Vai al contenuto

guitarGlory

Members
  • Numero contenuti

    5546
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    26

guitarGlory last won the day on November 12

guitarGlory had the most liked content!

Reputazione Forum

1774 Excellent

Su guitarGlory

  • Rank
    Sceriffo dell'ortodossia Marshall
  • Compleanno 03/05/1973

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    un po' qui e un po' là... comunque dalle parti di Ancona
  • Interests
    musica e strumenti, fotografia, editoria

Visite recenti

8759 visite nel profilo
  1. guitarGlory

    Addicted to Mattonella

    Io ce l'ho usato per diverso tempo... ma il klon prima della mattonella non è il massimo per me, la snatura abbestia per via del buffer del klon e dell'impedenza d'ingresso del Lazy. Ma non ti resta che provare, visto che fra poco li avrai entrambi, giusto?
  2. Auguri Gianca! Regalo viola in arrivo! (... e non è la Fiorentina)

  3. guitarGlory

    Electric Swan

    Ora no, ma ce l'avrà presto... e messo al posto giusto
  4. guitarGlory

    Delay/Echo mitici e nuovi classici

    Esatto... Boonar, FTT, Belle Epoch, Memory Lane, i Fulltone a nastro, i nuovi SDD Korg... tutti delay molto belli, ma sono emulatori o reissue di vecchi delay storici. Forse le uniche due novità sono... - il Chase Bliss Tonal Recall, oltre che per le funzionalità programmabili, per tutti i vari ramping switch che possono alterare il suono e il pitch delle ripetizioni (molto sperimentali come suoni); - il DOD Rubberband, per la funzione rubberband appunto.
  5. guitarGlory

    Delay/Echo mitici e nuovi classici

    Mi sa di no, purtroppo. Non vedo molta originalità in questo campo, e soprattutto vedo pochi musicisti in gradi di far diventare "mitico" l'uso di un delay oggi... ed è questa la discriminante maggiore rispetto ai vari Echoplex, Echorec, Memory Man, 2290, Copycat, Space Echo ecc: tutti delay strepitosi intendiamoci, ma la loro fama duratura nel tempo è dovuta soprattitto ai loro utilizzatori famosi e all'uso creativo che ne hanno fatto.
  6. guitarGlory

    LIBRI, MUSICA E... CHITARRE

    Si, diversi anni fa... suonava qui proprio vicino casa, a Fano: mi ci trascinò un amico (io non lo conoscevo per niente) e ammetto di essere stato piuttosto spiazzato dalla sua "musica" Però il libro gliel'ho comprato
  7. guitarGlory

    Electric Swan

    Quello ha i giorni contati
  8. guitarGlory

    LIBRI, MUSICA E... CHITARRE

    Se potessi me li ripijerei S-T-U-P-E-N-D-O, letto qualche anno fa... uno degli imperdibili. Ecco, questo ce l'ho, ma rimando la lettura da un po'... ora ho iniziato LA STORIA DELLA CHITARRA ROCK edito da Hoepli, che credo mi terrà compagnia per un po' vista la lunghezza, ma il prox è lui
  9. guitarGlory

    LIBRI, MUSICA E... CHITARRE

    In questo periodo un po' di stanca per il forum, provo a buttar qui un tema che non mi sembra sia stato trattato, almeno da quando sono iscritto io. Quella dei libri a tema musicale, che siano romanzi, saggi, bio o volumi fotografici ecc è un'altra passione che ho da tempo, o meglio un'altra sfaccettatura della stessa passione per la musica e gli strumenti... quindi inizio io con gli ultimi tre letti, di cui uno mi ha veramente colpito. IL SUONO DEL SECOLO di Stefano Mannucci Lo stile sulle prime è un po' farraginoso, appesantito da un linguaggio forzatamente ricercato, ma lo spaccato socio-culturale in cui sono inseriti generi e personaggi della storia del rock in modo antologico mi è molto piaciuto. Questo è un libro "vero", quasi un saggio per il taglio dato dall'autore, che, a differenza delle pur divertenti raccolte "Rock Bazar" di Massimo Cotto (anche queste da leggere, ma con minor impegno, in scioltezza diciamo), e pur risentendo dei suoi gusti riguardo ai personaggi trattati, dà anche uno sguardo oltre la musica, oltre l'aneddoto. CRAZY FOR ROCK'N'ROLL di Iaia Mandolino Qui siamo di fronte a un vero e proprio romanzo... concepito come rock-bio. L'autrice è un'esordiente e il libro, molto corposo, è disponibile solo in digitale. Capolavoro per me... non voglio rovinare la sorpresa, per cui riporto solo la recensione che ho scritto per Kindle store: Uno stile fresco e coinvolgente, anzi più stili considerati i tre diversi narratori più la corrispondenza epistolare del chitarrista Adrian, supportano una trama intricata, ma comunque fluida e coinvolgente... il tutto condito da un realismo che rasenta la perfezione, anche per un appassionato conoscitore del periodo storico a cavallo tra gli anni '60 e '70 e del fermento musicale di quegli anni.Come già detto in altre precedenti recensioni, il realismo è tale da insinuare anche nella mente degli appassionati il dubbio... ma siamo sicuri che veramente non siano esistiti gli Holy Bones?Ecco, quello di cui sono sicuro è che per me - da oggi - esistono... Iaia me li ha presentati, fatti conoscere, abbiamo fatto amicizia... e anche se non potrò mai ascoltare la loro musica, da musicista a mia volta sono riuscito ad immaginarla e a viverla con piacere.Concludo con un ringraziamento all'autrice, che mi ha tenuto compagnia nell'ultimo mese... e aspetto con ansia un suo nuovo libro! Infine uno che invece non mi è piaciuto... ROCK AND RESILIENZA di Paola Maugeri Sarà lo stile eccessivamente autocelebrativo dell'autrice, autrice che per altro in radio a volte apprezzo, ma... nonostante il libro sia brevissimo (e costoso, in rapporto anche solo alla lunghezza) ho fatto sul serio fatica a finirlo. A partire già dal titolo, che è stato uno dei motivi per cui l'ho comprato, e che però si è rivelato piuttosto fuorviante: fa riferimento a un tema, quello della musica come resilienza, che qui è per lo piu pretestuoso. Forza, sparate i vostri
  10. guitarGlory

    Chitarre Maton

    Identica sensazione a quella che ho avuto io: ho provato la sua proprio qualche anno fa, durante una demo di casse amplificate x acustica... tutta sverniciata a mazzate dalle sue manone e davanti a lui (vergognandomi come un ladro per i due accordi da pezzente 😂😂😂)... non è diversa dalla produzione di serie, suona asciuttissima da spenta e molto bene da amplificata... però la verità è che è Tommy di un altro pianeta, potrebbe suonare con una scopa attaccata a un barattolo...
  11. guitarGlory

    VintageSpecs GEAR

    Che figa!!!!!
  12. guitarGlory

    Elettronica per 335

    Valori decrescenti, dal più alto al più basso: - volume neck - volume bridge - tone neck - tone bridge
  13. guitarGlory

    Elettronica per 335

    Ahahahaha!
  14. guitarGlory

    Elettronica per 335

    Ovviamente anche lasciati aperti.
  15. guitarGlory

    Elettronica per 335

    No, fino a qualche tempo fa lo facevano, ora non più. Ma a parte che ne monto un set ogni 15 giorni e finora il più basso che mi è capitato era da 490k,se sai dove metterli non è assolutamente un problema.
×