Jump to content

ago

Members
  • Content count

    1,567
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    19

ago last won the day on October 19

ago had the most liked content!

Community Reputation

898 Excellent

7 Followers

About ago

  • Rank
    don't panic
  • Birthday 02/06/1969

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Torino

Recent Profile Visitors

7,696 profile views
  1. ot: scusata ho scritto Belle epoque ma è Belle epoch. stavo pensando al Can Can sicuramente!
  2. senza avere il tutto fra le mani e un bel multimetro non è semplice. ti dico quello che farei io se capitasse a me e non avessi sotto mano niente, probabilmente son tutte cose che hai già fatto ma per sicurezza faccio un elenco: per primissima cosa controllerei che tutti i cavi siano funzionanti, senza tester prenderei un effetto, lo collegherei ad ampli e chitarra e proverei tutti i cavetti di alimentazione e tutte le uscite. fondamentale collegarlo alla chitarra almeno, molti effetti hanno lo switch di accensione incorporato nel jack. questo passaggio è fondamentale (chiedimi come lo so). una volta appurato che tutto funzioni a dovere prenderei un cavetto e con il Belle epoque collegato alla chitarra e all'ampli vedrei se funziona uscita per uscita del Carl Martin senza null'altro collegato. tenuto conto che funziona fino a 18v, proverei anche a spostare i microswitch del CM sui 12 v. ripeto, attaccando all'alimentatore solo il BEpoque. appurato che non suona passerei a collegare il BEpoque in daisy chain con un altro effetto. naturalmente la daisy chain è stata testata prima come funzionante. quindi collegherei i due effetti a chitarra e ampli e proverei tutte le uscite. se non funzionasse in nessuna uscita eccetto una (la 5) credo che come minimo alzerei gli occhi al cielo e scomoderei un mucchio di santi uomini di chiesa, dopodichè aprirei il BEpoch e anche il Carl Martin e andrei a testare le continuità dell'alimentazione. ci deve essere un motivo percui la 5 sì e le altre no, ma si può vedere solo con uno strumento di misura. però potrebbe accadere che rifacendo tutte le prove con i dovuti controlli qualche cosa di nuovo possa saltare fuori. se poi il tutto prima funzianava a dovere, il primo sospetto sarebbe proprio il BEpoque, oppure la daisy chain. se lo avessi proverei ad alimentarlo a parte con un altro alimentatore (ad esempio quello di uno strymon, o di un altro effetto digitale) e vedere cosa succede. ultimissima cosa, lo manderei a qualcuno che possa dargli un'occhiata.
  3. DC Output 1-6.....9V DC 150mA each Or.......................12VDC 110mA each DC Output 7-8.....9V DC 350mA each Or.......................12VDC 220mA each Max output current.................1600mA questi sono i valori per le varie uscite
  4. mmm, allora il manuale dice che ha bisogno di 70 mA, fin a quanto arrivi con la tua uscita? perché se fosse un'uscita da 100 mA e prima o dopo hai qualcosa che fa superare i 100 mA allora potrebbe essere quello il problema. Quale uscita del Carl Martin Pro utilizzi?
  5. ago

    Amplifier Co. of America

    Ero con la 339 e la pedaliera piccola che come sezione OD ha un Box of Rock e sono semplicemente entrato nell'ampli in modalità parallela, cioè il segnale si sdoppia e si miscela con i due pot dei gain. La testata era collegata ad un case Fender svuotato e usato solo come cassa. La prossima volta controllo quale cono monti. Grazie! Assolutamente! devo chiedergli di smontare la copertura e farmi fare una foto!!
  6. ma quando alimenti l'altro pedale, i due pedali sono collegati da un cavo patch (segnale)? perché se provi ad alimentare i due pedali ed essi non sono collegati da nessun altro cavo non dovrebbe funzionare e allora ha ragione Dado e c'è una massa interrotta. Se invece funziona lo stesso, allora forse ci va uno stregone voodoo, eh ehe . Seriamente se invece capita che funziona lo stesso allora ci dobbiamo riflettere un momento.
  7. Metto questa robina qui su Radio Elettra perché voglio buttare giù due parole su questo ampli rimesso a posto dal mio amico B. Risale forse al 1946, ed è stato restaurato e reso "chitarristico" cercando di salvarne l'originalità il più possibile (soprattutto trasformatori e valvole di pre, che purtroppo non ho potuto fotografare ma sono tutte in metallo). Monta due 6L6 ed è super spartano, i due canali possono essere messi in parallelo o in cascata, così da dare due voci diverse all'ampli. Io l'ho usato in parallelo, con la mia 339 e un box of rock autocostruito e mi è piaciuto tantissimo. Ha un pulito stratosferico, è silenziosissimo e prende i pedali che è un piacere, sotto le dita lo senti ruggire o sussurrare. So che per molti di voi è pane quotidiano, ma a me suonare un ampli del '46 ha messo in moto un mucchio di emozioni. Abbiamo suonato un due orette e abbiamo registrato la prova, tutta improvvisata. Vi metto un pezzettino di nascosto, perché il mio amico B. (che è il batterista) ha dimenticato di accendere i microfoni della batteria e quindi l'ha registrata solo dai panoramici e dice che la registrazione non è buona. Secondo me si sente molto bene, pure troppo (che si capisce che suono da minchione) però il suono di chitarra mi sembra molto vicino a come lo sentivo in sala, magari piace anche a voi. Metto il link di Dropbox e lo lascio per qualche giorno, non vorrei che poi si arrabbiasse e non me lo facesse più suonare! https://www.dropbox.com/s/58lww4lnqvtztov/2020-10-14 Agostino-Davide-Biula - Idea2.mp3?dl=0
  8. (lo dico sottovoce, ma a me importasega del catalogo nuovo, tanto compro solo l'usato. Ci penserò tra qualche anno se valgono la pena o meno...)
  9. ago

    Miglior stagno con piombo?

    @black_label Dici quello che ho linkato su amazon? non l'ho ancora usato sui pot ma se non hai fretta faccio una prova in questi giorni e ti rispondo!
  10. Andiamo pure al di là dell'estetica (che mi sembra meh, più senza lode che senza infamia): dal punto di vista dei materiali è sicuramente meglio di un tail piece die-cast, la lavorazione in cnc ecc. ecc. comporta sicuramente un passo avanti ma è tutto da dimostrare che possa restituire un suono migliore, ed il perché lo sappiamo tutti, non ci sono parametri misurabili e ogni chitarrista ha le sue fisime, e se a comandare è il proprio orecchio nessuno ha torto e nessuno ha ragione (i parametri di cui il video parla sono infatti attacco, sustain e un molto indefinito power, che se non mi dai una unità di misura nn significa niente). Dal punto di vista della funzionalità probabilmente facilita il cambio corde (non mi sembra un aspetto strategico) ma ad esempio impedisce di regolare l'altezza del tail piece; se volessi modificare l'angolo di incidenza delle corde con le selletet del ponte non posso (e questo mi sembra su una gibson, invece, non trascurabile). Non ho idea di quanto costi e se pure costasse una cifra sensata forse non è la parte su cui mi concentrerei per modificare il timbro della mia chitarra. Siamo sempre alla ricerca dell'idea nuova che in qualche modo possa rivoluzionare il suono senza modificare troppo la tradizione, probabilmente non ci siamo ancora, la ricerca continua......
  11. ago

    Roba di valvole...

    Sui puliti preferisco le kt66, mentre dal crunch in su le EL34. Bel video!
  12. ago

    Taured

    Fatto!
  13. ago

    Taured

    Grandissimi! Conosco molto bene il caso Zanfretta, devo avere anche un libro dell'epoca che ne raccoglie la storia (nella mia sezione minchiat... eh mmm, cioé Ufo, vabè è lo stesso, ne avrò più di 200, sono minchione anche io!) Ma dobbiamo passare da Bandcamp? lo prenoto ma voglio una copia autografata!
  14. ago

    Miglior stagno con piombo?

    Quoto Dado, naturalmente. E ora che so che usa il silver gold posso dare una nuova dimensione alla gaiezza che qui ci rappresenta un po' tutti! Dipende cosa devi saldare; una stazione saldante come la Ersa va bene per tutto, io ne ho due una più potente con punte belle grosse per le robe d'assalto e una piccola per la saldature di precisione. Ma per molte cose anche un saldatorino da 10 euro, se usato bene, può andar bene. Da tenere a casa ne ho preso un su Amazon, custodia, pinzette, succhistagno, saldatore regolabile e un rocchetto di leadfree a 16 euro. (https://www.amazon.it/gp/product/B07Y34HSK1/ref=ppx_yo_dt_b_asin_title_o07_s00?ie=UTF8&psc=1 ) Ci ho riparato ieri il pad della batteria elettronica di un mio amico a cui si era staccato un condensatore. Cosa ci vuoi fare? saldare i cavi? rifare i wiring? così vediamo di darti un consiglio appropriato,
  15. ago

    Miglior stagno con piombo?

    Ad esempio questo https://www.banzaimusic.com/Solder-SN60-0-90-250g.html ha un diametro di 0.9 mm, va bene un po’ per tutto.
×