Vai al contenuto

Bananas

Members
  • Numero contenuti

    746
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    1

Bananas last won the day on March 25

Bananas had the most liked content!

Reputazione Forum

363 Excellent

2 Seguaci

Su Bananas

  • Rank
    Guru del fuffas

Profile Information

  • Location
    : nel Kansas City, Bovisa Beach (Vadàviaelcù)
  • Interests
    Aspirante sculander custom.

Visite recenti

817 visite nel profilo
  1. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Si beh Johnson è un chitarrista mostruoso, bravissimo ma troppo fighetta per i miei gusti. Non gli avanza la rozzitudine incazzosa che sposata con genio e innovazione poi passa alla storia ecco. Rimane il fatto che mi piacerebbe essere bravo un millesimo di quanto lo è lui. Comunque, per tornare in topic, di spiegatori dell'hendrixianesimo ce n'è millemila, quasi tutti minchioni salvo qualcuno. Quando cominciai a suonare la chitarra, dopo il sax tenore che nel frattempo ho abbandonato perchè non c'era modo di diventare Coltrane, andavo a caccia di manualetti tipo "Come diventare Eric Clapton in 24 ore", oppure "Capisci il circolo delle quinte in un nanosecondo con lo schemino e poi gratta sereno" e roba così. Oggi per fortuna col tubo c'è sovrabbondanza di materiale didattico: rimanere ignoranti è quasi impossibile. Una delle poche cose buone del Mondo Nuovo in effetti. Il mio inutile consiglio per i chitarristi ingnorantoni tipo me, che suonano, o meglio grattugiano, da un pezzo quindi un po' di manina sciolta ce l'hanno, due box li sanno e quattro pattern pure, è di partire da un pezzo che ti piace, che senti, che ti vibra insomma. Poi cercare un video basico a prova di pirla (che nel mio caso è indispensabile). Semplice semplice con le figure di base per evitare inutili frustrazioni che potrebbero farti desistere. Assimilare quelle meccanicamente fino alla nausea e poi allargare il discorso in funzione del proprio gusto, ammesso che ce ne sia uno, e al proprio approccio allo strumento. Mantenendo però le figure "core" del suonaggio hendriziano. Dopodichè la figata è minestronare il tutto con altri stili e figure appresi alla stessa maniera anche in altri pezzi o nelle tue improvisescion ad minchiam insieme agli amichetti tuoi.
  2. Addicted to Mattonella

    Meglio di tutte le mie cazzate che scrivo strano, arriva puntuale e implacabile Glory dritto al succo. Amen.
  3. Addicted to Mattonella

    Figurati, per me puoi dire tutto quello che ti pare. Ci mancherebbe pure. Volevo solo accertarmi di essermi capito. Urpa. Premesso come al solito che non capisco un cazzo, a me il Klone pare proprio un'altra roba. Resta sì nelle medium ligth sporcizie boostose, ma io lo considero più come appartenente alla famiglia dei tube screamer, con più bassi, più alti, un buffer delle meraviglie, ma pure lui spinge e urla magnificamente in mezzo, su un amp già almeno al break up, seppure in maniera molto meno ignoranta texana e più rockettosa cool, anzi no, cul. La mattonella invece, e spiace ripetermi, fa da drive naturale dell'amp. Più o meno sporco a seconda degli spippolaggi. Credo pure, ovviamente sbagliando che sennò, sia stata progettata a complemento dei tweed Lazy J. Rende molto bene sugli amp Fender style tweed quindi ma anche sui blackface se tieni lo switch clip in mezzo, mentre nelle altre due posizioni tweeddizza qualsiasi cosa. Il vantaggio rispetto al Klon, sempre a mio inutile parere che sennò Giorgetto non mi mette il "piacc", è che la mattonella rende molto bene anche su amp pulito, enanchando sia il pulito, sia portando il pulito di base dell'amp a break up, crunchone, e perfino quasi fuzz con tutto quello che ci sta in mezzo, senza dare l'impressione di aver acceso un pedale ma semplicemente di aver alzato il volume dell'amp. Figa spero di essermi finalmente capito figa.
  4. Addicted to Mattonella

    Solo per chiarire che io non ho mai detto che come od fa cagare. Fa ben di più che arricchire. È uno dei pedali meglio che ho posseduto. Ho semplicimente distinto tra la sensazione di drive naturale di un amp e quella che ci metto sopra tramite un over drive. Il mio ultimo post prima di questo descriveva peraltro le mie personali considerazioni. Edit: Psiche ma tu l'hai letto tutto il mio post prima di convenire? Perché il succo era che la mattonella è meglio di un over drive proprio perché si comporta come fosse il drive naturale dell'amp. Per quello abbiamo sempre detto che è un pedale amp like.
  5. Addicted to Mattonella

    Dopo un lungo periodo di convivenza con la mattonella ex Oby, vi farei un altro piccolo rapportino. Naturalmente considerate la mia preparazione inesistente come musicista autodidatta cazzone voglia de studià saltum adoss, tuttavia potete almeno contare sulla mia preparazione tecnica in materia di gear che è ancora meno. La mattonella di merda aka Lazy J Cruiser Deuce non è un over drive. Chi spera di usarla così non ha capito un cazzo con rispetto parlando. La mattonella è un drive naturale dell’amp, “sopra”, “over” la quale appunto, ci metti eventualmente un over drive di tuo gradimento. Consigliatissimi TS propriamente detti, ratti e kloni. Lo dice già la parola “sopra” al drive no? Over drive. Figa, tutto gli devi dire. Se lasci lo switch clip in mezzo “senza” compressione e schiacci solo a sinistra, ottieni un rigonfiamento del pulito armonico e molto dinamico. Che aiuta non poco anche a volumi bassi. Se schiacci anche a destra ecco il drive naturale, un break up che resta molto, molto dinamico. Spippolando i pot ottieni vari livelli di cattiveria sempre dinamica, rispettosi del carattere dell’amp in cui hai ficcato la stessa mattonella. Rispettosa più che trasparente quindi. Insomma, è qualcosa come mandare il tuo amp valvolare in saturazione tirando il volume, ma anziché tirare il volume butti dentro la mattonella. Se switch clippi sopra, comprimi leggermente esattamente come quando cominci a tirare il collo a un amp valvolare, solo che in questo caso inizia a farsi vivo distintamente il carattere tweed del pedale coi suoi bassi scoreggiosetti in modo bello, come dice Glory. Con appena retrogusto fuzzoloso. Avrai un piccolo abbassamento di volume che puoi compensare dal pedale ma io preferisco aumentare un pelo direttamente il volume dell’amp perchè considero la mattonella una specie di pre-pre. In ogni caso è un bel tweed incazzoso. Goduriosissimo nella sua ignoranza. Se switch clippi sotto invece, resti in territorio tweed, ma a cui stanno per scoppiare trafo e finali talmente gli stai tirando il collo. Qui la sensazione di fuzzoloso si fa giustamente ancora più intensa e, livellati opportunamente i volumi con drive a piacere, esce il tipico canto dei tweed tirati un po’ alla Clapton. Ho detto un po’ eh, non cominciamo. Compreso e digerito tutto ciò, puoi finalmente sperimentare a piacere buttando dentro, sopra, alla mattonella che ti fa da drive naturale dell’amp, un over drive di tuo gusto ma anche un fuzz. Io addirittura a volte butto dentro un fuzz nell'over drive che finisce a sua volta nella mattonella. Ma è notorio su Rc che io non capisco un cazzo. Tecapi? Ciao.
  6. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Beh ma certo che quel modo lo ritrovo anche nel soul e r'n'b, era sempre Jimi che suonava le chitarre dietro negli early days dopo la naja, come nel caso di Save Me qui. A parte il montaggino del tubo, nel pezzo originale è proprio lui che suona:
  7. Come cazzo è che si suona Jimi?

    No ma per carità bravo pusherman Mayfield, mi piace anche lui e tutto. Eventualmente se uno parla male di Hendrix lo picchio. Qua il senso é: uscite le dritte per suonarlo Hendrix. Soprattutto le ritmiche d'accompagnamento che tornano utilissime anche per suonare altro e danno sempre quel tocco di coolness che poi magari la tipella ci sta e si fa serata: Pure questa mi piacerebbe suonarla tutta giusta:
  8. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Nuovissima in effetti. La cosa che mi pare interessante degli Homestead che io non comprerò di sicuro e neanche la zia Raffi, e di questo in particolare, sono i pochi controlli, il master e la potenza dimezzabile. Per il resto è roba handwired butic come tanta altra. Bisogna dire che il tipo che lavorarva per Diaz, quando è morto lo stesso Diaz, ha preso su baracca e burattini e ha cercato di portarla avanti nel suo spirito originario. Infatti a parte il nome, sono molto simili anche come look ai Diaz che si vedono ancora in giro sui palchi importanti insieme ai Damble, ai Soldano e alla vintaggeria reale o castom scioppa Fender e Marshall più sbavata.
  9. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Grande Vintage! Hai capito al volo lo spirito del post. Vuoi il caso stavo studiando in questo periodo proprio questo video di Bold as love. Che da un punto di vista della ritmica d'accompagnamento è uno dei miei preferiti di Jimi. Cazzo questo modo fighissimo di suonare prima di Jimi non c'era. Devo però dire che prima di arrivare a poter studiare e tentare di rifare da questo video, a me che non sono studiato ma autodidattico ad minchiam, mi sono state molto utili le introduzioni basiche all'hendrixianesimo di Texas Blues Alley.
  10. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Ma infatti lui serve per capire i tricks perchè li spiega bene facile e siccome è legato al giro texano, ci tiene aggiornati. In più tira fuori i suoni giusti anche da roba cheap che è utile anche quello. Delle sue qualità di musicista me ne batto il culo, non è per quello che lo propongo.
  11. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Ah, già che ci sono ho anche trovato l'amp per la zia Raffi. Li fa il tennico degli amp di SRV che lavorava per Diaz, non pizza e figs, figas:
  12. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Dimenticavo, non fate i soliti puzzaculo gnè gnè con le bave butic egoistoni che prendono e basta. Mollate consigli, link, videi, e tutto ciò che può essere utile alla comunità per chi ha quella malattia lì della hendrixite, figa. Che si parte dalla hendrixite per poi arrivare un po' dappertutto, figa.
  13. Come cazzo è che si suona Jimi?

    Sicuramente lo conoscete tutti. Chi ancora invece no, può sbafare sereno le sue free lesson come ho fatto io qualche anno fa. Tutti i tricks pratici a sbattimento teorico zero Hendrix/SRV che si vedono e si capischeno pure se il tipo parla inglese che tutto sommato si capisce anche quello. Perchè alla fine quello che conta è dove ma sopprattutto come metti i diti, strappi, tiri, molli, palm muti. E la mano destra? Cazzo fa la destra? Buono per tutti: dagli shreder studiati puzzalnaso millemila scale alla velocità della luce che dopo venti secondi m'hanno già trapanato erca, agli animici intensi strappabudella col mojo grattato ignorante che invece quelli ci sto dentro, figa. Vedi un po: Quello che senti è un Blues Junior Tweed, per dire. Il sito qua: https://texasbluesalley.com/
  14. Consiglio per overdrive doppio

    La mattonella demmerda va da boost pulito ciccio a quasi fuzz. Cito un uazzap di Glory che l'ha descritta davvero bene: "è un pedale che cambia completamente faccia (e spippolaggi, ndr) a seconda dell'ampli [...] Ha i bassi scoreggiosetti in modo bello, una punta di fuzz morbido stile tweed tirato... Come un ampli senza controreazione tirato di finale, e sospetto che abbia dei fet portati al limite per emulare quel suono..." Qua le mie sensazioni molto più dilettantesche su Blackface:
  15. Consiglio per overdrive doppio

    Porcello. Mi sa che comincio a lovvarti.
×