy. Stavo pensando quindi di costruirne uno. Mi sa che faccio il Mayo così da avere un muff più classico, che ne dite? Poi mi faccio lo screwdriver, che mi manca, e vorrei provare a fare l'hybrid fuzz driver. Il Lunar forse, l'ho venduto, mi manca, ma non così tanto. 

  15. Ti hanno consigliato tutti pedaloni che da quello che ho capito delle tue esigenze mi sembrano esagerati. Io spenderei la metà con un MXR Carbon Copy o con un Boss DM2w Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk