Jump to content
PinkFlesh

DSM & Humboldt SIMPLIFIER: zero watt amp

Recommended Posts

Già passato tra le mani di Pete Thorn e "Burger"

 

 

 

Frutto della collaborazione di due aziende cilene (DSM Noisemaker e Humboldt Electronics) e concettualmente simile a Strymon Iridium (sceltra tra 3 preamp Vox/Fender/Marshall), ma molto diverso nella parte power amp (qui separata) e cab, che rappresenta la differenza più marcata.

In effetti fa impressione vedere nel 2020 un prodotture che offre ancora una simulazione analogica del cabinet e non basata su IR.

https://www.simplifieramp.com/

 

Prezzo di listino 340€.

Opinioni, soprattutto in relazione a Iridium?

 

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sembra molto interessante...avevo chiesto lumi sul Simplifier agli esperti del forum in una mia discussione di Gennaio in cui chiedevo consiglio su soluzioni per suonare in diretta nel PA. Io per il momento ho scartato soluzioni digitali tipo Iridium, HX-Stomp etc... vorrei provare a mantenere la mia pedaliera usando un aggeggio tipo questo Simplifier o l'Ampster della Carl Martin che però sembra non uscire più (sono mesi che aspetto...)...sono curioso di fare un tentativo restando in analogico prima di "arrendermi" ai tempi moderni :sorrisone:

 

Curioso di sentire le vostre impressioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quello di voler restare per forza totalmente in analogico/valvolare, è un errore che fa perdere grosse opportunità. Come quei giornali che si sono ostinati a rimanere attaccati al cartaceo non curando l'online: sono spariti. 

 

Io tra i due sento ancora una punta di realismo in più sull'Iridium, e Iridium non ha niente di analogico al suo interno. È una scatoletta metallica con uno o due DSP e una simulazione di cassa basata su un file .WAV.

Anche il dimostratore del terzo video (John) dichiara di aver restituito il Simplifier a Andertons perché preferiva comunque Iridium, lo sentiva più amp-like.

Ormai la tecnologia è arrivata a un punto tale, che quella di restare aggrappati con le unghie e con i denti all'analogico è più una nostra fisima mentale da chitarristi cresciuti col mito dei 100W valvolari, che non una necessità supportata da fatti concreti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 11/7/2020 at 13:38, PinkFlesh dice:

 

 

 

Ho ascoltato un po tutti i video. In particolare, dai commenti su questo qui sopra emerge un bel problema: il segnale generato dal volume e dal gain del preamp può facilmente generare clipping in entrata al return, soprattutto con regolazione volume da ore 12 in su, utilizzando il simulatore brit e quello AC (che hanno più gain dell'american). La casa produttrice interviene nei commenti e risponde che questo non è un difetto del prodotto, ma una scelta progettuale, e che il clipping può evitarsi in vari modi come per esempio: regolare prima il gain e poi il volume; non superare ore 12 con il volume sui simulatori brit e AC quando usati con più gain; ridurre il segnale di entrata nella PA o nella scheda audio.

Per il resto i commenti sulle altre features del Simplifier sono abbastanza concordi in positivo. Ma personalmente mi basta il rischio clipping per scartarlo: se il S&R, che dovrebbe essere un punto a favore di questo pedale rispetto ad altri simili, diventa un limite, meglio cercare altro.  Non è che poi io ci vada pazzo nella simulazione degli ampli, tutt'altro. Ma mi trovo quasi sempre a provare in sale in cui non si trova un ampli decente e, magari, un preamp con cabsim credibile potrebbe darmi la possibilità di andare direttamente con la pedaliera nel mixer. Continuiamo a cercare ....

Share this post


Link to post
Share on other sites

non credo che quando si parli di bypassare l'ampli fisico esista qualcosa di meglio del digitale. e' inutile cercare qualcosa che non esiste. io piuttosto che prendere questo coso comprerei una ge200...se volessi spendere di piu un iridium con annessi pedali personali.

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 ore fa, The Rover dice:

 

Ho ascoltato un po tutti i video. In particolare, dai commenti su questo qui sopra emerge un bel problema: il segnale generato dal volume e dal gain del preamp può facilmente generare clipping in entrata al return, soprattutto con regolazione volume da ore 12 in su, utilizzando il simulatore brit e quello AC (che hanno più gain dell'american). La casa produttrice interviene nei commenti e risponde che questo non è un difetto del prodotto, ma una scelta progettuale, e che il clipping può evitarsi in vari modi come per esempio: regolare prima il gain e poi il volume; non superare ore 12 con il volume sui simulatori brit e AC quando usati con più gain; ridurre il segnale di entrata nella PA o nella scheda audio.

Per il resto i commenti sulle altre features del Simplifier sono abbastanza concordi in positivo. Ma personalmente mi basta il rischio clipping per scartarlo: se il S&R, che dovrebbe essere un punto a favore di questo pedale rispetto ad altri simili, diventa un limite, meglio cercare altro.  Non è che poi io ci vada pazzo nella simulazione degli ampli, tutt'altro. Ma mi trovo quasi sempre a provare in sale in cui non si trova un ampli decente e, magari, un preamp con cabsim credibile potrebbe darmi la possibilità di andare direttamente con la pedaliera nel mixer. Continuiamo a cercare ....

 

Si, avevo letto per sommi capi la storia del send/return che satura facilmente e la risposta del produttore che sostiene non sia un difetto progettuale e che si può evitare con qualche accorgimento.

A me interessa fino a un certo punto perchè un pedale del genere lo terrei sempre in clean, abbinato ai miei pedali preferiti a monte. Quel che mi importa è come suona.

Sicuramente è da valutare, soprattutto se ne trovi uno usato, ipotizziamo a 250-240€, e non vuoi/puoi dissanguarti economicamente con soluzioni ben più costose. Ci metti un Simplifier e passa la paura. Anche come dimensioni non è troppo impegnativo, sembra un MXR coricato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Occhio anche a un'altra questione: una volta inserito in catena non mi pare si possa bypassare, non avendo switch apposito. Il che significa che se lo monti in pedaliera lo avrai sempre attivo, qualsiasi siano i suoi settaggi. A quel punto vai dritto in PA senza passare dal via. E lì, pur con l'handicap del clipping dietro l'angolo, può dire la sua.

 

1 ora fa, gigixl84 dice:

non credo che quando si parli di bypassare l'ampli fisico esista qualcosa di meglio del digitale. e' inutile cercare qualcosa che non esiste. io piuttosto che prendere questo coso comprerei una ge200...se volessi spendere di piu un iridium con annessi pedali personali.

 

Concordo. Ma, a quel punto, con 40 euro in più forse vale la pena prendere una roba tipo Line6 PodGo, e c'hai mille opzioni in più con peso e ingombro estremamente ridotti ...

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, The Rover dice:

Occhio anche a un'altra questione: una volta inserito in catena non mi pare si possa bypassare, non avendo switch apposito. Il che significa che se lo monti in pedaliera lo avrai sempre attivo, qualsiasi siano i suoi settaggi. A quel punto vai dritto in PA senza passare dal via. E lì, pur con l'handicap del clipping dietro l'angolo, può dire la sua.

 

 

Concordo. Ma, a quel punto, con 40 euro in più forse vale la pena prendere una roba tipo Line6 PodGo, e c'hai mille opzioni in più con peso e ingombro estremamente ridotti ...

 

Beh, se lo monti in pedaliera, è sicuramente per entrare in un PA/mixer. Se devi comunque scarrozzarti l'ampli e poi microfonarlo, che lo prendi a fare?! 🤣

Il vantaggio di questo pedale rispetto ad altri simili tipo Iridium, è che avendo il S/R, puoi bypassare la simulazione del power amp e della cassa, e entrare nel finale di un ampli per chitarra o in una cassa FRFR. Viste le difficoltà di molti nel passare al digitale (è plasticoso, non ha botta, è inscatolato, suona diverso), avere il tuo ampli e la tua cassa alle tua spalle, sapendo comunque che al PA arriva esattamente quel suono che ti sei creato a casa, quello lì, identico, sempre uguale ovunque stai suonando, per i puzzacchioni delle valvole che rimpiangono il loro V30 spinto da un quartetto di EL34 potrebbe essere un bel vantaggio in un contesto live.

 

 

Simplifier_connections-03_1024x1024.png?

 

71295693_1987953171305683_27131586379115

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, PinkFlesh dice:

 

Beh, se lo monti in pedaliera, è sicuramente per entrare in un PA/mixer. Se devi comunque scarrozzarti l'ampli e poi microfonarlo, che lo prendi a fare?! 🤣

Il vantaggio di questo pedale rispetto ad altri simili tipo Iridium, è che avendo il S/R, puoi bypassare la simulazione del power amp e della cassa, e entrare nel finale di un ampli per chitarra o in una cassa FRFR. Viste le difficoltà di molti nel passare al digitale (è plasticoso, non ha botta, è inscatolato, suona diverso), avere il tuo ampli e la tua cassa alle tua spalle, sapendo comunque che al PA arriva esattamente quel suono che ti sei creato a casa, quello lì, identico, sempre uguale ovunque stai suonando, per i puzzacchioni delle valvole che rimpiangono il loro V30 spinto da un quartetto di EL34 potrebbe essere un bel vantaggio in un contesto live.

 

 

Simplifier_connections-03_1024x1024.png?

 

71295693_1987953171305683_27131586379115

"quel suono"? il segnale entra nel coso che puo finire contemporaneamente in un mixer e in un finale valvolare. come fa ad essere "quel suono"? per me e' no. non credo in soluzioni ibride di questo tipo. puoi portarti a spasso l'ampli? suona l'ampli. l'ampli pesa? digitale, stop. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Un attimo Gigi, forse non mi sono spiegato! :lol:

"Quel suono" nel senso di "il suono che ti creato a casa e che ti piace, e che poi uscirà dal PA indipendentemente dal fonico o dal service che hai quella sera, indipendentemente che sei in una piazza affollata, al pub davanti davanti a 30 anime, o al teatro comunale". Certo, quello che sentirai tu sul palco sarà diverso rispetto a quello che esce dal PA, ma è proprio quello il vantaggio. Avere la pacca del tuo ampli, quello di cui molti sentono la mancanza passando al digitale.

Sono il primo a dire che digitale è sinonimo di praticità: o una spia, quella che trovi sul palco e ti dà il service, o un paio di in-ear. Con me sfondi una porta aperta in tal senso ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, PinkFlesh dice:

Beh, se lo monti in pedaliera, è sicuramente per entrare in un PA/mixer. Se devi comunque scarrozzarti l'ampli e poi microfonarlo, che lo prendi a fare?! 🤣

 

Permettimi, ma non è esattamente così. Forse ero stato poco chiaro. Provo a spiegarmi meglio facendo un esempio.

Monti uno Strymon, o un Neunaber, così come i più economici Mooer Preamp, Joyo etc. in catena nella pedaliera e magari puoi anche scegliere di bypassarli: quella pedalboard, una volta assemblata, funzionerà con il Preamp/Cabsim, ma anche senza.

La usi in una sala prove o in un live con un buon amplificatore? Spegni il Preamp/Cabsim e tutto va come sempre è andato.

La usi in un ambiente privo di un amplificatore che ti aggrada? Accendi il Preamp/Cabsim e vai diretto in PA.

Insomma, la pedalboard avrà molta più flessibilità d'uso.

Il Simplifier installato in pedaliera, invece, te lo becchi sempre acceso, non c'è niente da fare! A meno di non smontarlo e riassemblare il tutto.

Ad ogni modo, non voglio e non mi interessa screditare o lodare alcun prodotto tra quelli sui quali stiamo discutendo qui e in analoghi topics. Semplicemente, cerco di condividere con voi le mie impressioni, quel che leggo e quello che ascolto. Ma non vorrei ci fossero equivoci su quel che scrivo.

Detto questo, è sempre più probabile che Simplifier, Strymon, Neunaber e compagnia, per l'idea che mi sto facendo in rapporto alle mie necessità, restino tutti a riposare nei loro magazzini! 😉

Share this post


Link to post
Share on other sites
10 ore fa, The Rover dice:

Il Simplifier installato in pedaliera, invece, te lo becchi sempre acceso, non c'è niente da fare! A meno di non smontarlo e riassemblare il tutto.

 

Chiaro. Chiarissimo.

E' la stessa cosa che accade col nuovo Torpedo CAB M, che molti pensano essere un upgrade rispetto al primo Torpedo CAB, invece è un downgrade a tutti gli effetti, perchè sprovvisto di footswitch e di MIDI. Non solo non puoi più collegarlo a un controller MIDI per pilotarlo insieme agli altri pedali, ma non puoi nè cambiare simulazione di cassa agendo sul pedalino, e tanto meno bypassarlo. Resta sempre acceso, fisso su quel setting.

Il Simplifier è lo stesso.

 

Io sono un po' in fissa da Iridium ultimamente, tanto che mi sta venendo la malsana idea di fare fuori il Kemper. In fondo pedali ne ho più di certi negozi di musica, li infilo tutti dentro l'Iridium e fine. Anzichè scorrere profili sul Kemper. Tanto con una simulazione Fender, una Marshall e una Vox, copro il 90% della musica mai prodotta, non mi servono 200 amplificatori a disposizione...vedremo sul da farsi, magari è solo la calura estiva che mi fa sragionare :grin:

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla fine non era solo calura estiva...😀

 

 

Comunque, han da poco tirato fuori la versione Deluxe (DLX) del pedale che include un secondo canale e una selva di manopole in più.

https://www.simplifieramp.com/

https://www.thomann.de/it/dsm_humboldt_simplifier_dlx_amp_cab_sim.htm

Il problema è che uscire nel 2021 con un pedale del genere che usa ancora la simulazione di cassa analogica come negli anni '90, è davvero dura, e i limiti della tecnologia si sentono...

Se quello è un AC30 o un crunch Marshall, io sono una trans lesbo queer poliamoros*

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×