guitarGlory

PAF… qualche prova comparativa

58 risposte in questa discussione

Come avevo preannunciato un po’ di tempo fa, finalmente sono arrivati tutti i pickups PAF style che io e qualche amico Lespollaro aspettavamo!

Così abbiamo dato vita a una comparativa cercando di mantenere la prova il più possibile obiettiva e scientifica, testandoli tutti sulla stessa chitarra (una ’59 Collector’s Choice del 2014), con le stesse cover (due set di DMC aged), regolandoli a modo, e con pots della chitarra tutti selezionati >500k.

 

 

Va detta una cosa: sapevamo già prima di iniziare che questa prova sarebbe stata limitata, oltre che dall’impossibilità (soprattutto economica) di procurarsi TUTTI i pickup sul mercato - e magari anche più set dello stesso produttore -  dal fatto che alcuni pickups si sarebbero sposati al meglio con quella determinata chitarra, esaltando le caratteristiche di base dei legni, ed altri meno… in pratica quello che avrebbe reso la prova “scientifica”, cioè il mantenere fissa la costante “chitarra”, sarebbe stato al contempo anche il fattore che avrebbe reso la prova non esaustiva, perché con altre chitarre si sarebbero potuti ottenere altri risultati.

Prendete dunque cum grano salis la nostra classifica ;)

Il tempo a disposizione ci ha purtroppo impedito di registrare le video demo che avevamo in programma di fare all’inizio… sarebbe stata veramente troppo lunga e dispendiosa in termini di tempo, per una prova tra amici che aveva - di fatto - la finalità di scegliere il set da montare sulla chitarra in questione.

 

 

Questi nell’ordine sono i pickups provati, in un pomeriggio di saldature forsennate: ormai cambio pickups e cover in 10 minuti netti… pit-stop da formula uno :sorrisone:

 

- Gibson ’57 Classic

- Wizz Premium Clone

- Gibson Custom Buckers

- Pickupmakers PMS-59

- Flametone

- Seymour Duncan Antiquity

- Area59

- Stephens Design (HD59 al ponte e PG non reverse al manico)

 

 

Lì accanto, su un’altra CC dello stesso anno (e dal suono “acustico” molto simile), avevamo come riferimento una coppia di PAF originali, anch’essi con cover DMC aged.

Cercherò di fare una breve descrizione per ogni set, con pregi, difetti e sensazioni sotto le dita; per completezza riporto anche il materiale del magnete e le misure d’impedenza per bridge e neck (prese direttamente sui conduttori prima di montare ciascun pickup).

 

’57 Classic

 

(entrambi alnico II, paraffinati; bridge 7,85k – neck 8k)

 

Iniziamo bene… i peggiori del lotto :sorrisone:

Bassi assenti, acuti zero, una palla di medioalte vagamente confuse… un pregio, se lo si vuole trovare, è che sono quelli più facili da suonare, perché la compressione e la mancanza di definizione perdonano tutto.

Una nota a margine: paradossalmente, sono tra i miei pickup preferiti sulle 335.

 

 

Wizz Premium Clone

 

(entrambi alnico IV, non paraffinati; bridge 8,5k – neck 7,6k)

 

I più marci del lotto, con un quack pronunciatissimo e swirling mids a go-go… sono molto belli se si cerca molto schiocco, attacco al limite del fastidioso e un suono quasi telecasteroso; in pratica sono l’esatto opposto dei ‘57 Classic.

La tendenza alla microfoncità su questo set (ma anche su altri Wizz provati) è davvero tanta, e ne va tenuto conto se si suona a gain e volume altini… per me sarebbero praticamente inusabili, ma per un blues vecchia scuola sono parecchio belli.

 

 

Gibson Custom Bucker

 

(entrambi alnico III, leggermente paraffinati – bridge 8,4k – neck 7,8k)

 

Premetto che di questi ne ho provati tanti, quindi il giudizio risente un po’ anche delle precedenti esperienze, che comunque confermano l’impressione di questo set.: oltre a questo, va anche detto che suonano tutti abbastanza diversi tra loro, ma comunque il carattere di base è quello.

Precisini, addomensticati, e a loro modo eleganti se vogliamo, con bassi profondi e a fuoco, acuti sottili e medie indietro… insomma, suonano molto equilibrati, ma impersonali: in poche parole non hanno niente del suono PAF :facepalm:, ma possono comunque piacere.

 

 

PickupMakers PMS-59

 

(entrambi alnico V, non paraffinati; bridge 8,2k – neck 7,8k)

 

Tolti i Gibson 57, sono quelli che mi sono piaciuti meno… hanno un buono schiocco, ma mancano di corpo e complessità armonica, il che si riflette in una risposta al tocco un po’ mono-tono: sia che si picchi come dannati, sia che si sfiorino le corde (è un iperbole eh ;), ma rende abbastanza l’idea) suonano allo stesso modo, con un “toc” sull’attacco che proprio non mi è andato giù.

I PMS-57 (in Alnico II) me li ricordavo più belli dall’unica prova che avevo fatto…

 

 

Flametone

 

(entrambi alnico II, non paraffinati; bridge 8,7k – neck 8k)

 

Sono stati una bella sorpresa, perché un po’ la fama del costruttore (collezionista di Burst abbastanza conosciuto e dal carattere – mi dicono – “particolare”) e un po’ il fatto che li usi Bonamassa me li rendevano indigesti a priori.

Il suono è bello, simile ai Wizz per l’apertura e l’attacco marcio, ma questi sono moooolto meno microfonici, il che me li fa preferire decisamente.

Hanno una punta sugli alti che li rende ben intellegibili, ma non troppo asciutti come a volte accade; anche i bassi sono giusti e… c’è una “croccantezza” di base che mi piace molto… insomma, non so quale sia la costanza nella produzione, ma questo set è decisamente promosso :lol:

 

 

Seymour Duncan Antiquity

 

(entrambi alnico II, non paraffinati; bridge 8,6k – neck 8k)

 

Sono un classico, dei buoni pickup di serie: diciamo senza infamia e con qualche lode, molto costanti come produzione, suonano veramente sempre uguali; il suono è equilibrato, con le medie giuste e buona definizione dell’attacco… in definitiva sono di ispirazione PAFfosa, ma manca la complessità armonica delle migliori repliche, suonano piatti rispetto a Wizz, Flametone, ma anche ad altri che vedremo in seguito.

 

 

Area 59

 

(entrambi alnico V, ma in due diverse leghe, non paraffinati; bridge 8,3k – neck 7,7k)

 

I migliori tra gli umani… per chi cerca il suono AC/DC, fiondarcisi immediatamente! Si trovano a prezzi abbordabili sull’usato, suonano bene, hanno delle medie molto molto belle e un giusto bilanciamento tra apertura e microfonicità.

Questo è il terzo set che provo e, nonostante abbiano fama di produzione incostante, tutti e tre i set mi sono piaciuti; hanno la peculiare caratteristica di far suonare le LP un po’ tipo SG cattivella (so che sembra una bestemmia… è per dare l’idea, non prendetela alla lettera): aperti, brillanti, con le medie che cantano e bucano il mix alla perfezione.

 

 

Stephens Design

 

(entrambi non paraffinati; Bridge HD59, in alnico II – 8,9k; Neck Peter Green in fase, in alnico V - 8,1k)

 

Frullate insieme le migliori caratteristiche dei precedenti, aggiungete un calore sulle medie e una ciccia che nessuno degli altri ha… ed ecco gli SD!

Non c’è storia, sono il top: io li ho già su due delle mie Les Paul, e alla fine anche sulla chitarra della prova (non mia) ci son finiti questi; la sensazione iniziale che danno è la stessa dei PAF originali, trasmettono insieme piacere e una sorta di timore nel toccare le corde, perché tutto quello che si suona esce arricchito di frizzi e lazzi e armoniche e… insomma, sono una goduria da suonare e pure da ascoltare!

Hanno solo due “ma”: sono di sicuro i più costosi, perché per un set in versione aged e con cover si supera il millino tra spedizione, tasse, iva ecc, oltre a dover aspettare svariati mesi; l'altro "ma" è che sono quelli più tosti da suonare, perché non perdonano nulla… però, una volta abituati a questi, si fa fatica a rinunciarci, e qualunque altro pickup a parte i PAF originali sembra mancare di qualcosa.

 

 

Dulcis in fundo, la mia personale classifica, che avrete già dedotto da quanto sopra:

1) Stephen Design: i più completi e quelli che catturano meglio il suono PAF

2) Flametone: un gradino sotto agli Stephens, rispetto ai quali perdono un pizzichino sulle medie

3) Wizz: belli se si cerca molto schiocco, ma veramente troppo microfonici

 

 

Menzione speciale per gli Area 59, sorprendenti rispetto al prezzo.

 

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ottima recensione Lory, per poco che conti, mi ritrovo in tutto e per tutto in quel che scrivi.

Solo una domanda, i custom bucker sono quelli del 2014 che montava di serie la CC?

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bravo Lore! e tutta la squadra del pit stop!

Ne ho provati solo alcuni di quelli proposti dalla tua rece, i '57, i custom Bucker, gli antiquity ed i flametone.

concordo in tutto cio' che hai scritto, l'unica sensazione differente che ricordo dei flametone è l'estrema ricchezza armonica a volume abbastanza contenuto, e  la scomparsa di tutto questa bellezza ed intelleggibilita' a volumi sostenuti. 

 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
27 minuti fa, francè dice:

Ottima recensione Lory, per poco che conti, mi ritrovo in tutto e per tutto in quel che scrivi.

Solo una domanda, i custom bucker sono quelli del 2014 che montava di serie la CC?

 

I Custom Bucker che ci abbiamo provato erano di una CC#6 upgradata qualche tempo fa... avevamo a disposizione anche i miei pickups originali di Nicky, ma non li abbiamo provati perché non si è mai capito con precisione cosa siano, se Custombucker in alnico II, o BB3... c'è un po' di confusione al riguardo, perché la scheda tecnica che aveva pubblicato la Gibson era sbagliata (poi sono i miei e non glieli avrei comunque dati :lol:).

 

15 minuti fa, winslow leach dice:

Bravo Lore! e tutta la squadra del pit stop!

Ne ho provati solo alcuni di quelli proposti dalla tua rece, i '57, i custom Bucker, gli antiquity ed i flametone.

concordo in tutto cio' che hai scritto, l'unica sensazione differente che ricordo dei flametone è l'estrema ricchezza armonica a volume abbastanza contenuto, e  la scomparsa di tutto questa bellezza ed intelleggibilita' a volumi sostenuti. 

 

 

Riguardo ai Flametone, posso dire la mia solo su questo set preciso, mai provati altri... ah, ho dimenticato di dirlo: la prova è stata fatta col prototipo in modalità plexi '67, ai miei consueti volumi da casa... equivalenti più o meno a quelli di un palco grande all'aperto :lol: 

Però abbiamo anche testato ogni set a volumi normali: io non ci ho trovato grandi differenze sui Flametone a volume basso o alto, ma non escludo che altri set possano essere diversi.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, guitarGlory dice:

 

Però abbiamo anche testato ogni set a volumi normali: io non ci ho trovato grandi differenze sui Flametone a volume basso o alto, ma non escludo che altri set possano essere diversi.

certo, avete ristretto  il numero ma le variabili sono sempre un'infinita'!

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella e interessante prova, bravi! :smile:

 

Io da anni uso i Classic 57 e debbo dire che mi trovo bene e ci tiro i fuori i suoni che mi servono live.

Spesso mi viene voglia di provare un set di pickup boutique (specie leggendo questo forum, eheheh), ma alla fine, anche per pigrizia, rimango fedele al detto "squadra che vince, non si cambia".

E' anche vero che non possiedo chitarre di così alto lignaggio ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella prova, ne "esco" per procura convinto che i Wizz non facciano per i miei gusti. Mi hanno incuriosito le recensioni dei flametone che ho sempre snobbato. Peccato non aver avuto modo di confrontare anche Monty's e OX4 che mi pungolano ma ovvio che non ci possono essere tutti ed avete fatto sempre e comunque un gran lavoro per il quale il mio grazie è d'obbligo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Complimenti, bella prova! SD o Flametone vendono anche i pickup singoli o solo i set?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ho letto con molto interesse, come tutte le tue prove e recensioni...

 

Ma adesso i set avanzati li butti sul mercatino? :whistle::sorrisone:

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Se posso, vorrei segnalare  dimarzio Eric Johnson, la versione da manico. è un paf ed è bello chiaro, non credo che al manico si trovi molto di meglio, si tirano fuori dei puliti micidiali.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Gli OX4 andavano provati! Fra i PAF replica dal costo più contenuto mi sono sempre piaciuti (ne ho avuti 2 set).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Bella prova è bella recensione già dalle prime righe sui '57 ho capito che sarebbe stato interessante anche il resto.
Concordo in tutto e per tutto sui Wizz tranne che per il discorso micofonicità, Mosquito può confermare o smentire (erano i suoi).
In ogni caso il motivo per cui li ho presi sono per le caratteristiche da te descritte, sarebbe stato interessante un confronto anche con i BB 1 e 2, il mio al ponte non lo trovo qualitativamente peggiore del Wizz, nel carattere soprattutto trovo delle somiglianze.

Inviato dal mio Z00D utilizzando Tapatalk


Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
42 minuti fa, KJ Midway dice:

Concordo in tutto e per tutto sui Wizz tranne che per il discorso micofonicità, Mosquito può confermare o smentire (erano i suoi)

 

 

Assolutamente. Se i conti sono giusti ho avuto 6 set di Wizz (ne ho ancora 2 coppie) e nessuno fortunatamente mi ha dato problemi di microfonicità. La produzione comunque non è costantissima ma in linea di massima suonano come descritto.

Non mi ritrovo molto nella descrizione dei '57 Classic invece. Hanno le medie un poco avanti ma non direi che scarseggiano in alto o in basso. Sono dei pickup belli panciuti. Comunque per me restano tra i migliori pickup Gibson moderni, una spanna sopra a BB e Custom Bucker, almeno per quanto riguarda quelli avuti.

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
 
Assolutamente. Se i conti sono giusti ho avuto 6 set di Wizz (ne ho ancora 2 coppie) e nessuno fortunatamente mi ha dato problemi di microfonicità. La produzione comunque non è costantissima ma in linea di massima suonano come descritto.
Non mi ritrovo molto nella descrizione dei '57 Classic invece. Hanno le medie un poco avanti ma non direi che scarseggiano in alto o in basso. Sono dei pickup belli panciuti. Comunque per me restano tra i migliori pickup Gibson moderni, una spanna sopra a BB e Custom Bucker, almeno per quanto riguarda quelli avuti.
 


Concordo sui 57. Anch'io li preferisco ai burstbucker, che pure mi piacciono.
Secondo me sono entrambi ottimi set di pickup.
Ma è anche vero che non ho mai provato pickup boutique.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ma non c'era la storia che i 57 erano belli, ma quelli vecchi...mentre le nuove serie sono come descritto da Lory?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma non c'era la storia che i 57 erano belli, ma quelli vecchi...mentre le nuove serie sono come descritto da Lory?

Questa la sapevo anch'io tant'è che agli ultimi 57 che ho provato ho preferito i Seth Lover. Vabbè che li ho provati su una 335style e vabbè che è una epiphone

Inviato dal mio Z00D utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ma non c'era la storia che i 57 erano belli, ma quelli vecchi...mentre le nuove serie sono come descritto da Lory?


È quello che si legge in giro.
Quelli che uso io mi piacciono, sono mediosi, è vero, ma lo considero un pregio. Poi secondo me non sono scarichi di basse e poveri di acuti, anzi.
Non so se siano quelli nuovi o quelli vecchi però
Da quello che mi dicono, pare che siano i 57 plus a far cacare, ma non ho mai provato.
L'altro chitarrista della band ha una R9 (di qualche anno fa) con i BB e suonano molto bene, ma per il mio gusto preferisco i 57.
Per un periodo avevo puntato i Bareknuckle Mule, ma poi per pigrizia (e povertà ) ho lasciato perdere.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
15 ore fa, newsound dice:

Complimenti, bella prova! SD o Flametone vendono anche i pickup singoli o solo i set?

 

Non sono sicuro, ma Dave Stephens penso non abbia problemi a vendere anche un singolo pickup.

In teoria anche Flametone... dico "in teoria" perché non ci ho mai avuto a che fare direttamente.

 

14 ore fa, evol dice:

Gli OX4 andavano provati! Fra i PAF replica dal costo più contenuto mi sono sempre piaciuti (ne ho avuti 2 set).

 

Avremmo dovuto averli per la prova, ma all'ultimo il ragazzo che doveva metterli a disposizione si è tirato indietro... oltre a questo trascurabile particolare, non credo sarei riuscito a montare un altro set quel pomeriggio, già con questi abbiamo fatto tardissimo :sorrisone: 

 

9 ore fa, dr.pitch dice:

Ma non c'era la storia che i 57 erano belli, ma quelli vecchi...mentre le nuove serie sono come descritto da Lory?

 

Sapevo anch'io la storia dei 57 vecchi-nuovi, ma non ho mai indagato... quelli che abbiamo provato sono recentissimi, visto che erano i pups di serie della chitarra usata per le prove.

 

Sui 57 faccio una piccola precisazione: non è che siano brutti in senso assoluto (così come molti pickups), specialmente sparati in una 800 con gli alti belli croccanti di suo... però la prova aveva lo scopo di confrontare repliche PAF, ed è in relazione a questo che ho espresso le mie impressioni, condivise con gli altri partecipanti ;) 

Diciamo che, facendo una classifica inversa, i più lontani dai PAF tra quelli provati sono:

- 57 classic

- PMS-59

- CustomBucker 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Concordo con lory ma per me e come sempre imho gli wizz hanno quel marcio che sulle alte non si batte...

Bravo Lorenzo!!

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Io invece mi ritrovo un po' poco in queste impressioni.

qualche anno fa con Mirko, Francè, Tone Anderson facemmo una comparativa con i Paf di Francè e PMs59, SD e altri che manco ricordo. Gli SD certamente vincenti, ma i PMS59 erano risultati davvero ottimi e con il giusto feel (la discussione dovrebbe pure esserci da qualche parte).

Concordo però che i PMS 57 sono più azzeccati come Paf, avuti 3 set.

Sui Classic 57 ne ho avuti a manciate, ma tutti "vecchio stampo" e non li ho trovati mai scarichi di bassi. Mediosi e magari un po' muddy, ma piacevoli.

Avuto pure i Wizz, penso i Paf che mi sono piaciuti meno, vetrosi in alto fino a darmi i nervi. Durati 3 giorni, ma non micorfonici fortunatamente.

Gli OX4 che secondo me hanno le alte un pelo "sottili" restano invece un ottimo Paf clone nella fascia di prezzo "ragionevole" :P :P, bellissimi l'alnico 4 al manico.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Senza polemica ma... ho la sensazione che pochi abbiano letto l'introduzione, quindi la riporto qua di nuovo:

 

sapevamo già prima di iniziare che questa prova sarebbe stata limitata, oltre che dall’impossibilità (soprattutto economica) di procurarsi TUTTI i pickup sul mercato - e magari anche più set dello stesso produttore -  dal fatto che alcuni pickups si sarebbero sposati al meglio con quella determinata chitarra, esaltando le caratteristiche di base dei legni, ed altri meno… in pratica quello che avrebbe reso la prova “scientifica”, cioè il mantenere fissa la costante “chitarra”, sarebbe stato al contempo anche il fattore che avrebbe reso la prova non esaustiva, perché con altre chitarre si sarebbero potuti ottenere altri risultati.

Prendete dunque cum grano salis la nostra classifica

 

A conferma di questo, io ho al momento tre LP... e su ognuna sta bene un set di pickups diverso, quindi lo stesso discorso vale anche per la chitarra della prova ;)

L'accoppiamento con la chitarra giusta è fondamentale, non ci piove... forse solo gli SD mi piacciono sempre e ovunque, ma anche in quel caso ne ho provati 4 set in tutto, magari ho avuto culo (e comunque i due set che ho io sono finiti sulle rispettive chitarre dopo averli provati per bene su entrambe).

 

Un'altra considerazione infatti si può fare sui costruttori che avvolgono a mano: è abbastanza evidente che ci siano differenze piuttosto marcate tra un pickup e l'altro, anche dello stesso produttore; giusto per fare un esempio, su 4 set di Wizz provati personalmente ne tempo, uno era ok, due erano molto microfonici, e uno proprio insuonabile (a gain/volume alto andava in larsen anche senza suonare); qui dentro invece molti hanno set di Wizz non microfonici e con cui sui trovano bene... e visto che Mosquito e Oby suonano agli stessi volumi da cameretta miei, direi che non c'è da dubitarne: se fossero microfonici il larsen li avrebbe stroncati sul colpo :lol:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Era solo per riportare altre impressioni, non certo per criticare le tue ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
10 minuti fa, Ric67 dice:

Era solo per riportare altre impressioni, non certo per criticare le tue ;)

 

Si si Ric, è chiaro... e un po' me lo aspettavo che ci sarebbero state impressioni diverse, proprio per i motivi sopra ;)

O meglio, me lo aspettavo su quasi tutto... sui 57 Classic no, perché del suono PAF non hanno proprio nulla, e di tutti quelli avuti - vecchi e nuovi - non me ne ricordo uno che suonasse "da PAF" (il che non significa che suonino male, eh).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

You need to be a member in order to leave a comment

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra comunità. È facile!


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora