Jump to content

PinkFlesh

Members
  • Content count

    351
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

PinkFlesh last won the day on October 16 2019

PinkFlesh had the most liked content!

Community Reputation

62 Excellent

About PinkFlesh

  • Rank
    Accarezzatore delle 6 corde (ma a volte anche solo 5)

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Sicilia

Recent Profile Visitors

594 profile views
  1. PinkFlesh

    NAMM 2020

    La cosa più bella di questa demo è senza ombra di dubbio il divanetto Mini Moog-style Per il resto, si conferma la mia idea, ovvero che la parola d'ordine per i produttori di ampli e pedali da qui ai prossimi 3-5 anni sarà "cab simulator". Puntano tutti in quella direzione.
  2. PinkFlesh

    Elogio del Diamond Compressor

    Sempre detto che è un ottimo comp, silenzioso e molto musicale. A me è piaciuto da subito, alla prima nota. Uno di quei pedali che si sente più da spento che da acceso, e a cui non rinuncerei mai. Auro hai anche tu la versione nel box grande quadrato?
  3. 10-15 anni fa il passaparola e l'hype erano limitati ai forum, e non erano certo moltissimi quelli che navigavano. Uno comprava un pedale, gli piaceva, caricava un sample, piaceva anche ad altri, lo prendevano altri 3 o 4 utenti, e si era creato il fenomeno. Ma era una cosa limitata a quelle 20-30 teste che navigavano assiduamente sul forum. Oggi ci si sono messi di mezzo Youtube e gli youtuber, e il parco clienti che muovono quelli di That Pedal Show, insieme a Rabeea Massad, Guitarist, Pete Thorn, e altri canali specializzati è enorme. Non parliamo di 20-30 utenti concentrati in una specifica regione geografica, ma di migliaia di potenziali clienti sparsi per tutto il pianeta. Quindi si, l'hype c'è ed è innegabile, ma se tu oggi fossi un produttore di pedali, un professionista e non uno di quei ragazzetti che su MM scrive "Realizzo clone OCD con caps NOS a 35€", la prima cosa che faresti non è farti recensire da That pedal Show?
  4. PinkFlesh

    NAMM 2020

    @Tilt ma fai parte dei 3200 che hanno fatto il pre-order?
  5. PinkFlesh

    Keeley Super Phat Mod Germanium

    Solo per precisare che la modifica H2O di cui parli, la fa Monte Allums e non Analogman. https://www.monteallums.com/pedal_mods_BD2.html Lo so perchè ho il kit H2O Plus che ancora aspetta di essere montato Vediamo se questo l'anno buono...ce l'ho dal 2015 o 2016 forse. Fortuna che gli elettrolitici e le resistenze non hanno scadenza Immaginavo ci fossero delle differenze, ma volevo capire bene in cosa consistevano. Riguardo il comportamento col gain al massimo, io adoro quella che tu chiami fangosità, ovvero il fatto che ha un comportamento simil-fuzz. Diventa leggermente imballato e sgranato. Un BD2 aggiornato che perde questa caratteristica e ha un comportamento più "smooth", più addolcito e meno maleducato, non so quanto mi piacerebbe...
  6. PinkFlesh

    Keeley Super Phat Mod Germanium

    Ho il BD2 stock e confermo che è un pedale versatilissimo. Ci si fa dai clean boost fino agli overdrive e alle distorsioni. Lo tengo chiuso col tone sotto ore 12 perchè altrimenti col pickup al ponte della Strato rischia di diventare una lametta, ma per il resto è un pedale godibilissimo e usabilissimo. Anche al di là dei 40€ che costa oggi. Il pedale più sottovalutato del catalogo Boss e probabilmente di tutto il mondo dell'effettistica per chitarra. Il Super Phat Mod non lo conosco, ma Keeley lo ha sempre presentato senza fare troppi misteri come una versione boutique del BD2, un pedale che parte dal circuito del Blues Driver e lo migliora sotto vari aspetti. Quindi, domanda da 1 milione di dollari, cosa ha diverso il Super Phat Mod, rispetto al tuo precedente BD2 moddato? Ha avuto senso per te fare l'upgrade o si tratta di differenze trascurabili?
  7. PinkFlesh

    NAMM 2020

    AL NAMM si è parlato parecchio anche di questa. Prezzo al lancio 799$, IR (credo sia la prima volta per Zoom), look tamarrissimo che ricorda un PC gaming, non suona male tutto sommato. Se si trova usata a un prezzo ragionevole, ci si può fare un pensierino
  8. PinkFlesh

    NAMM 2020

    Quello che ha attirato critiche feroci a Neural è stata la differenza tra aspettative e realtà. Tra la hype clamorosa che hanno generato nei giorni precedenti al lancio, e i suoni che poi si sono sentiti, che andavano dall'osceno all'appena decente. Parole di Marco Fanton che l'ha provata con mano al NAMM. Ricorda un po' quello che è successo a Elon Musk alla presentazione del suo primo truck, bellissimo, moderno, indistruttibile, con carrozzeria e vetri rinforzati, presentazione in pompa magna alla stampa, poi ci tirano contro un sassolino e...crack! Sono curioso anche io di sentire la parte "profilazione", visto che con l'eccezione di Kemper nessun altro ha investito in questo settore, ma la parte "modellazione" al momento è carente. Magari a settembre tirano fuori dal cilindro un colpo di magia che stende tutta la concorrenza, da Helix e Headrush, fino a Kemper e Fractal, ma l'antipasto che hanno servito al NAMM non è promettente. D'accordo con te quando dici che non è un fallimento e la partita è ancora tutta da giocare, ma ha deluso le aspettative.
  9. PinkFlesh

    NAMM 2020

    Di persona??? Eri al NAMM?? Comunque, non sei l'unico ad aver fatto dietrofront dopo aver sentito le prime demo. Ho letto anche di gente che aveva piazzato il preorder e ha chiesto il rimborso appena Neural ha dato ufficialmente fiato alla pedaliera. Sono stati davvero, ma davvero furbi. Si sono fatti finanziare un progetto sulla base di nulla, una scatola vuota con dentro 1 riverbero, 1 delay, 1 simulazione di cassa, e una decina in tra ampli e pedalini dal suono discutibilissimo. Di fatto chi ha fatto il preorder non ha avuto accesso a features particolari riservate alle prime 2000 macchine, o a una livrea particolare, o a dei plugin aggiuntivi, ma ha dato a Neural la liquidità per portare avanti lo sviluppo del software. E' il nuovo volto del concetto di "start-up". Piuttosto che andare in banca, dove un progetto completo al 2% te lo silurano senza SE e senza MA, oppure su kickstarter dove molti progetti (talvolta anche validi) non vedono la luce per mancanza di adesione, con un po' di pubblicità su Youtube, e grazie al passaparola su forum e gruppi Facebook, tiri su una cifra consistente in appena 72h: 200€ * 3200 unità = un sacco di soldi Che poi non è che hanno fatto chissà che lavoro di sviluppo hardware...è un tablet quello! Schermo multitouch a colori da 7", processore quadcore di derivazione ARM, modulo Wifi per collegarsi a internet ed aggiornare il firmware e scaricare nuovi modelli di ampli. Ci mancava solo che dicessero che ha il GPS integrato che cambia l'equalizzazione in base della località geografica in cui stai suonando e il browser integrato per accedere su Youporn tra un riff e l'altro.
  10. Io ho suonato anche dal vivo su pedaliera multieffetto con attivata la simulazione di un Fender, che finivano poi dentro un combo, un vero combo, e lo preferivo rispetto al suono con simulazione dell'ampli disattiva. Alla fine la simulazione di cassa è una complessa curva di equalizzazione, che taglia <80Hz e >8000Hz, con vari picchi e valli in questa regione. E' un po' come avere un EQ multibanda sempre acceso. Se preferisci il suono Joyo American Sound + IR, why not? E' una di quelle cose che in teoria non andrebbe fatta perchè vìola le sacre scritture del rig chitarristico, ma poi la fai e ti ricredi.
  11. PinkFlesh

    NAMM 2020

    Hai citato la Quad Cortex nel post di apertura, ma orco can, non si sentivano suoni così osceni dai tempi della Digitech RP55 Ma con che coraggio chiedono al pubblico 1600 cucuzze?!
  12. PinkFlesh

    Hamer e pedali storti: il regno di Juanka78

    Mi sono informato meglio pure io. 50 pedali disponibili, con possibilità di arrivare a 150 in totale se il suo fornitore gli dà altri 100 chip, quindi tiratura limitatissima. Prezzo: 250€ (210£, 280$) Il chip effettivamente non sarà il Reticon SAD1024 ma il 5106. La cosa particoalre di questo chip è che a differenza del SAD1024, che come dice il nome possiede 1024 stadi di ritardo, il 5106 ne ha 256, come confermato anche da Steve di Buffalo (the 5106 is really quiet in this circuit and has a shorter delay time so it's up for debate really). Bisogna vedere come questo tempo di delay più limitato impatta sul suono finale, anche se sulla base dei pedali in cui è usato (MXR micro chorus, MXR Micro flanger, DOD 575 Flanger, i Mistress Deluxe reissue anni '90), una mezza idea forse ce la possiamo fare.
  13. PinkFlesh

    Hamer e pedali storti: il regno di Juanka78

    Secondo me si vuole adeguare alle proverbiali waitlist di Toneczar
  14. PinkFlesh

    Behringer synths?

    E quindi come suona?
  15. PinkFlesh

    NAMM 2020

    Costerà una sassata visto il marchio che ci sta dietro, ma: semivalvolare, 2 speaker da 6", riverbero stereo integrato, loop effetti, audio su uscita USB, possibilità di caricare 16IR, 60W di potenza e 2 uscite per collegare 2 casse contemporaneamente e suonare in stereo. BadCat Paw Una Helix depotenziata a livello hardware e limitata come connettività, che per i 500€ che costa non va affatto male Line6 Pod GO Qualcosa in ambito synth? Korg Wavestate Moog Subsequent 25
×