Jump to content

Recommended Posts

Beh voglio vedere se un condensatore carta olio di 3 cm x 4 fatto a mano da un newyorkese nel '56  suona come un smd cinese da 1 mm !

Nel primo caso l'elettrone ci passa suadente, ammiccante, ci si coccola, si prende un caffè, saluta caldamente e va oltre.

Nel secondo corre come un pazzo per evitarlo e levarselo al più presto dal cat saw.

  • Haha 6

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, Bananas dice:

La community necessita demo del LineDrive 3 in quanto che riporto dal sito: " Il LineDrive 3 potrebbe essere a tutti gli effetti l’overdrive definitivo. "
 

 

 


da possessore del Linedrive 2, modificato con pazienza da @Dado non posso che concordare.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Perchè tu hai una pietra al posto del cuore, e le note di Gilmour non ti fanno vibrare le corde dell'anima. :heart:

Usatissimo anche da Andy Timmons e Eric Johnson...

 

 

 

 

**il Tube Driver dentro i 2 Maestro Echoplex è una chiccheria da pro assoluti**

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il neologismo "sculander stringer" nacque non molto tempo fa in uno scambio tra sua santità il maresciallo dell'ortodossia british guitarGlory e il figlio di NN me medesimo:

 

 

Il dizionario di RC riporta: sculander stringer= nuova generazione di chitarristi Blues, protagonisti nel nuovo Medioevo oscuro originatosi nella triste era dell'Internet. Trattasi di una sorta di richiamo della foresta, di un ritorno al caos pulsionale primordiale. Pure se gli manca un po' la carogna vera, compensano col jazzeggio raffinato sempre molto godibile e con bei suoni. Strumentazione boutique, custom shop guitars, succulenti pedaletti nullafacenti SMD free. Ad alcuni puzza abbastanza il culo come si conviene agli autentici blues stringer alpha del bel tempo che fu, ad altri molto meno ma volendo si fanno comunque ascoltare. Tra i principali esponenti della scena sculander stringer, possiamo annoverare: Matt Shofield, Josh Smith, Davide Pannozzo, Eric Gales, Jesse Davey, Joe Bonamassa, Tomo Fujita, John Mayer, Greg Koch, ecc...

 

A molti anni ormai dalle infuocate polemiche copiatorie che ne caratterizzarono l'ingresso sul mercato, il Vemuram Jan Ray sembra godere ancora di ampia considerazione. Divenuto autentica reliquia senza prezzo da cui è impossibile separarsi in versione ex Gioggetto, come lo Skreddy Echo, è invece sceso di prezzo il nuovo (da 50 a 100 neuri meno rispetto al lancio), è ormai affiancato dai più recenti Blues Power, The Duellist o Soloist di Produzione King Tone. Permettendo così finalmente di rinunciare all'hype Klon style che su amp d'ispirazione Blackface non è che faccia gridare al miracolo.

 

 

 

 

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ahhh questo klonettino mini SMD free mi è sempre piaciuto. Scatolo discretamente cul, lo fanno in tanti colorini che van via come caramelle. Questi spagnoli fanno pedaletti interessanti:

https://www.decibelics.com/

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Me l'ero perso il Pannozzo, mica male.

E niente, Bananas utente dell'anno. Però accanto ai tanti thread pieni di verve, fatica a venire fuori un bel TDM. Per quello ci sono altri specialisti, ma latitano. Sarà che è già il periodo, un po' demmerda.

Però continua, che quasi mi vien voglia di suonare...

  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oby mi ha mandato un pm per rendermi edotto sul contenuto del Dpcm licenziato dal Supremo Consiglio del Radiochitarra in vigore dal 11 Novembre cm: per postare qualsivoglia contenuto inerente a pedali ovrdrive, è obbligatorio possedere questo in versione personal custom. Qualche spunto sulle personali interpretazioni di altri colleghi chitarristi qui (si aprirà a tempo debito apposito personal custom contest):

 

http://www.shinsmusic.com/product/

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah beh volendo ci sono anche i russi:

 

 

Che ti fanno pure tutto l'amp se vuoi:

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 minuti fa, Micantino dice:

Io continuo a preferire l'Ethos

 

Provvedo subito. Qui te lo butto dentro l'Iridium così facciamo contento anche il Tiltone che ci snobba plastico:

 

 

Micantino Bananas bonus:

 

 

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
23 minuti fa, Micantino dice:

Io continuo a preferire l'Ethos


 

celll’ho

pedale meraviglierrimo, mo sto pensando di accoppiargli un twe ❤️

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si ma ho capito che siccome c'hai una valvolina nel tube driver allora sei fico come un Ghilmur ma se ti accatti questo che di valvole ne ha tre, sei fico come un Ghilmur per tre 3, eh, la matematica non è un'opinione, è scienzah...

 

https://www.effectrode.com/

 

 

Cioè io sono così fuori di cotenna che questo me lo accaterei (naaa): + un Klone sempre valido alla bisogna e un buon Fuzz Face indispensabile sempre e comunque, stai in banca zio...

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il bello è che ogni costruttore di pedali ha la sua visione di suono Dumble e sono tutti parecchio diversi tra loro quelli che hai postato, cosa che invece non succede con i "Marshall in a box" ma, come sappiamo, il suono Marshall è molto più facilmente riproducibile e non deve sottostare a tutta quella serie di congiunzioni astrali per far uscire la sua caratteristica migliore.

 

Non so se ricordate la mia odissea nel cercare di ottenere il famoso "nettare degli dei" dalla mia Fuchs ODS 50 appena acquistata e con all'interno niente che si rifacesse minimamente alla suddetta sonorità...

 

 

Lo riperto: gli ampli Dumble oriented sono schizzinosi, nevrastenici, accettano malamente la maggior parte dei pedali, devono essere settati nel migliore dei modi, accettano solo pochi tipi di valvole, di coni e di cubature cassa. Insomma, du cojoni...però li amo!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, Dado dice:

Il bello è che ogni costruttore di pedali ha la sua visione di suono Dumble e sono tutti parecchio diversi tra loro quelli che hai postato, cosa che invece non succede con i "Marshall in a box" ma, come sappiamo, il suono Marshall è molto più facilmente riproducibile e non deve sottostare a tutta quella serie di congiunzioni astrali per far uscire la sua caratteristica migliore.

 

Non so se ricordate la mia odissea nel cercare di ottenere il famoso "nettare degli dei" dalla mia Fuchs ODS 50 appena acquistata e con all'interno niente che si rifacesse minimamente alla suddetta sonorità...

 

 

Lo riperto: gli ampli Dumble oriented sono schizzinosi, nevrastenici, accettano malamente la maggior parte dei pedali, devono essere settati nel migliore dei modi, accettano solo pochi tipi di valvole, di coni e di cubature cassa. Insomma, du cojoni...però li amo!

 

Sì Dado caro, hai proprio ragione. Probabilmente poi la verità è che non esiste nessun Dàmbol saund 😂. Ma tu non dirlo a nessuno! Prendi un Super Reverb del '66. Lo colleghi a una cassa con i Celestion G12-Dàmbol quel che l'è. Lo tiri. Pompi i medi e un pelino di bassi, chiudi un po' gli alti quel tanto che serve. Poi ci colleghi una chitarra con degli hamburger buoni e già cominci a dire: Uhm... Va che suonino fico. Allora poi, già che ci sei, tra la chitarra e il Super ci metti un bel Tube screamer alla vecchia però trubaipass. Pick up ponte, e gli dai giù col plettro cicciotto di attacco per sguincio che innesca i fischietti fichi sul fraseggio incrociando la penta con le modali. Cazzo sembra Robben Ford! Poi fai un'altra cosa: porta il Super del '66 a 100 watti. Monti delle valvole NOS fichissime fregate dal cassettone segreto di guitarGlory. Gli aggiungi un gain per canale e un master control. Due switch: uno che ti abilita un simil Tube screamer/mid boost, l'altro che ti cambia la config del tone stack. Hai più o meno fatto un simil Dàmbol che il signor Shin del Giapùn ti fa un baffo e che potresti mettere sul sito a 5000 dolla... Io prenoto il primo. Tanto love! ❤️

  • Like 1
  • Haha 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 11/11/2020 at 12:00, Bananas dice:

 

Lo conosco. Vive in Grecia ed è un fissato di valvole e transistor NOS, oltre a essere molto gentile e disponibile.

  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Premesso che mi accontento di un OD3 sul clean dei miei ampli ...ma qualcuno mi spiega la sigla SMD ? credevo significasse "soldi mediamente disponibili" perchè credo che quel pedale il Revival non costi poco ...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×