Jump to content
marco_white

HX Stomp vs Iridium

Recommended Posts

Li ho entrambi. Prevedevo di venderne uno dei due, ma di fatto pur essendo così simili sono allo stesso tempo talmente diversi come interfaccia da non essere stato in grado di scegliere il mio preferito.

L'HX è ben pensato. Fa tutto, e può essere il cervello anche di sistemi complessi. Elettrica, acustica, basso. Di fronte all'ampli, come scheda audio, in diretta, in cuffia.

Gli effetti sono belli, nulla per cui strapparsi i capelli, ma per quello che costa la qualità è impareggiabile. Alcuni ampli sono belli pure loro.

I contro sono essenzialmente due, forse tre, in base al mio uso.

  1. l'interfaccia sul pedale stesso e il suo editor sono ben pensati, ma di fabbrica, facendo le cose semplici, suona male. Bisogna editare tutto pesantemente, lasciarsi risucchiare dal buco nero degli IR, apprendere un'infarinatura di tecniche da studio, perdere la cosa più preziosa di tutte: il tempo. Gli IR lo trasformano.
  2. L'uscita cuffie suona bene, ma diversissima dal line out, su questo farò una domanda specifica.
  3. i pedali esterni di gain non ci suonano bene. O almeno credevo. Diciamo che ho dovuto leggere di tre approcci diversi per risolvere la cosa. Andarci giù pesanti con i filtri passa alti e bassi (o sulla Global Eq o sul blocco dell'IR stesso). Molti IR sono troppo brillanti (tipo i Celestion), l'unità di suo tende a essere frizzantina in alto, i pedali aggiungono altri alti, vengono fuori le lamette alla fine. Il secondo approccio è di cambiare nei global settings il livello di input e output da INSTR a LINE. Equivale a mettere un pad in ingresso in pratica, suona tutto molto più pulito. E serve, perché alcuni pedali imballano l'ingresso, e gratta tutto, tipo i Klon per dirne una. Terzo, provare altri IR già ottimizzati, mi stanno piacendo moltissimo i York Audio, anche per come sono organizzate le cartelle interne, e quelli di David Hislop, ma le cartelle ne contengono una quantità eccessiva anche per un tecnico di studio navigato. Ci si perde.
  4. Ne aggiungo un quarto personale. Centinaia di pedali, decine e decine di ampli non servono a un cazzo se non a farti perdere tempo. E' vero che ora c'è la funzione dei preferiti, ma aspetto un update che mi permetta di disabilitare alcune opzioni. Per scegliere un delay ci vorrebbe due giorni così come è adesso, e alla fine uso sempre il DMM per non dover perdere ulteriormente tempo a trovare due delay belli in mezzo a boh, saranno una quarantina. Ma so che le opzioni a molti piacciono.

 

L'Iridium suona Strymon, suona fighetto. Gli ampli sono proprio belli, la sensazione è di maggior realismo, ad un primo approccio è innegabile che suoni meglio.

Gli IR di fabbrica hanno senso, ma si può fare di meglio. Il software di gestione è di una semplicità disarmante, pure troppo, ci si sente un minimo limitati. In cuffia suona benissimo, in modo analogo al line out. Ovunque metti i potenziometri suon a bene tutto, tipo ieri il pargolo si è divertito a girare a caso i pomelli di tutta la pedaliera, e tanto suonava bene.

Ti abbassi e regoli. Con l'HX ho fatto una sola prova con una band, poi venne il covid, la sensazione di non poter regolare nulla di quel suono che non mi stava piacendo è stata molto, molto limitante. Con l'Iridium non sarebbe successo, è più veloce regolare i medi o i bassi su di lui che su un ampli vero. E' un approccio estremo, del tutto analogico, in un mondo di display e codici midi.

I tre ampli sono belli, tutti. Il Fender è splendido, sia con i medi giù tipo blackface, oppure alzandoli tipo brownface. L'AC30 è forse il più bello del lotto, una volta che si capisce come equalizzare (mai suonato un AC30 per più di due minuti in vita mia, e non sapevo come approcciare l'eq. I medi sono il cut). Il Marshall resta un po' indietro rispetto agli altri, ma cambia enormemente in base all'IR, son convinto che ci arriverò ad avere un bel suono Marshall.

Ha un difetto enorme però, ancora, i pedali di gain esterni fanno cagare. Stesso identico discorso dell'HX, forse anche peggio, perché qui un passa basso non lo puoi mettere. E allora si viene risucchiati per 'ennesima volta nel buco nero degli IR. Ne servono di equalizzati a modo, scuri per certi versi, ma ci sono, e forse con gli York Audio troverò la quadra.

Se non fosse stato per questo difetto di come mangia i pedali avrei già venduto l'HX. Ma oggi mi rendo conto di aver imparato ad usare benino l'HX, e allora quella differenza di cui parlavo non ce la sento più. L'HX ha un enorme potenziale, può suonare davvero bene, solo che alla Yamaha hanno deciso di permettere un approccio da ingegnere che manco Chris Lord-Alge si troverebbe comodo, invece che pensarlo per i musicisti, da cameretta e non. Come invece Strymon ha sempre fatto.

 

In pratica l'HX ha senso comunque per il rapporto prezzo / qualità / possibilità, ma se si decide di investirci tempo non ce ne è più per nessuno. Ma non sono ancora pronto a vendere l'Iridium.

(sto provando anche Iridium nel loop dell'HX, molto figo. Ma quanto guardo la pedaliera così impostata penso che vendendoli ci prenderei praticamente il Kemper. Mi chiedo se abbia senso).

Altra punto a favore dell'HX, non pensavo, ma la comodità di fare da scheda audio lui stesso è comodissimo! Mi manca con l'Iridium questa cosa.

 

Il problema del line out con HX. Non ho monitor da studio, ma sto provando ad usare una cassa da pa, una RCF ART 10", mi pare sia la III. Senza mixer in mezzo. Faccio un suono in cuffia con HX, mi piace, attacco la RCF e suona tutto scurissimo e con una quantità di bassi che non riesco a togliere in alcun modo. Parzialmente lo fa anche lo Strymon, ma molto meno.

E' un problema dovuto dalla mancanza del mixer? E' dovuto al volume casalingo?

Ho paura che ci perdo le ore e poi la prima volta che tornerò a suonare con gente in carne e ossa i suoni siano inutilizzabili.

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hi riassunto l'Iridium benissimo, io non ho tempo e voglia di spippolare quindi lo sto apprezzando tantissimo, è come un ampli, giri i controlli e ti regoli in tempo reale.

Davanti gli od suonano bene, pedali high gain non saprei, ogni tanto li metto davanti il Bogner Ecstasy Red, ma in generale non è il mio suono, e penso che si riesca a fare un suono high gain migliore con un pedale od e la simulazione Marshall sull'Irdium. Io ci suono nella scheda audio del computer e non avrei mai pensato di avere un suono così credibile e dinamico da un aggeggio del genere. Secondo me ha un difetto grosso che è quello di non avere un'uscita bilancita tipo DI

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Alla di non avevo pensato perché ne ho due a casa, della behringer ma le ho. Però hai ragione, va detto: chi ci vuole suonare fuori probabile debba mettere in conto di prendere una DI semplice

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nei forum americani la DI box più consigliata da abbinare all'Iridium è la DIso+

https://pinstripepedals.com/product/diso-plus/

che pare funzioni bene per via dei trasformatori Jensen che monta. Ma si sente parlare anche di questa

https://www.rupertneve.com/products/rndi-s/

 

Due righe sull'Iridium le butto giù anche io, anche se prima o poi aprirò un topic apposito, con qualche confronto audio Iridium-Kemper-Shift Line Twin.

A me la simulazione Fender è quella che è piaciuta meno del terzetto. E non sono l'unico a pensarla così. C'è da dire però che non ho mai cambiato gli IR stock del pedale, magari con altri IR mi potrei ricredere.

Vox già mi garba di più. Avevo letto da qualche parte che col gain oltre ore 12 simula il Vox spinto da un treble booster (ogni riferimento a Brian May è puramente casuale).

Marshall ben fatta pure, anche se non va oltre il crunch (è ispirata alla Plexi). Poco male però, perchè basta metterci un overdrive davanti e sei già nell'hi-gain.

Sempre nei soliti forum/gruppi americani consigliano come upgrade degli IR stock, gli York Audio, in particolare quelli del Matchless pack, e gli Hislop

https://www.davidhislop.co/store

Suona tutto più realistico e naturale, specie quei suoni clean/edge of breakup che tanto ci piacciono.

 

 

 

 

Consiglio: lascia stare le casse attive. Le casse attive vanno bene dal vivo per sonorizzare un teatro o una piazza, o per fare i karaoke estivi. In studio si usano i monitor. Le casse attive, qui lo dico e qui lo nego, sono molto meno flat di quanto si pensi. Già hai notato il buco sulle medie, ma è una cosa che ho osservato pure io in situazioni in cui ero l'ascoltatore: c'è un grosso rimbombo sulle basse e degli alti troppo invadenti e secchi. Prima di Natale sono andato in un grosso negozio di musica a sentire:

- Adam T7v

- Yamaha HS7

- Kali Audio LP6

- RCF Ayra Pro8

- KRK Rokit 6 pollici

- Yamaha DBR10

- ART RCF 710

- una cassa PA ElectroVoice di cui non ricordo il nome

 

Non c'era paragone. La pulizia dei monitor, su quei bestioni da 1200W non esisteva. Nemmeno abbassando il volume, così da evitare di gonfiare i bassi. Me l'ha detto anche il commesso. Quelle sono casse per sonorizzare grandi spazi, non per mixare e produrre. Hai mai visto uno studio di registrazione con una cassa PA in sala di regia?

Alla fine ho preso due di queste da Amazon quando erano in offerta. Le trovi anche da Thomann, 300€, e suonano benissimo. Non saranno due Genelec, ma chissene....

https://www.youtube.com/watch?v=P0NTKjXLDnQ

Share this post


Link to post
Share on other sites

mi sembrano un tantino sovradimensionate quelle due DI, metterci una Neve solo per bilanciare il segnale non è troppo? A me pareva troppo pure una Radial, ma magari sbaglio

 

I David Hislop sono IR molto, molto belli. Ho il pack Greenback. Ma hanno almeno tre problemi. Suonano molto di cassa (come gli York, e non come i Celestion) e il tipo li ha fatti con casse aperte o combo, si sente, un po' troppo. La cartella contiene 42 file con microfono singolo e 48 mix. 90 file, mi innervosisco alla terza prova. Tutti 90 non li proverò mai in vita mia. La scelta dei coni è troppo limitata e rivolta solo ai suoni Worship. 

Di York ho la Bogner 4x12. Ho preso quella perché aveva sia il V30 che l' M25, ma suona tanto grossa. Vorrei prendere Matchless, Fender DLX e Marshall M25. Pian piano, sono 15$ cadauna.

 

Sulla cassa da PA ok, mi sa che hai ragione. Nemmeno la 710 ti è piaciuta?

Ho due impianti hi-fi a casa, uno montato in sala, uno smontato. Un ampli Luxman dell'era d'oro e un paio di torri Infinity, che però sono in garage perché non so dove metterle. L'idea di prendere due cassettine di plastica invece che usare quei due gioielli mi pare una gran cazzata, ma alla fine mi sa che mi dovrò arrendere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il compito della DI è trasformare il segnale da sbilanciato in bilanciato. Se hai l'Iridium a 50cm dalla scheda audio, anche un Radial è troppo, infatti io non ho nessuna DI box. Ma se suoni su un palco e hai 15 metri di cavo tra Iridium e mixer, allora una Rupert Neve o un DIso+ tornano ad avere senso.

 

Nessuna PA mi è piaciuta, rispetto alle casse monitor erano un'altro pianeta. Se si tratta di suonare live, ok, parliamone. Magari una Yamaha può essere migliore/peggiore di una RCF ART, o migliore/peggiore di una EV ZLX, ma se parliamo di produrre e mixare non c'è storia.

Potresti provare a entrare anche nell'impianto hifi, non è una cazzata. Io ho un Marantz collegato a due casse KEF. E' un hifi, eppure tutti i suoni finora me li sono fatti lì. Non è ortodosso come sistema, ma se il tuo orecchio ha quello come riferimento sonoro...

L'unico problema è che dovrai distanziarti, essendo casse da pavimento, se no avrai il woofer che spara sulle ginocchia e il tweeter dritto nelle tue orecchie. Altrimenti, casse monitor (il woofer da 6" è il minimo sindacale se vuoi sentire i bassi, meglio se da 7 o 8") e stands che te le portano ad altezza orecchie

 

J5IBZ9RE-y1AhVjMMuIqi3PeMuyrZgFhMc_uVZcG

 

 

john-desk.jpg

 

Best-Studio-Monitor-Stands.jpg

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Personalmente per ambienti di dimensioni limitate sono più per sistemi 2:1. Intendo monitor con woofer non troppo grandi (5, 5.5, massimo 6 pollici) e piccolo subwoofer. Obbligatorio trattamento della stanza (almeno un minimo) e...Sonarworks.

Share this post


Link to post
Share on other sites

sto pensando di provare le casse da hi-fi più piccole che ho, delle B&W 685 S2, adesso sono attaccate a un amplificatore Sansui di quelli belli. Non penso che questo set possa suonare peggio delle Presonus da €200, con tutto il rispetto. Dai, stasera mi metto in sala e provo. Che Kef hai?

 

Capito tutto sulla cassa PA, ha senso. (le confrontai con le Yamaha DXR e mi piacquero più le mie RCF)

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, marco_white dice:

Ha un difetto enorme però, ancora, i pedali di gain esterni fanno cagare.

Davvero non ti piace come Iridium prende i pedali di gain?

A me, specie con la simulazione plexi, suona parecchio bene... Poi magari ho le orecchie di cartone io eh...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Davvero non ti piace come Iridium prende i pedali di gain?
A me, specie con la simulazione plexi, suona parecchio bene... Poi magari ho le orecchie di cartone io eh...


Come ascolti? Cuffie o monitor?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 minuti fa, marco_white dice:

 


Come ascolti? Cuffie o monitor?


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro

 

A casa entro nel mixer e collego le cuffie all'uscita del mixer.

In sala prove entro nel mixer e ascolto da PA

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, manono dice:

Davvero non ti piace come Iridium prende i pedali di gain?

A me, specie con la simulazione plexi, suona parecchio bene... Poi magari ho le orecchie di cartone io eh...

 

In effetti il piccoletto prende i pedali abbastanza bene, l'ho provato con varia roba e se la cava sempre. Poi certo, ci sono pedali che digerisce meglio e altri peggio.

Ad esempio...riuscireste a scovare chi è l'Iridium e chi è l'altro sistema di recording? Ho usato un Seymour Duncan Distortion TB-6 e l'El Capistan. Non fate caso alle stecche, erano le 10 di sera e volevo solo vedere come il pipo reagiva ai pedali per capire se tenerlo o venderlo. Poi erano anni che non toccavo The Loner...

https://soundcloud.com/user-559535049/a-keeley-ds1

https://soundcloud.com/user-559535049/b-keeley-ds1

 

https://soundcloud.com/user-559535049/a-keeley-red-dirt-germanium

https://soundcloud.com/user-559535049/b-keeley-red-dirt-germanium

 

https://soundcloud.com/user-559535049/a-tight-rock-jr

https://soundcloud.com/user-559535049/b-tight-rock-jr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Anche io sto utilizzando molto l'Iridium. Ascolto in cuffia (ATH-M50x)  con l'Iridium in stereo nella focusrite 8i6. La mia simulazione preferita è quella del fender, ma ho messo degli IR miei perché preferisco certe sonorità. Bello il Vox, il marshall lo uso poco. Davanti ho un BOX of rock, un The Bomb (hgain) e un sub'n up, dopo l'Iridium ho un DD-7 e un Wet con EXP e pedale d'espressione. Tutto molto tascabile, i suoni mi soddisfano, e utilizzando la stereofonia posso miscelare due IR per avere diverse sonorità. Prende bene per le mie orecchie gli OD (il distorsore, il the Bomb, lo uso pochissimo in realtà) e segue la dinamica del mio playing come mi aspetterei facesse un ampli microfonato. Certo, l'impressione è sempre quella di "suonare in un disco" e non su di un palco, è come essere perennemente in studio di registrazione, ma alla fine se voglio sentire la pancia tremare vado in studio e mi tolgo lo sfizio. Se devo invece pensare a qualcosa, mettere su un (piccolissimo) arrangiamento, studiarmi una parte, fare un po' di esercizio, cazzeggiare la sera dopocena con il coprifuoco allora l'Iridium ha tutto quello che mi serve. Non faccio produzioni importanti e non ho un orecchio sensibile ma credo che per certi suoni, messo in un mix, dia la possibilità di tirare fuori quel che serve senza menu, settaggi esoterici ecc. Cambiare gli IR però diventa fondamentale, altrimenti tutti avrebbero lo stesso suono identico, sarebbe un po' massificante (e questo è il limite maggiore, secondo me).

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Allora ragassuoli, vorrei farvi una domanda dato che siamo in tema... Io vorrei un sistema per implementare direttamente la mia pedaliera coi miei pedali ed entrare direttamente in una scheda audio (ho una audient id44) ed avere un bel suono per registrare senza fare casino. Non mi va di spippolare con parecchi controlli per cui le pedaliere digitali sono bannate. L'iridium secondo voi è la scelta giusta, sapendo che come suoni principali uso un BAE hot fuzz boostato con octaver o phaser e rev e delay vari?

Share this post


Link to post
Share on other sites
3 ore fa, PinkFlesh dice:

 

In effetti il piccoletto prende i pedali abbastanza bene, l'ho provato con varia roba e se la cava sempre. Poi certo, ci sono pedali che digerisce meglio e altri peggio.

Ad esempio...riuscireste a scovare chi è l'Iridium e chi è l'altro sistema di recording? Ho usato un Seymour Duncan Distortion TB-6 e l'El Capistan. Non fate caso alle stecche, erano le 10 di sera e volevo solo vedere come il pipo reagiva ai pedali per capire se tenerlo o venderlo. Poi erano anni che non toccavo The Loner...

https://soundcloud.com/user-559535049/a-keeley-ds1

https://soundcloud.com/user-559535049/b-keeley-ds1

 

https://soundcloud.com/user-559535049/a-keeley-red-dirt-germanium

https://soundcloud.com/user-559535049/b-keeley-red-dirt-germanium

 

https://soundcloud.com/user-559535049/a-tight-rock-jr

https://soundcloud.com/user-559535049/b-tight-rock-jr

Io  non conosco per niente questi sistemi se non di nome... posso dire solo che ascoltati tutti i sample, trovo buoni solo A con ds1 e sempre A con tight rock jr..non so se sia o con l'iridium o meno..quasi spero di si. 😁

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho HX Stomp da qualche mese e mi ritrovo con molte delle considerazioni di Marco, anche se al momento l'utilizzo che ne faccio è molto basilare: la tengo nella board per i delay, rev e qualche altro effetto (di fronte all'ampli). Quindi no AMP/CAB/IR.

Quando rinizieremo a suonare live mi piacerebbe sfruttarla anche in diretta (piccoli locali, acustica, ecc).

Avendo tutti gli aux del mixer già occupati dagli altri elementi del gruppo, come potrei monitorarmi? Entro in una cassa PA (ho una RCF Art) e l'uscita al mixer?

Voi come vi ascoltate dal vivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

fatte altre prove. I pedali possono suonarci discretamente bene, a patto di calibrare molto attentamente il gain, che deve essere basso. 

Il Rockett Caliber .45 è il migliore che ho. Il Mad Professor Royal Blue Overdrive reagisce in modo molto diverso rispetto a come si comporta sulla plexi, va fatta una regolazione molto fine. Il Mad Professor Little Green Wonder invece ci suona bene pure lui, ma a gain relativamente basso. Parlo sia di Iridium che di HX Stomp.

Sull'HX ho cambiato in e out da inst a line. Non ha senso in ingresso, lo so, ma mi pare suonare meglio.

 

E poi, ir di York Audio. E' cambiato tutto, sia per Iridium che per HX.

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 ore fa, marco_white dice:

E poi, ir di York Audio. E' cambiato tutto, sia per Iridium che per HX.

 

Quindi hanno ragione gli americani a consigliare York Audio. Quali hai messo, il Matchless pack? 

 

Questione gain, quando si suona in digitale bisogna sempre andarci cauti e ridurre molto. È una cosa che notai già col mio primissimo approccio al digitale, col Torpedo CAB. Su un ampli più aumenti volume e gain dei pedali, più suona bene perché l'ampli comprime e aggiunge armoniche. Su un digitale invece devi chiudere entrambi, perché un digitale che ha davanti un pedalino con gain e volume a cannone va in clipping. Il suono non migliora, peggiora. E a volte anche prima di arrivare al clipping, diventa più intubato e scuro.

Hai sentito come suonano i miei pedali dentro Iridium? Perché non posti anche tu qualcosa? Sarei curioso di sentire come suona coi nuovi IR. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minutes ago, PinkFlesh said:
 
Quindi hanno ragione gli americani a consigliare York Audio. Quali hai messo, il Matchless pack? 

 


Molta ragione. In realtà son belli tutti.
La Marshall 4x12 coi greenback ha il “thump” quando picchi o fai palm mute, ma ha anche il graffio tipico.
Il Deluxe Reverb sui puliti è bagnamutanda.
La friedman suona enorme, pure troppo.

La cassa Matchless ha due coni diversi come la Friedman, sto usando solo i mixes, devo sperimentare meglio coi mixes su singolo cono. Si sente il combo, ma è bella anche per quello.

Le tre Mesa, tutte con V30, 2x12, 4x12 classic e 4x12 oversized le ho provate velocemente e mi sono piaciute, e a me i V30 non fanno impazzire.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
5 ore fa, marco_white dice:

 


Molta ragione. In realtà son belli tutti.
La Marshall 4x12 coi greenback ha il “thump” quando picchi o fai palm mute, ma ha anche il graffio tipico.
Il Deluxe Reverb sui puliti è bagnamutanda.
La friedman suona enorme, pure troppo.

La cassa Matchless ha due coni diversi come la Friedman, sto usando solo i mixes, devo sperimentare meglio coi mixes su singolo cono. Si sente il combo, ma è bella anche per quello.

Le tre Mesa, tutte con V30, 2x12, 4x12 classic e 4x12 oversized le ho provate velocemente e mi sono piaciute, e a me i V30 non fanno impazzire.

 

Ma parli sempre di ir York audio? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minutes ago, newsound said:

Ma parli sempre di ir York audio? 

 

si. Mi sto concentrando solo su quelli, anche se ho comprato anche i Greenback di David Hislop. Considera che di Celestion ho tutto.

Hanno anche l'enorme vantaggio di essere ben organizzati e suddivisi in due cartelle. Una cartella contiene varie riprese con singolo microfono. I microfoni sono tutti i classici, in 4 posizioni distinte, riconoscibili grazie a un immagine che allega. Poi c'è una cartella denominata "mixes", con 15 riprese circa di microfoni blendati, a suo gusto. Ti dice solo quali microfoni sono, senza sigle che manco un egittologo saprebbe tradurre.  (le cartelle di David Hislop invece sono un casino) I mixes 1 sono 121+57, il 9 sono sempre 160+SM7b. Provo quelli per ora, e basta, poi vedremo. Mi ha reso la vita molto più semplice.

 

A proposito, domanda per tutti, ma come diavolo si fa a mettere in ordine alfabetico la lista degli IR nell'editor Strymon? Li ordina alla membro di segugio, e non ho capito perché.

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 ore fa, marco_white dice:

cuffia, la rcf l'ho proprio smontata, non è cosa una cassa da PA in cameretta, ha ragione @PinkFlesh

 

In un ipotetico live andresti diritto nel PA? Pensi che sia necessario rivedere i suoni?

 

sperando di non uscire fuori topic...a me resta sempre il dubbio di come monitorarsi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×