Jump to content

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation on 01/08/2024 in all areas

  1. 2 points
    Eh il CS-80, auguri a trovarne uno da qualche parte. Rarità e costo a livelli Dumble, infatti Antonino ti spiega come fare lo stesso suono col Prophet-5 che costa sempre un occhio della testa, ma ha prezzi umani a confronto ed è di più facile reperibilità. Io ho il Korg Minilogue che mi piace pensare essere un CS-80 downsized e portatile. MJ, a parte Porcaro, Lukather, VH, si è sempre circondato di musicisti di alto livello, anche dal vivo come il suo batterista Moffett. Mutare un piatto con due mani è facile. Mutare un piatto con una mano è difficile. Mutare contemporaneamente due piatti è ancora più difficile. Mutare contemporaneamente due piatti che si trovano alle tue spalle è da mascella calata perchè si va totalmente alla cieca.
  2. 1 point
    articolo interessante su Accordo in mezzo alle marchette? Comunque di base li capisco eh, tirare a campare nel digital world non è facile. Comunque qui il tipo che li ha fatti, ci spiega i suoni di Michael Jackson e non solo. Ovviamente, manco a farlo apposta, il tipo pare abbia origini italiane. Il suo canale con dentro un sacco di roba interessante qui: https://www.youtube.com/@anthonymarinellimusic/videos L'articolo di Accordo: https://www.accordo.it/article/viewPub/106391?co=1#commenti Il basso leggendario di Billie Jean: Prego i moderatori di non bannarmi per aver citato Accordo pure se avrebbero pienamente ragione, dai in questo caso la faccenda è abbastanza interessante.
  3. 1 point
    https://www.kemper-amps.com/forum/thread/62243-ahhh-what-s-that-a-new-kemper-model-profiler-player/?postID=667924#post667924 Cristoph Kemper risponde alle osservazioni più comuni fatte sul piccoletto. Traduco a senso: -non ha il display: il Player nasce dalla volontà di ridurre il KPA a un formato ultraportatile con un approccio quasi-analogico. Abbiamo deciso fin da subito di rinunciare a un display grafico perchè gli encoder rotativi mostrano il loro valore sui LED a corona attorno a ogni encoder. Ve ne accorgerete la prima volta che suonerete il Player. Abbiamo ritenuto superfluo un display che mostrasse i nomi dei rig anche perchè la nostra app permette la visualizzazione e l'accesso a tutti i 50 Rig con un semplice tocco sullo schermo. Un tablet Kindle Fire costa meno di 100€ in molti paesi, inoltre molti di noi hanno già un tablet e quasi tutti hanno uno smartphone. Insomma, il display già ce lo avete. Per avere un display abbastanza grande da visualizzare direttamente sul dispositivo tutti i parametri, avremmo dovuto eliminare quasi tutti gli encoder, lasciando solo gain, volume e poco altro. Non era quello che volevamo, sapendo che molti utenti preferiscono comunque editare i suoni utilizzando l'app su telefono. - non può gestire gli stessi rig del Profiler/Stage Il Player in teoria è in grado di far suonare gli stessi rig del Profiler rack/testata e della Stage, ma penso che sia comprensibile che non potevamo vendere un Kemper completo con le stesse funzioni di una Stage, alla metà del prezzo. Stiamo valutando quindi se rilasciare uno o due aggiornamenti software (a pagamento) che porteranno il Player verso Head, Rack e Stage. Stiamo valutando anche la possibilità di creare profili col Player. Ci sono alcuni problemi da risolvere, ad esempio come utilizzare l'unico input del Player per il return e per poter fare quindi un confronto A/B. - ha un solo XLR Il Profiler Player è dotato di un'uscita XLR mono e di un'uscita TS stereo. Altri sistemi digitali hanno solo uscite TS sbilanciate. In sala prove puoi suonare in stereo con le uscite TS, sul palco puoi usare la DI box che ti darà il fonico, oppure averne una di tua proprietà così il fonico non si stresserà quando il tuo tastierista avrà bisogno di quattro DI box (cosa che a volte fanno i tastieristi). - non ha il loop FX Kemper Stage dispone di due loop FX indipendenti per collegare pedali esterni. Il Profiler Player non ne ha nessuno. Lo scopo del loop FX è bypassare e attivare certi effetti cambiando interi rig, agendo quindi come una patchbay programmabile. Tuttavia, c'è anche lo svantaggio di far sì che i pedali esterni subiscano un'ulteriore conversione da analogico a digitale. Nel caso del Player basta collegare overdrive, wah, distorsione nell'input, uscire dal Player ed entrare negli effetti di ritardo stereo. L'uscita TS dell'ultimo effetto della catena sarà l'uscita della tua pedaliera. Per connettersi a un PA/FOH potrebbe essere necessaria una DI box, in questo caso vale quanto detto al punto precedente. Non è necessario alcun loop FX per aggiungere effetti esterni, basta collegarli in serie al Player. Non ci saranno problemi di livello o impedenza. Comunque, il Player è stato progettato per essere un amplificatore digitale per chitarra e anche un processore effetti autonomo, consentendo quindi di accorciare di molto la catena effetti. Insomma, il Player in futuro potrebbe diventare una sorta di Kemper Stage/tostapane a prezzo proletario, a patto di riuscire a rinunciare al display e a un po' di input/output.
  4. 1 point
    Vabè ma è ampiamente risaputa sta cosa, mica lo scopriamo adesso.
  5. 1 point
    attualmente ho un Flint ed un RV6 per questo penso che possano andare più che bene:
  6. 1 point
    Stg g-16ce Pro, sigla lunga che identifica una chitarra made in china col quality control koreano. Prezzo sul nuovo intorno ai 500. Top abete massello, fondo e fasce mogano laminato, palissandro relativamente figurato ma un po' slavato per la tastiera, elettrificata con piezo e mic, controlli in buca col blend. Si percepisce che è economica? Si, un occhio attento nota che il retro è opaco senza particolari venature, nonostante il top carino dissimuli la costruzione. Un po' come l'albero di Natale. Orripilante il finto tartarugato, la voluta, fa storcere un po' il naso l'accoppiata legni, sempre sul retro. Perfetti gli incastri e la lavorazione, non gli ho riscontrato difetti. Meccaniche grover precise, intarsi e paletta carini, amplificazione che non ho ancora avuto tempo di provare ma che sulla carta promette bene. E' uno strumento che punta sullo strumming, rimanendo sempre dolce, non chirurgico, alte discrete, basse un po indietro, con un radius leggermente curvato che conferma la direzione scelta. Fingerpicking ce lo si fa ugualmente, con qualche accortezza dato anche dal manico che ha un profilo un po' troppo cicciotto, almeno per me che apprezzo il V Action perfetta fatta da liutaio con 12 53, l'ho presa usata (diciamo... pare nuova) per mia figlia che fa strumento alle medie da un tizio che le ha preferito una eko Mia col topo in cedro. Non sto parlando del non plus ultra tra le acustiche, intendiamoci, però suona discretamente bene. Riflessioni? La fascia economica sforna strumenti dignitosissimi, si potrebbe usare live senza sfigurare, grazie anche a un setup ben riuscito, che denota una posizione precisa dei tasti. Penso che 15/20 anni fa non fosse così, quelle economiche che ebbi modo di avere/suonare erano di cartone. Se riesco carico due samplini a cazzo fuori tempo fatti col telefono, qualcosina si scorge lo stesso.
  7. 1 point
    La parte interessante per i chitarristi è che Thriller l'ha suonato Lukather, chitarre e basso. Assieme ai fratelli Porcaro, per una buona parte dei pezzi erano i Toto 😄 E come la ritmica di Beat It è stata rifatta, alla fine con i Fender, e di EVH è rimasto il solo.
  8. 1 point
    il Golden è un pedale di tutto rispetto, lo spring secondo me è il migliore in circolazione. L'hall se la gioca alla pari con il Neunaber wet che avevo. Non ci "dovresti" tirare fuori effetti Strymon/Meris, uso il condizionale perché l'ho avuto appena uscito come anche lo Starlight,ed erano un pò poveri di features, poi quando ripresi quest'ultimo aveva un casino di presets caricati nell'app che ci tiravano fuori roba che non pensavo.
  9. 1 point
    rubi tu che rubo anch'io...
  10. 1 point
    LP ganzissimo , ..rip Walker...
  11. 1 point
  12. 0 points
    in Sardegna bravissimi liutai ma tecnici esperti come voi non ne conosco. Provo un po' a chiedere.
×