Jump to content

ago

Members
  • Content count

    1,747
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    21

ago last won the day on August 30

ago had the most liked content!

Community Reputation

1,135 Excellent

7 Followers

About ago

  • Rank
    don't panic
  • Birthday 02/06/1969

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Torino

Recent Profile Visitors

10,704 profile views
  1. Al mio Deville ho cambiato il taper, diciamo che ora è (leggermente) più progressivo, ma come dice Dado anche se cambi il pot non hai risultati sensibili, IMHE.
  2. ago

    Amplificare l'acustica

    guarda, io ho un Irig Acoustic. L'ho preso usato per una manciata di euro, se non deve essere una roba esoterica e non vuoi intervenire sulla chitarra potrebbe essere una possibilità.
  3. ago

    Conversione a fretless

    Molti anni fa (25?) ho iniziato la trasformazione di una Aria elettrica in fretless. La chitarra è ancora oggi smontata in una scatola. Errori di gioventù, ma hai pensato con cosa sostituire i tasti che toglierai? Che radius impostare alla tastiera? Altezza del capotasto? Non è proprio la stessa cosa di suonare un basso fretless, intonare è più complicato. Tutte queste domande a cui non ho saputo dare risposta mi hanno fermato ma c’è da dire che 25 anni fa trovare informazioni su queste cose era impossibile, oggi magari trovi il tutorial su YT.
  4. Bella segnalazione Auro! lo cercherò.
  5. ago

    Un paio di mod sulla mia tele

    Quoto @paolo.axe, su una delle mie due tele ho messo il selettore a 4 posizioni e i due pickup in serie sono molto utili e interessanti.
  6. ago

    Niu Stramogn

    Secondo me l'aggiornamento della controllabilità degli effetti con il midi è una buona idea. Certo l'idea è un po' gattopardesca ma alla fine se per molti (anche se non per tutti) la qualità già c'è meglio mantenerla e lavorare sull'accessibilità e sul controllo. Capisco che ad alcuni dia fastidio il buffer, a me personalmente no, ma dipende dai suoni e dagli stili. E poi basta mettergli davanti un buffer più musicale ed elimini buona parte dell'impatto di quello Strymon, IMHO.
  7. Io ho l'impressione che l'epoca chitarro-centrica della musica si sia conclusa, ciò non significa che non ci saranno più gruppi che la useranno, anzi, probabilmente diventerà una nicchia, o una serie di nicchie, per orecchie sempre più specializzate. Da un lato ci saranno innovazioni tecniche avanzate e dall'altro torneremo a suoni scarni e ruvidi. Dalla Cina e dal Giappone grandi esecutori, dall'Africa invece suoni più ruvidi ma più emozionanti. Mi sembra di vedere queste due tendenze, e comunque penso che di Hendrix ce ne sia già stato uno (che senso avrebbe dire, ad esempio, ma oggi Cavour non sarebbe più ministro dell'agricoltura; oppure ma se Colombo rinascesse non potrebbe più fare il suo viaggio; mi sembra un ragionamento giusto per prendere i click) e se qualcosa di nuovo dovesse accadere sarà un approccio diverso, magari nella tradizione (come il compianto SRV) ma diverso. Oggi l'America non la si può più scoprire, ci ha già pensato Vespucci, e al povero Cook toccò accontentarsi dell'Oceania. Insomma le cosa non accadono mai due volte e se lo fanno diventano una farsa (Marx docet). Faccio cross-posting e dico che a me piace un sacco Bombino, e la scuola orientale invece un po' mi fa dormire. E dire che andavo, e vado tutt'ora, pazzo per Stomu Yamash'ta.
  8. ago

    Ma voi cambiate i settaggi?

    Cambio in maniera progressiva, un po' come la deriva dei continenti, lentamente ma inesorabilmente. Ogni tanto un terremotino, e allora cambio tutto, ma raramente. Però ho 3 board, con suoni abbastanza diversi (forse 4, se la pigrizia mi molla un po' e mi fa finire l'ultima).
  9. L'Honey-bee è uno degli overdrive più belli che mi sia mai costruito. Il boost sulle medie mi sembra interessante anche se non fondamentale, a mio parere. E comunque Bjiorn è un grandissimo progettista, le sue cose mi stupiscono sempre per semplicità, musicalità e utilità.
  10. scusate, eh, ma la realtà a volte va affrontata di faccia. Nel video originale le corde non sono attaccate al nulla, come si dice e viene fatto credere, ma a due ENORMI tavoli di legno. Non puoi attaccare nulla al nulla, gli occhi vedono, ma non capiscono ciò che si vede. Non è che se il legno, o qualunque altro tipo di materiale, non sta sotto la corda, allora abbiamo un sistema in cui la vibrazione non sia influenzata da nulla. giusto così per dire, il trilemma di Münchhausen sembra sia ancora valido.
  11. ago

    Ma Universal Audio dice:"Ah sì? O piglia!"

    mi corrego, pessimi solo quelli di Robea, che di solito mi piace ma qui, boh
  12. ago

    Ma Universal Audio dice:"Ah sì? O piglia!"

    mah, forse sarà una questione di gusti o di orecchio ma i suoni mi sembrano pessimi, a differenza di Iridium che invece trovo gradevole e utilizzabile (a casa, poi quando vado in studio e accendo i miei ampli, per quanto proletari, la differenza c'è, ma questo non mi impedisce di divertirmi con entrambi). Non sentite sotto una specie di ravis digitale?
  13. ago

    Comodini Roché

    Nickel e sei allergico fa lo stesso, cremina oppure la lasci in cameretta.
  14. ago

    Piccolo consiglio

    però direi Flanger Chorus e Phaser abbastanza "utili" https://guitar.com/rig-diagrams/rig-diagram-robert-smith-the-cure-1996/
  15. ago

    Piccolo consiglio

    Grandissimo! non so dirti cosa portare ma la situazione mi sembra fichissima!
×