Jump to content

Luca77

Members
  • Content count

    441
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Luca77

  1. Recentemente mi sono ricomprato un ampli Gibson GA30RV dagli Stati Uniti. Quello che ho avuto in passato aveva il trasformatore di alimentazione con primari multipli, quindi la conversione da 110 a 220 volt era stata molto semplice. Questo invece ha un trasformatore Demeter Windings (produttore inglese che a quanto ho capito forniva/fornisce trasformatori OEM anche a Trace Elliot, Orange, ecc) che lavora solo a 110V. Al momento sto usando un trasformatore esterno, ma è grosso e pesante. Stavo pensando quindi di cambiare il trasformatore di alimentazione. Mojotone ha su reverb.com un modello identico a quello che avevo sul primo ampli, ma mi dicono che possono spedire solo negli USA. Contatto Demeter Windings? ci sono alternative più pratiche e/o migliori? Il trasformatore di alimentazione influisce sulla qualità del suono, o è meno critico rispetto al trafo di uscita?
  2. ok grazie, proverò a contattarli.
  3. Luca77

    stratocaster da spenderci sui 5/600

    Io ho bei ricordi della vecchia serie Classic made in mexico (avevo una Classic 60, sunburst, mio fratello ne aveva un'altra lake placid blue). Le Classic 70 non le ho mai provate, ma se la qualità della serie erano quelle potrebbe non essere male. Le classic 70 avevano manico con profilo ad U (e body in frassino)
  4. Luca77

    Pickup da manico tele su strato

    il pickup tele è un po' più piccolo (sia in lunghezza che in larghezza) dei single strato, ammesso che i fori per le viti coincidano (e non ne sono sicuro), il pickup ballerebbe un po' nello scasso del battipenna. io per una strato HSH che mi ero assemblato avevo usato per motivi estetici un pickup lipstick (insieme ad un Jb ed un Jazz cromati). A me il risultato piaceva, ma ovviamente suona un po' diverso da un single strato
  5. Il corriere mi ha appena consegnato una chitarra. Cioè, non una chitarra a caso. Mi ha appena consegnato l'RD Artist che avevo venduto 5 anni e 8 mesi fa (pentendomene quasi subito). Proprio la stessa, ricomprata dalla stessa persona a cui l'avevo venduta allora. E niente, per questo pomeriggio sono contento come un bambino a Natale 🙂 

    1. jettojet

      jettojet

      Bella storia, hai fatto bene a riprenderla allora!!

    2. evol

      evol

      HAI FATTO BENISSIMO!

       

  6. ho comparto un set usato di fender 51 nocaster, ma il pu al ponte misurato al tester mi dà 6.68k invece dei 7.3k indicati nelle specifiche... può esserci una tale tolleranza o ho preso un'inculata?

     

    1. Show previous comments  2 more
    2. AlbertoDP

      AlbertoDP

      Entrambe le cose, tolleranza e tester possono influire! Il suono non cambia 😉

    3. effeelle

      effeelle

      http://www.lollarguitars.com/blog/2010/04/temperature-and-guitar-pickup-dc-resistance/

    4. Luca77

      Luca77

      ottimo, grazie. 

  7. Luca77

    Non tutto ma di tutto

    Duncan P-rails, con due pot push-pull (o con il suo pickup ring Triple Shot): quattro suoni in un pickup.
  8. Luca77

    Ho provato una bella Firebird a Firenze

    il p90 è grande come un mini hb con la sua cornicetta, su una les paul la sostituzione funziona perchè anche la cornicetta entra nello scasso: nelle firebird invece lo scasso è a misura di mini hb, e la cornicetta è avvitata sul legno, quindi il p90 così com'è non ci entra:
  9. Luca77

    Sondaggione scelta chitarra!

    mjt è una chitarra intelligente e dall'ottimo rapporto qualità prezzo... ma alla fine è sempre un assemblato, non la vedo tanto come chitarra "da regalo". Les Paul BFG mi fa un po' "Lp vorrei ma non posso" Lawsuit: ai prezzi che hanno raggiunto secondo me non vale più tanto la pena, e non è che siano tutte eccezionali. Sulle Strato american special non mi pronuncio perchè no le conosco. Ma anche tra le tanto vituperate american standard di qualche anno fa si possono trovare chitarre che suonano come si deve. Io, per gusto personale, punterei una Gibson Les Paul Special anni 90 (quelle con P90 e binding). Erano belle chitarre, fatte e finite, non un ripiego economico come alcune serie venute dopo.
  10. Luca77

    Gibson Duemiladiciannove

    non so se quella linkata sia una pagina-test o altro, perchè infatti partendo dalla home di gibson.com, non c'è ancora traccia dei prodotti 2019...
  11. Luca77

    Melting Pot ! - demo -

    la chitarra mi piace, sia esteticamente, sia per come suona nel video. Andrea, tanti anni fa, è stato il mio maestro di chitarra 🙂 oltre a suonare super bene, è anche proprio bravo come insegnante (e le due cose non è detto che coincidano) (io invece sono un pessimo allievo, ma questo è un altro discorso)
  12. Luca77

    Manico in palissandro dagli usa

    sorry, mi era sfuggito questo
  13. Luca77

    Manico in palissandro dagli usa

    warmoth li fa, e penso spediscano ovunque http://www.warmoth.com/Pages/ClassicShowcase.aspx?&Body=1&Shape=1&nScale=302&nWood=55&Path=Strat
  14. Per le mie pedalierine domestiche uso già da un sacco di anni un power bank, da prima ancora che uscissero quelli dedicati per chitarra come il Volto o l’Eneloop pedal juice. Infatti quello che usavo non era pensato per i pedali, e mi ero dovuto fare un cavetto custom per adattarlo all'uso (i 9 volt uscivano con positivo centrale, e con un jack più piccolo rispetto allo standard boss). Una cosa che non mi piaceva molto di questo sistema era il fatto che mi costringeva ad usare una daisy-chain, con in più alcuni adattatori (nella versione più recente della mia pedaliera un paio di pedali hanno alimentazione a mini-jack, ed in più ho un vecchio ibanez AD80 che va a 18 volt, per il quale avevo bisogno di un ulteriore adattatore, il power-all iso-pump), tutti questi cavetti e adattatori creavano un sacco di disordine, ed in più il mio power bank non indica lo stato della carica… dovevo tirare un po’ a indovinare. Quando sono usciti i prodotti dedicati di cui sopra, ogni tanto mi veniva voglia di fare un upgrade... ma gli altri alimentatori ricaricabili non è che mi offrissero molto in più rispetto al mio in termini di uscite o prestazioni. L'unica cosa che avevano in più erano i led che indicano lo stato della carica. Di contro, il mio power bank a suo tempo l'avevo pagato una trentina di euro, spedito dalla Cina. Quindi me l'ero tenuto. Qualche giorno fa invece sono ri-capitato quasi per caso sul blog di Matteo Paiato, un ragazzo che avevo conosciuto ai tempi di laster.it, che vive e lavora in Cina, e che mi ha fatto scoprire questo Boxking Pedal Power: http://www.boxking.net/h-pd-9.html#_jcp=2 13600 mAh (quattro moduli da 3400 mAh) 8 uscite a 9v (2000 mA) 1 uscita 12v (1000 mA) 1 uscita 18/24v (450 mA) Ne ho ordinato uno su amazon per 88,49 euro spedizione inclusa mercoledì scorso. Amazon stimava 3/4 settimane per la consegna, invece in 6 giorni mi è arrivato. La confezione è ben curata, l'alimentatore ha un feel solido (è in alluminio)... insomma, non la solita cinesata. Nella confezione ci sono il caricatore, cavetti standard (in teoria 8, io ne ho trovati 10!) e tre cavetti per invertire la polarità. PIccola pecca: i cavetti hanno tutti jack a pipa, se si usano tutte le uscite sul pedal power ci stanno un po' stretti. E non sarebbe stato male mettere anche qualche variante (tipo mini-jack o adattatori per atacco pila 9v). Io avevo un po' di cavetteria di altri alimentatori, e così ho potuto collegare - finalmente con un discreto ordine - anche il Rat (mini jack), l'AD-80 (mini jack a 18 volt) e il Dist+ (adattatore per batteria 9v). Non so se mi affiderei ad un alimentatore ricaricabile per una pedaliera più popolata, e/o se suonassi in giro per locali. Ma visto che non è il mio caso, la trovo una soluzione comoda e pulita per una "pedaliera light". Insomma, sono contento dell'acquisto A margine, segnalo che boxking fa anche delle pedaliere simil-pedal train che hanno uno o due (a seconda delle dimensioni della pedaliera) di questi alimentatori direttamente integrati nella struttura: http://www.boxking.net/h-col-103.html Questa, invece, è la mia pedalierina domestica ricaricabile:
  15. Luca77

    BoxKing Rechargeable Pedal Power

    è più piccolo degli alimentatori che ho nelle altre due pedalboard (un Joyo JP-02 e uno Yankee PS-m2) in che senso? tu alimenti ogni pedale con un singolo alimentatore dedicato? in saletta col setup "pesante" lascio ampli e pedalboard sempre collegati ad una ciabatta con interruttore, ma a casa nell'angolino dove suono ho una presa sola, con questo alimentatore ricaricabile evito di dover tutte le volte prendere prolunga e ciabatta per collegare il tutto. In più l'impianto a casa mia non è il massimo e introduce ronzii ovunque. Con questo i pedali sono isolati dalla rete, e quindi più silenziosi. Sulla durata, suonando poco a casa, con il power bank precedente passavano settimane o mesi tra una ricarica e l'altra, e questo ha una capacità ancora maggiore.
  16. Luca77

    BoxKing Rechargeable Pedal Power

    prima e terza domanda non so, seconda domanda: sì, in caso di batteria scarica si può utilizzare mentre lo si ricarica
  17. Luca77

    Accordatore a pedale

    alcuni accordatori (mi vengono in mente il boss TU-3 e il fender PT-100) hanno due uscite, una silenzia la chitarra durante l'accordatura, l'altra no.
  18. Avrei bisogno di aiuto da parte dei tecnici del forum. Ho da pochi giorni un marshall jmp 2204 del 1977. Il selettore dell'impedenza è stato sostituito con un mini switch a due vie, che permette di scegliere solo tra 4 e 8 ohm. I primi giorni non mi ero ancora procurato una cassa, quindi avevo solo fatto una prova veloce collegandola al cono da 8 ohm di un combo, giusto per testare che funzionasse tutto. Ora mi sono procurato una cassa marshall 1960a e l'ho provata in due modi: - ampli settato ad 8 ohm, switch cassa su stereo (e quindi solo due coni, ad 8 ohm). Tutto ok, il suono mi sembrava figo. - metto la cassa in mono, entrata 4 ohm, e mini-switch ampli a 4 ohm: meno volume, suono più spompo, meno attacco. Spengo subito e rimetto tutto come sopra. Foto della mia testata: cercando su internet ho trovato questa (riferita però ad un marshall JMP 50 Lead 1987 del 1974): ora, se i colori della foto qui sopra sono corretti, quelli dello switch della mia testata sono sbagliati: - dove il mini-switch dice 8 ohm, in realtà sono 4 (cavetto giallo più viola): quindi se è così suonavo con la testata settata a 4 su casse a 8 ohm - dove il mini-swich dice 4, in realtà sono 16 (cavetto grigio): in questo caso avevo la testa settata a 16 su cassa a 4 (non buono, ma - nel caso - non è durato più di un minuto). Rifare un paio di saldature non sarebbe un problema, anzi, potrei approfittarne per ripristinare il selettore per tutte e tre le opzioni... però vorrei capire se c'è un modo sicuro per capire quale cavetto corrisponde a quale impedenza. In caso contrario mi sa che dovrò portarlo da un tecnico.
  19. quindi compro uno di questi: e ricollego i cavetti così?
  20. sì, l'idea era ripristinare il suo switch. Però voglio essere sicuro di quale sia il codice colori corretto per i cavetti delle varie impedenze
  21. Luca77

    Luca 77

    Finalmente mi decido anch'io a inaugurare la mia pagina "gear", approfittando dell'arrivo - proprio oggi - di un giocattolo cui facevo la posta da un po'. Ne approfitto anche per abbandonare il vecchio nick "Asbel77" che mi accompagnava da quando ho iniziato a frequentare siti musicali qualche anno fa, ma che ormai già da un po' mi faceva abbastanza cacare. Ma veniamo a noi, con una bella foto di gruppo: Gibson Les Paul Standard - ebony - 1977 Venduta - pickups Seymour Duncan P-Rails (con due push-pull, per quattro combinazioni: hb serie - hb parallelo - P90 - single) - accordatore N-Tune on board - meccaniche Tone Pros Kluson Gibson Les Paul Standard - tobacco sunburst - 1977 (vedi anche qui) - pickups Lindy Fralin Unbuckers, splittabili - ponte abr, stop tail e kit bloccante Faber in alluminio - meccaniche Grover Vintage 135N stile kluson Fender/Warmoth Jazz-o-caster Venduta assemblata con: - manico Fender Jazzmaster anni 70, con decal "Stratocaster" - body Warmoth hard tail - ponte Hipshot Hardtail - Humbuckers Häussel VinA2 - GFS Pro-Tube Lipstick Ampli: - Vox AC30/6TB (made in uk, versione coi celestion greenback) venduto - Fender Champ 12 (amplino domestico, due canali, cono da 12, single ended con una 6L6) venduto - Gibson Goldtone Ga15rv 15 watt (2 EL84) Pedalierina: Aggiornamento maggio 2011: Gibson RD Artist - 1979 Venduta Aggiornamento autunno 2011: - Ampli: Gibson Super Goldtone GA-30rv - Chitarra: Fender Stratocaster 1977 Venduta Aggiornamento primavera/estate 2014: Gibson Rd e Strato'77 vendute, new entry: - 1977 Les Paul Custom
  22. Luca77

    Luca 77

    per i quarant'anni (compiuti ieri) mi sono regalato la terza les paul del 77. Stavolta cherry, tutta originale e in condizioni quasi mint. Ormai non suono praticamente più, mi sto dando al piccolo collezionismo spicciolo Made in 1977: le Les Paul norlin non sono certo le migliori Les Paul mai costruite, ma il sunburst ripreso anche su back, manico e paletta secondo me è fighissimo, e chissene di se e come suonano
  23. Luca77

    un solo effetto a 18v

    Un godlyke Iso Pump? http://www.godlyke.com/power-all/godlyke-power-all-accessories/iso-pump-voltage-converter
  24. Luca77

    Registrazione + POD + (Scheda Audio)

    dovresti poter usare qualunque programma... comunque se la compri nuova c'è incluso Cubase LE
×