Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'maestro'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Radio Chitarra: Istruzioni per l'uso e presentazioni
    • OFF: MANIFESTO DEL FORUM
    • 900Mhz: Radio Chitarra Siamo Noi!
    • 900Mhz: Info dalla Regia
    • 999Mhz: WikiRadio
  • In onda su Radio Chitarra ...
    • 100Mhz: Radio Chitarre
    • 100.5Mhz Radio Acustica
    • 101Mhz: Radio Amplificatori
    • 102Mhz: Radio Effetti
    • 105Mhz: Radiocronaca
    • 118Mhz Radio Wave
    • 155Mhz: Radio Elettra
    • 160Mhz: Radio Recording
    • 190Mhz: Giornale Radio
  • Radio Mercato: The GAS Station
    • 400Mhz: Mercato Chitarre
    • 401Mhz: Mercato Amplificatori
    • 402Mhz: Mercato Effetti
    • 403Mhz: Mercato Varie
    • 404Mhz: Archivio Mercatino
  • MyRadioSpace
    • 300Mhz: Radio Gear
    • 301Mhz: Bande Radio
  • Media Radio
    • 201Mhz: Radio Cultura
    • 200Mhz: Radio Scantinato
    • 202Mhz :Radio Extrema
  • Radio Didattica
    • 500Mhz: Lezioni
    • 501Mhz: Suonare nello stile di ...
    • 502Mhz: Radio Jam

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 5 results

  1. guitarGlory

    MAESTRO ECHOPLEX EP-3

    Da grande appassionato di delay-echo, di Jimmy Page e di vecchiume elettronico/musicale, non poteva mancare nella mia piccola collezione questo gioiello: il Maestro ECHOPLEX EP-3. Per dirla tutta, ne ho anche un altro, ma non trovo mai il tempo di mettermi a cercare i pezzi originali per sistemarlo e sono anni ormai che giace lì in attesa. L'EP-3 è la prima incarnazione senza valvole dell'echo a nastro per eccellenza degli anni '60 e '70, e a sua volta di questa versione a transistor ne esistono 3 ulteriori versioni (lasciando fuori i successivi EP-4 e Sirecko) che differiscono tra loro in pochissimi componenti e valori nel circuito del preamp integrato... il quale preamp, essendo sempre attivo anche a ripetizioni spente e colorando/boostando il suono in maniera così caratteristica e piacevole, è quello che ha reso l'EP-3 così apprezzato rispetto ad altri delay simili e più o meno coevi. Da un punto di vista collezionistico la prima versione a transistor è la più ricercata tra tutti gli Echoplex, anche perché molti dei più grandi chitarristi l'hanno utilizzato: Jimmy Page, Eddie Van Halen, Brian May (che ne aveva alcuni modificati come in foto sotto, per avere ritardi più lunghi), Eric Johnson ecc ecc. La buona notizia è che, con due semplici modifiche, si possono convertire tutti i preamp delle incarnazioni successive al primo EP-3, rendendoli di fatto identici alla prima versione Come si vedrà nel video, l'apparecchio durante questa demo è fuori dal suo box... è stata necessaria una giornata bella piena di lavoro, per fare quella che con gli echo a nastro possiamo considerare "ordinaria manutenzione" (non proprio tutti, ma molti punti andrebbero ripetuti giornalmente o quasi, mentre altre operazioni andrebbero fatte comunque ogni 6 mesi - 1 anno, a seconda dell'uso): - allineamento testine; - sistemazione del braccetto tensionatore del nastro; - lubrificazione di tutte le parti in movimento e della cartuccia (è decisamente silenzioso, ascoltate all'inizio del video, con il telefono a 2 centimetri non si sente nulla); - pulizia di tutti i residui di nastro su testine, capstan, pinch roller ecc; - refill della cartuccia con nastro lubrificato, di spessore adatto e nel range di bias giusto; - smontaggio e rimontaggio (allineato bene) del motore sospeso; - regolazione del bias delle testine e del bias-trap per il sustain level. In aggiunta ho modificato quei pochi componenti del preamp, come detto sopra, per renderlo identico alla prima versione. Mi manca ancora la smagnetizzazione delle testine e di tutte le parti metalliche, ma devo comprare uno smagnetizzatore di potenza giusta e magari un magnetometro per verificare il corretto funzionamento. Complessivamente, comunque, era in buone condizioni, nonostante il funzionamento fosse approssimativo (bias sballatissimo, nastro sbagliato ecc ecc): non c'erano parti ossidate o non funzionanti, e anche il box esterno e il footswitch originale sono perfetti. Il funzionamento è a 110V/60Hz, come a maggior parte degli Echoplex, e si può usare tranquillamente con un semplice ed economico stepdown transformer 220/110 da 100w, guadagnando anche qualche millisecondo di ritardo massimo rispetto agli 800ms standard, a causa della ridotta velocità di rotazione del motore a induzione con la nostra freq di corrente (50Hz). Dopo la cura, l'EP-3 è esattamente quello che deve essere: il miglior echo a nastro ad uso chitarristico! Il preamp è capace di spingere in leggera saturazione un ampli clean, con con un suono disarmante, fluido, levigato sotto le dita. Le ripetizioni possono essere decise e crunchose anch'esse, oppure soffici ed eteree, quasi un alone intorno alle note, ma sempre controllabili con la dinamica della pennata o delle dita. Per fare il confronto con il "Transistor Tape" della Helix, l'EP-3 è inserito in un looper che dà comunque la possibilità di bypassare le sole ripetizioni, in modo da usare il suo caratterizzante preamp anche con il tape echo simulato della Helix (senza sarebbe stato troppo imbarazzante): vi dico subito che il confronto è comunque improponibile, nonostante abbia cercato di avvicinarlo il più possibile come tempo di ritardo e wow-and-flutter... il suono che esce dall'Echoplex è spesso e denso, con più dinamica... riempie, anzi satura la stanza... quello simulato è sì usabile ma, appunto, un pallido simulacro. Il tutto entra nell'ingresso plexi della Bitch, settato quasi comletamente clean... a mandarla in crunch è il preamp dell'EP-3 Gustatevi il video e perdonatemi gli inciampi verbali e musicali... era la confusione tipica da sindrome di Stendhal di fronte a questo capolavoro!
  2. Nanker_Phelge

    Insegnante chitarra a Milano

    Ciao a tutti! Dopo un lungo periodo di inattività ho ripreso in mano la chitarra e ho finalmente deciso di prendere lezioni...nel frattempo però mi sono trasferito a Milano e, non conoscendo la città (son qui da meno di sei mesi), non saprei da chi andare. Potete suggerirmi qualche nome? Cerco un insegnante che abiti in centro (non oltre l'anello delle tangenziali ma molto meglio se fosse nella cerchia dei bastioni), flessibile negli orari (la sera o il weekend) e non esoso Preciso che partirei dalle basi, sono sempre stato autodidatta (senza troppa costanza). Grazie in anticipo a chiunque possa darmi una dritta!
  3. Ho questo Fuzz,acquistato dagli Junaitid Steits e due domande per voi: -da chi posso farci mettere le mani? voglio sostituire il cavo-jack nativo che è messo male e farlo controllare (oltre a saldare il filo dissaldato) per verificare se necessiti di restauro. Faccio una cazzata inoltre a sostituire il cavo? -c'è un modo per risalire all'esatto anno di produzione?
  4. Max_KrazyKat

    un maestro in casa Matthews

    e questo come sarà??? La EHX mi fa morire.... non si fermano mai http://www.ehx.com/products/satisfaction
  5. Sto andando in fissa con questi due fuzzoni (la verità è che sono in fissa con tutto quello che fuzza e spernacchia) Sapete consigliarmi un clone decente sotto i 150 euro? sarebbe il massimo se fosse un costruttore italiano! Che differenza c'è tra fz-1 e fz1-A? (dan_abnormal questa è sicuramente una domanda a cui sai rispondere)
×